MotoGP Misano Qualifiche: spaziale pole di Marquez, Lorenzo e Rossi in prima fila

MotoGP Misano Qualifiche: spaziale pole di Marquez, Lorenzo e Rossi in prima fila

Commenta per primo!

Ha comandato tutti i turni di prove concedendosi persino una scivolata al culmine del “Curvone” nel corso della mezz’ora di prove pre-qualifiche. Un piccolo contrattempo che non ha fermato il fenomeno di Cervera, il nuovo “craque” del motociclismo: all’esordio al “Misano World Circuit Marco Simoncelli” in sella ad una MotoGP, Marc Marquez ha messo a segno la sesta pole position stagionale ed in carriera nella top class dopo Austin, Le Mans, Sachsenring, Indianapolis e Silverstone, la 34esima complessiva nelle tre classi del Motomondiale. Nonostante la caduta autore nelle FP4 di un promettente 1’33″912, nel “time attack” finale il capoclassifica di campionato ha tolto un altro 1″ (!) con il risultato di produrre uno spaziale 1’32″915, nuovo primato assoluto della pista sotto all’1’33″138 siglato nel 2011 dal suo predecessore in HRC Casey Stoner.

Verrebbe da dire, dopo la pole “monstre” di Silverstone, il “solito” Marc Marquez, deciso domani non soltanto a rafforzare la leadership in campionato, ma se possibile far sua la quarta vittoria di fila sull’ex tracciato Santamonica dopo i precedenti successi del 2010 tra le 125cc e nell’ultimo biennio nella classe Moto2. Tutto volge al meglio per il portacolori Repsol Honda, in un decisivo “Q2” delle qualifiche ufficiali che ha proposto in prima fila le due Yamaha YZR M1 Factory dotate del nuovo cambio “seamless” affidate a Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, rispettivamente secondo e terzo, ma accusando qualcosa come 513 e 658 dalla pole di Marquez. Per entrambi resta la parziale soddisfazione di presentarsi domani accanto al Campione del Mondo Moto2 in carica nellos chieramento di partenza, specie per Valentino Rossi che fa sua la seconda prima fila stagionale dopo il Sachsenring, questa volta senza illustri assenti.

Il “Dottore”, in pista indossando un casco speciale per il GP di Misano 201 riprendendo uno dei successi dei Pink Floyd “Wish you were here” (“Vorrei che tu fossi qui“, riferito al compianto amico Marco Simoncelli), è così riuscito ad estromettere dalla top-3 Dani Pedrosa, quarto scontando 8 decimi abbondanti rispetto al compagno di squadra, mostrandosi nervoso al rientro ai box al termine della prima uscita. Gara in salita per il pluri-Campione del Mondo di Sabadell, in seconda fila accanto al “ripescato” d’eccezione Cal Crutchlow (qualificatosi passando per il “Q2”) e Aleix Espargaro, sesto assoluto con la ART-Aprilia CRT del team Aspar. Prenderanno il via dalla terza fila Stefan Bradl e Alvaro Bautista seguito dal poker di Ducatisti formato nell’ordine da Andrea Dovizioso, Nicky Hayden, Michele Pirro (il più veloce nel “Q1” in 1’34″678, meglio persino di uno “specialista” come Crutchlow) e Andrea Iannone.

Non ha invece superato (l’unico con un prototipo MotoGP 1000cc) la “tagliola” del “Q1” invece Bradley Smith, sfortunato protagonista di una scivolata al “Carro”, ritrovandosi di conseguenza tredicesimo in griglia a precedere Colin Edwards, secondo tra i “Claiming Rule Team” con la FTR Kawasaki del Forward Racing seguito da un “ritrovato” Hiroshi Aoyama (BQR-FTR Kawasaki di Avintia Blusens), Randy De Puniet (ART Aspar) ed Hector Barbera. Scatterà dalla diciottesima casella Claudio Corti, in pista con un casco-omaggio alle frecce tricolori, per una manciata di millesimi meglio rispetto a Danilo Petrucci, con la Ioda Suter BMW scivolato in piena FP4 all’ingresso della “Variante del Parco” dopo prove da protagonista ritrovandosi a lungo quale primo inseguitore di Aleix Espargaro nella classe CRT. Domani, alle 14:00 in punto, il via della gara con 28 tornate del Misano World Circuit Marco Simoncelli da percorrere.

MotoGP World Championship 2013
Misano World Circuit Marco Simoncelli, Classifica Qualifiche (Q2)

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’32.915
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.513
03- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.658
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.811
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.099
06- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.113 (CRT)
07- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1.183
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 1.315
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.423
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.447
11- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.552
12- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.604

Classifica Q1

01- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – 1’34.678
02- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.016
03- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.191
04- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 0.496 (CRT)
05- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR – + 0.856 (CRT)
06- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.918 (CRT)
07- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 1.188 (CRT)
08- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.207 (CRT)
09- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 1.349 (CRT)
10- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 2.110 (CRT)
11- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 2.166 (CRT)
12- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 2.199 (CRT)
13- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 2.605 (CRT)
14- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 3.208 (CRT)

La Griglia di Partenza

01- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
03- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V
05- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
06- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
07- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V
08- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
11- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
12- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
13- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
14- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
15- Hiroshi Aoyama – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
16- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
17- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
18- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
19- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
21- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
22- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
23- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
24- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy