MotoGP Barcellona Qualifiche: Pedrosa ancora in pole, Crutchlow 2°, Rossi in terza fila

MotoGP Barcellona Qualifiche: Pedrosa ancora in pole, Crutchlow 2°, Rossi in terza fila

di Redazione Corsedimoto

Sul tracciato di casa Dani Pedrosa non poteva celebrare con la conquista della pole position il 200esimo gettone di presenza nel Motomondiale. In un decisivo (ed “infuocato”) Q2 delle qualifiche ufficiali, il tri-Campione del Mondo e portacolori del Repsol Honda Team con un sensazionale 1’40″893 ha fatto sua la seconda pole position stagionale e consecutiva dopo il Mugello, la 26esima in carriera nella MotoGP, la 44esima complessiva nel Motomondiale. Davvero un gran giro (ed un vero e proprio “tempone”) per il 27enne nativo di Sabadell vice-Campione del Mondo in carica ed attuale capoclassifica di campionato, deciso domani a tornare sul gradino più alto del podio al Circuit de Catalunya di Montmelò ad un lustro di distanza dall’ultima affermazione conseguita, da assoluto dominatore, nella stagione 2008.

Un traguardo, tempi e progressione velocistica evidenziata nei quattro turni di prove, alla portata del catalano dal 2006 pilota ufficiale HRC nella classe regina, bravo nei 15 minuti di “time attack” a spremere tutto il potenziale della propria Honda RC213V Factory Spec. e sfruttare le disavventure occorse ai suoi più diretti avversari nella corsa al titolo. Se ormai non sorprende più Cal Crutchlow, secondo con la Yamaha YZR M1 “Satellite” del Team Tech 3 e nuovamente in prima fila come già gli era capitato a Losail (ed in 7 distinte occasioni nel 2012), Jorge Lorenzo non è andato oltre il terzo riferimento cronometrico a seguito di un problema riscontrato (apparentemente alla frizione) alla sua prima M1 a disposizione. Qualche attimo di tensione e nervosismo per il maiorchino, ma tutto si è risolto nel finale consentendo al Campione del Mondo in carica di ottenere un posto in prima fila seppur preceduto, per soli 65 millesimi, da un “The Dog” sempre più protagonista della MotoGP e di un’investitura di pilota ufficiale. Non da meno, e da rimarcare, la prestazione di Alvaro Bautista, 4° ed alla miglior qualifica stagionale con la Honda RC213V equipaggiata da sospensioni Showa del team Gresini, meglio rispetto a Nicky Hayden (5°) e Marc Marquez, inaspettatamente sesto dopo una gran mattinata nella conclusiva sessione di prove libere.

E Valentino Rossi? La sua “solita” qualifica stagionale, settimo ed in terza fila come già accaduto a Losail (7°), Austin (8°), Le Mans (8°) e Mugello (7°) con la sola eccezione (che conferma la regola) del quinto crono di Jerez. Il “Dottore” in previsione della gara di domani potrà in ogni caso vantare un buon passo gara (specie con le gomme di mescola più dura, soluzione quasi inevitabile con 60° di temperatura dell’asfalto), ma sarà nuovamente costretto a prender il via da una posizione “problematica” nello schieramento di partenza con accanto le Ducati di un positivo Andrea Iannone (8°) e Andrea Dovizioso (9° dopo due prime file consecutive tra Le Mans e Mugello), seguito da Stefan Bradl (10°), Bradley Smith (11° ed il più veloce nel “Q1”) e la prima CRT, nello specifico la ART-Aprilia di Aleix Espargaro.

Scatteranno invece dalla quinta fila, eliminati nel corso del “Q1”, Randy De Puniet, Michele Pirro (4° nell’ultima decisiva sessione di qualifica, 14° in griglia con la Ducati Desmosedici GP13 Laboratorio in sostituzione dell’infortunato Ben Spies) ed Hector Barbera, più staccati i nostri Danilo Petrucci (Ioda Suter BMW) e Claudio Corti (FTR Kawasaki del Forward Racing) rispettivamente in diciottesima e diciannovesima posizione. In fondo al gruppo l’esperto pilota iberico Javier Del Amor, specialista e protagonista del CEV Stock Extreme dove ha corso con BMW, Ducati e Suzuki, convocato all’ultim’ora per sostituire in Avintia Blusens BQR Hiroshi Aoyama, caduto nella terza sessione di prove libere e costretto alla resa definitiva per il weekend.

MotoGP World Championship 2013
Circuit de Catalunya, Classifica Qualifiche (Q2)

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 1’40.893
02- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.608
03- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.673
04- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.821
05- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.907
06- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.949
07- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 1.066
08- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.070
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13 – + 1.160
10- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 1.197
11- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.655
12- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 1.985 (CRT)

Classifica “Q1”

01- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – 1’42.607
02- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.053
03- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 – + 0.579 (CRT)
04- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 – + 0.723 (CRT)
05- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR – + 1.052 (CRT)
06- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.376 (CRT)
07- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 – + 1.755 (CRT)
08- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 1.762 (CRT)
09- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki – + 1.996 (CRT)
10- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 – + 2.023 (CRT)
11- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 – + 2.306 (CRT)
12- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 – + 2.834 (CRT)
13- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW – + 3.695 (CRT)
14- Javier Del Amor – Avintia Blusens – BQR FTR – + 6.345 (CRT)

La Griglia di Partenza

01- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V
02- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
03- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
04- Alvaro Bautista – GO&FUN Honda Gresini – Honda RC213V
05- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
06- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V
07- Valentino Rossi – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1
08- Andrea Iannone – Energy T.I. Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13
09- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP13
10- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V
11- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1
12- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
13- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP13 (CRT)
14- Michele Pirro – Ignite Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP13 (CRT)
15- Hector Barbera – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)
16- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
17- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – ART GP13 (CRT)
18- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
19- Claudio Corti – NGM Mobile Forward Racing – FTR Kawasaki (CRT)
20- Michael Laverty – Paul Bird Motorsport – PBM 01 (CRT)
21- Yonny Hernandez – Paul Bird Motorsport – ART GP13 (CRT)
22- Bryan Staring – GO&FUN Honda Gresini – FTR Honda MGP13 (CRT)
23- Lukas Pesek – CAME Iodaracing Project – Ioda Suter BMW (CRT)
24- Javier Del Amor – Avintia Blusens – BQR FTR (CRT)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy