Superbike: al Paddock Show di Imola conferenza stampa della vigilia, parlano i piloti

Superbike: al Paddock Show di Imola conferenza stampa della vigilia, parlano i piloti

Presenti alcune scuole del comune romagnolo

di Redazione Corsedimoto

Presso il Paddock Show dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari, che ospiterà questo fine settimana il secondo round della stagione 2012 World Superbike, si è tenuta poco fa una conferenza stampa organizzata da Infront Motor Sports (presente il General Manager SBK Paolo Ciabatti), con la collaborazione del Comune di Imola (rappresentato dal sindaco Daniele Manca) e di Formula Imola (nella persona del presidente Uberto Selvatico Estense), società che gestisce l’autodromo del “Santerno”. L’appuntamento, inserito all’interno di un progetto volto a sensibilizzare i giovani sul tema della sicurezza stradale, ha visto la partecipazione studenti di due istituti (IPIA ed ITIS)  della città romagnola, che hanno avuto l’occasione di interagire con graditi ed importanti ospiti. Sono stati presenti all’evento, infatti, cinque tra i protagonisti di questa competizione, ovvero il campione in carica Carlos Checa (Ducati Althea), il leader della classifica Max Biaggi (Aprilia Racing Team), il britannico Jonathan Rea (Honda World Superbike), Michel Fabrizio (BMW Motorrad Italia GoldBet SBK),e Marco Melandri (BMW Motorrad Motorsport), i quali hanno inoltre  potuto dire la loro riguardo al tema della sicurezza in sella, soprattutto per quanto concerne la vita di tutti i giorni. “Mi è capitato di andare nelle scuole in passato per la sicurezza stradale”, afferma Marco Melandri, “e con le solite frasi fatte ho visto che i ragazzi si annoiavano. Quindi preferisco dire che se si vuole andare forte in moto, bisogna farlo in pista con tutte le precauzioni del caso. In strada la moto ed il motorino sono semplicemente dei mezzi per spostarsi, bisogna stare attenti e fare attenzione ad ogni pericolo, soprattutto ai guidatori di automobili e camion che solitamente non rispettano i motociclisti”. “E’ complicato fare il bacchettone in queste occasioni”, ha detto Max Biaggi. “Noi da giovani, tempo fa, abbiamo corso il rischio di andare forte in strada e ci siamo salvati. Solo ora vedo l’immagine completa e mi ritengo fortunato. Quando si gira la chiavetta bisogna sincronizzarla al cervello, si deve stare attenti”. Nel corso della conferenza c’è stato anche lo spazio per alcune dichiarazioni dei piloti riguardo all’evento che avrà inizio domani e che rappresenta la prima tappa europea di questo 2012. “La pista mi è sempre piaciuta”, ha dichiarato Michel Fabrizio, BMW Motorrad Italia GoldBet. “Qui in passato ho sempre fatto bene. La moto è molto buona, il team sta lavorando alla grande. Non mi aspettavo la S 1000 RR così competitiva, negli scorsi anni da diverse persone mi è stato detto che si trattava di un mezzo complicato e “incasinato”, ma in realtà non è così”. “Posso dire che è bello tornare qui”, ammette invece Jonathan Rea, Honda World Superbike Team. “L’anno scorso qui c’è stata la svolta, sono tornato a divertirmi in sella dopo che ho avuto paura che la mia carriera fosse al termine. Amo questo tracciato, la moto si adatta molto bene alla pista e spero mi permetterà di dare il massimo. Il tratto che mi piace di più è alle “Acque Minerali”, quando nello scollinamento vedi tutti gli alberi sullo sfondo”. “Questa è una delle piste storiche del mondiale”, ha dichiarato il Campione del Mondo in carica Carlos Checa. “Lo scorso anno ho vinto ma sono stato fortunato, perché Jonathan (Rea) ha avuto un problema tecnico mentre era in testa alla corsa. Spero di poter lottare per la vittoria, so che abbiamo ciò che serve per farlo”. “Lo scorso anno è stata una delle gare più difficili”, ha detto invece Marco Melandri, “in quanto non siamo riusciti a trovare un buon set-up per la moto. Ora invece si tratta di una nuova avventura, spero che non incapperemo nei problemi di Phillip Island”. Infine spazio al capoclassifica di campionato, Max Biaggi. “Spero che vada meglio quest’anno. La scorsa stagione ero assente a causa dell’infortunio, ma mi è stato detto che con il nuovo manto d’asfalto la pista è migliorata notevolmente ed è anche più veloce. Ricordo che qui ho vinto 15 anni fa nel mondiale 250cc, grazie ad un cambiamento nel comportamento del motore tra venerdì e sabato. Siamo reduci da un’ottima prova a Phillip Island, il recupero fatto in gara due è stato incredibile, non avrei mai pensato prima di quel momento che cose del genere fossero possibili”.  Valerio Piccini Servizio Fotografico: Diego De Col

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy