MotoGP: i commenti dei piloti dopo le prove del venerdì a Losail

MotoGP: i commenti dei piloti dopo le prove del venerdì a Losail

I 17 piloti della classe regina pronti per le qualifiche ufficiali

Commenta per primo!

I due turni di prove del venerdì a Losail hanno consentito al Repsol Honda Team di celebrare la prima “tripletta”, con Casey Stoner al comando davanti a Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso. Un bel risultato per la squadra ufficiale HRC con i tre piloti logicamente soddisfatti, come hanno avuto modo di dichiarare a fine serata a Losail al contrario di altri protagonisti della top class costretti ad inseguire… Casey Stoner (Repsol Honda Team), 1°Abbiamo fatto quasi tutto il secondo turno di prove con gomme usate per capire meglio il nostro ritmo per la gara. Sono molto contento perché abbiamo girato con un passo molto veloce, completando circa trenta giri con la stessa gomma anteriore che ha funzionato molto bene. Abbiamo lavorato un po’ sulla pressione delle gomme, ma in generale sembrano molto constanti dall’inizio alla fine. Oggi avevamo anche qualche altro dettaglio da provare e se nella prima sessione non abbiamo fatto grossi passi in avanti rispetto a ieri, nel secondo turno di oggi abbiamo migliorato molto. Sono molto soddisfatto del passo, di come guido e anche della messa a punto della moto“. Dani Pedrosa (Repsol Honda Team), 2°Abbiamo fatto un buon lavoro, soprattutto nella terza sessione. Ad inizio turno ci siamo concentrati per fare un buon giro e poi abbiamo lavorato sul passo. Sono contento di come stanno andando le cose anche se sappiamo che ci sono delle aree che possiamo migliorare per guadagnare ancora qualche decimo e domani continueremo a provarci per puntare ad una buona qualifica. Su questa pista la mia miglior posizione in griglia è stata finora la sesta piazza così vorrei veramente riuscire questa volta a partire dalla prima fila. Nella prima sessione di oggi abbiamo provato sia la gomma media che la dura ed entrambe hanno lavorato bene. Credo che la dura sia più adatta per la gara, anche se correremo un’ora più tardi rispetto ad oggi. La media invece è di sicuro la scelta migliore per le qualifiche“. Andrea Dovizioso (Repsol Honda Team), 3°Sono contento del lavoro fatto oggi durante i due turni di prove e della terza posizione, anche se non basta perché Casey e Dani sono molto veloci, così continueremo a lavorare per guadagnare qualche decimo. Il team ha fatto un ottimo lavorare per minimizzare la vibrazione a centro curva che ci ha limitato ieri. Abbiamo prima cambiato il cerchio anteriore, senza toccare la messa a punto, e la vibrazione è diminuita. Poi abbiamo modificato il set up della forcella, un passo intermedio tra la versione 2010 e 2011. Il feeling è migliorato anche se abbiamo perso un po’ i vantaggi della forcella 2011, quali la stabilità in frenata ed in ingresso di curva. Domani continueremo a lavorare sulla forcella con l’obiettivo di fare delle buone qualifiche e centrare una buona posizione in griglia. Sono abbastanza tranquillo di poter migliorare. Non solo , la gara sarà diversa dalle prove, lunga e molto stancante“. Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing Team), 4°Oggi è andata abbastanza bene. Sono contento dei progressi che abbiamo fatto durante le due sessioni di oggi. La moto mi piace molto di più e siamo migliorati molto rispetto ai test di settimana scorsa. Facciamo ancora fatica a stare vicino ai piloti più veloci ma non ci arrendiamo e domani continueremo a lavorare per cercare di guadagnare un altro mezzo secondo. Sarà una gara molto lunga e abbiamo un buon passo, quindi penso che il podio sia alla nostra portata“. Ben Spies (Yamaha Factory Racing Team), 5°Oggi non abbiamo fatto cose pazzesche ma siamo stati costantemente veloci e vicini alla testa della classifica. Le premesse per domani sono buone e penso che faremo una buona sessione di qualifica. Abbiamo apportato alcuni cambiamenti all’assetto della moto: forse non ci consentiranno di vincere la gara, ma confido che ci consentano di lottare per un posto tra i primi cinque e magari per il podio. Sappiamo che abbiamo ancora un po’ di strada da fare per avvicinarci ai piloti più veloci ma ce la metteremo tutta e sono curioso di vedere dove potremo arrivare“. Hector Barbera (Mapfre Aspar Team), 6°Ieri ho concluso terzo, oggi abbiamo migliorato di poco i tempi e sono sesto. Non è male, ma c’è ancora una gara da disputare, se non altro abbiamo iniziato bene la stagione e questi risultati ci danno morale. Sono contento di queste prestazioni raggiunte nei due giorni anche se dobbiamo migliorare la costanza di rendimento: per raggiungere un buon risultato dobbiamo girare sull’1’56” basso. La terza sessione di prove è andata meglio rispetto alla seconda, non abbiamo apportato modifiche significative alla moto, ci stiamo dedicando a perfezionare i dettagli. Con le morbide ho provato un long run e non è andata bene, la scelta delle gomme resta fondamentale anche se mi son trovato bene con le due mescole a disposizione. Verso il termine della sessione ho visto la caduta di Alvaro, so che è una cosa seria, spero si rimetta in sesto“. Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3), 7°Questa sera siamo andati molto bene dopo una prima sessione non proprio facile. Ho avuto qualche difficoltà di troppo a far lavorare bene le gomme dure che credo sia la scelta più giusta per la gara: per questo con la squadra ed i tecnici Ohlins abbiamo trovato una soluzione e siamo vicini a trovare una buona messa a punto. Prima la moto si muoveva troppo non potevo chiudere le curve, adesso con qualche modifica alla sospensione posteriore va un milione di volte meglio. Dopo otto giri ho fatto un buon 1’56″3, quindi abbiamo delle buone sensazioni al riguardo. Per oggi mi ero promesso di trovare mezzo secondo e lo abbiamo fatto, complimenti a tutto il team: adesso sono molto più fiducioso e sempre più convinto che disponiamo di un pacchetto davvero competitivo“. Valentino Rossi (Ducati Marlboro Team), 8°Oggi abbiamo fatto un po’ più fatica di ieri perché speravamo di essere più veloci e invece non abbiamo migliorato abbastanza il nostro tempo. Innanzi tutto la spalla mi ha dato un po’ più fastidio, avevo meno forza di ieri e alla fine del turno lo sentivo. E poi non conosciamo ancora perfettamente questa moto e, come ci è già successo nei test, ad un certo punto abbiamo trovato qualche difficoltà a fare uno step ulteriore. E’ anche una questione di esperienza. Stiamo cercando di lavorare sulla distribuzione dei pesi, soprattutto sul posteriore, però non abbiamo ancora trovato il compromesso giusto. Ci manca un mezzo secondo di passo per stare nel gruppetto dove speriamo di essere per domenica. Comunque, oggi abbiamo provato due soluzioni di set-up abbastanza diverse e ne abbiamo scelto una che domani cercheremo di affinare meglio“. Randy De Puniet (Pramac Racing Team), 9°Oggi è stata una buona giornata, abbiamo provato alcune soluzioni di elettronica e di trazione di controllo per la gara e abbiamo trovato soluzioni interessanti. Sono riuscito anche a provare per la prima volta i pneumatici morbidi e non ho notato una grande differenza confronto a quelli duri. Non so ancora quali pneumatici utilizzerò per tentare il miglior tempo sul giro domani, ne ho a disposizione tre morbidi e due duri, invece per la gara molto probabilmente userò quelli duri. Siamo tutti molto vicini, a parte i primi due che al momento sembrano inavvicinabili, per questo momento ogni millesimo di secondo che riusciremo a guadagnare domani sarà determinante“. Loris Capirossi (Pramac Racing Team), 10°Devo dire che in generale il primo giorno di prove è stato difficile, ma dopo un cambiamento importante tra le due sessioni odierne la situazione è nettamente migliorata. Sono soddisfatto del tempo sul giro che ho registrato e penso che domani in qualifica possiamo guadagnare ancora qualche decimo. Anche il ritmo di gara è buono e questo mi rasserena ancora di più per questa prima tappa del mondiale“. Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech 3), 11°Non posso chiedere di più perchè sono molto vicino alla top-6. Non ho seguito nessuno in pista, ho girato per conto mio e questo mi ha dato fiducia perchè sono riuscito a raggiungere buoni tempi senza l’aiuto di nessuno. Attualmente con le gomme di mescola più dura mi trovo meglio, viaggiando costantemente sull’1’56” e questo è davvero un passo avanti, soltanto la posizione in classifica non ci rende pieno merito. Adesso oltre al dito ho male anche alla spalla, ma non mi posso lamentare. Verso la conclusione delle prove ho messo una gomma morbida e puntavo a migliorare il mio tempo, ma l’anteriore aveva già qualche giro all’attivo e questo mi ha causato dei problemi di vibrazione. Mi sento comunque a mio agio sulla moto e per le qualifiche abbiamo qualche idea per migliorarci ulteriormente“. Hiroshi Aoyama (San Carlo Honda Gresini), 12°E’ stata una giornata difficile perché ci siamo impegnati per capire la scelta dei pneumatici da utilizzare per la gara ed abbiamo lavorato con due gomme dalle caratteristiche diverse. Domani il nostro lavoro si concentrerà su un solo pneumatico e questo renderà tutto più facile. Su questo circuito è difficile fare delle scelte perché le condizioni della pista cambiano molto prova dopo prova. In ogni caso, anche se oggi non è stata una gioranata positiva, sono fiducioso per le qualifiche di domani e per la gara“. Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), 13°Non sono particolarmente soddisfatto delle prove di oggi.. Siamo rimasti al livello degli altri turni mentre gli altri hanno fatto progressi. Con le indicazioni ed i dati raccolti dovremmo riuscire a migliore il passo di 3/4 decimi ed allora saremo in grado di fare una bella gara restando tra i primi sei. Se però non facciamo questo miglioramento vedo tutto molto difficile. Il problema è che ci manca un po’ di grip e non riesco a guidare come mi piacerebbe, non sono confidente con la moto. Stoner e Pedrosa sono attualmente su un altro pianeta ma io sono convinto che la posizione attuale non rispecchia le mie potenzialità e quelle della moto. Domani ci concentreremo per recuperare il terreno perso oggi“. Nicky Hayden (Ducati Marlboro Team), 14°Oggi non è andata molto bene, ho migliorato troppo poco il mio crono e di conseguenza sono scivolato dietro in classifica. Sono in difficoltà nelle curve lunghe ma, onestamente, avrei dovuto essere più veloce di così. Invece, dopo due giorni di test e due di prove i miei tempi non sono scesi. E’ frustrante essere così indietro alla vigilia della prima gara ma la mia squadra sta lavorando tantissimo e, insieme, cercheremo di trovare un set up migliore, sia per il passo di gara sia per riuscire a sfruttare di più le gomme morbide, con le quali al momento non facciamo la differenza in termine di prestazione pura, come dovremmo“. Karel Abraham (Cardion AB Motoracing), 15°Posso ritenermi soddisfatto dei risutlati della seconda e terza sessione di prove libere. Siamo riusciti a migliorare i nostri tempi e sebbene il distacco non sia diminuito, pensando alla gara abbiamo una buona messa a punto. Oggi abbiamo provato le due gomme a disposizione di mescola dura e morbida, penso che abbiamo un buon set-up per le due soluzioni in vista della corsa“. Toni Elias (LCR Honda MotoGP), 17°Stiamo attraversando un momento difficile nonostante la mole di lavoro che stiamo portando avanti cambiando la moto di continuo. Oggi abbiamo lavorato di nuovo sulla geometria del telaio e sulle sospensioni per migliorare il feeling del posteriore ma mi manca grip e non riusciamo a scaldare abbastanza la gomma. Così non mi sento a mio agio soprattutto un uscita di curva ma c’è ancora un turno domani per provare altre regolazioni in vista della gara“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy