Stefan Bradl: “Una pole incredibile”

Stefan Bradl: “Una pole incredibile”

Commenta per primo!

Ha regalato al team LCR Honda una pole che mancava da 7 anni (Losail 2006, Casey Stoner) ed al motociclismo tedesco un risultato senza precedenti nella storia del Motomondiale dal 1949 ad oggi per quanto concerne la classe regina. Stefan Bradl, Campione del Mondo Moto2 2011 ed al secondo anno in MotoGP con LCR Honda, al Mazda Raceway di Laguna Seca ha conquistato la sua prima pole position in carriera nella top class, un exploit che gli mancava da Misano 2011 in Moto2. Artefice di un giro perfetto, il figlio d’arte domani scatterà davanti a tutti con l’obiettivo di disputare una bella gara e con tutte le credenziali per riuscirci.

Devo dire che conquistare una pole in MotoGP è una sensazione davvero incredibile“, afferma Stefan Bradl. “Riuscirci proprio su un circuito mitico come Laguna Seca e diventare il primo pilota tedesco nella storia della classe regina è qualcosa di sensazionale: non potrei chiedere davvero di più!

A parte nel giro da qualifica, è tutto l’arco del weekend che siamo molto veloci qui a Laguna Seca. Sin dal primo turno di prove libere avevo un buon feeling con la moto, lo abbiamo riconfermato in tutte le sessioni sia sul passo che sul giro da qualifica. Con la squadra abbiamo trovato un buon set-up di base, tanto che per il giro che è valso la pole abbiamo apportato soltanto piccoli aggiustimenti.

Nelle qualifiche sapevo di avere una buona possibilità di ritrovarmi in prima fila, ma purtroppo nel primo tentativo ho perso mezzo secondo per un piccolo problema. In quel momento non ho perso la calma e nel secondo tentativo ho realizzato un giro praticamente perfetto.

Per la gara spero innanzitutto di partire bene e di non perdere contatto con gli altri piloti: ho un buon passo, ma non sono l’unico. Di sicuro dopo questa pole cercherò di dare del mio meglio perchè per tutto il weekend siamo andati bene su questa pista“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy