HRC, motore nuovo per Stoner a Laguna Seca, Pedrosa scommette sulle novità 2013

HRC, motore nuovo per Stoner a Laguna Seca, Pedrosa scommette sulle novità 2013

Sforzo della HRC, debuttano le novità 2013 in California

di Redazione Corsedimoto

Uno sforzo incredibile, anche per un colosso come la HRC. A poco meno di due settimane dalla giornata di test post-gara al Mugello e con soltanto un paio di mesi di “gestazione”, a Laguna Seca il team ufficiale Repsol Honda affiderà ai due piloti titolari le novità inizialmente studiate in ottica 2013: nuovo motore installato sulla ciclistica attuale per Casey Stoner, telaio e motore nuovi di fabbrica per Dani Pedrosa.

Partendo proprio dal tri-Campione del Mondo, a Laguna Seca il buon Dani avrà la possibilità di comparare l’attuale RC213V con la versione 2013 testata al Mugello. “Nei test siamo riusciti a trovare delle buone sensazioni sia per quanto concerne il nuovo motore che per la nuova ciclistica: penso ci saranno d’aiuto nella seconda parte della stagione“, aveva dichiarato il pilota catalano dopo la prima presa di contatto con la nuova RCV.

Dopo i problemi di bilanciamento incontrati per l’extra-peso minimo imposto quest’anno dal regolamento, chattering e alla gomma anteriore, siamo riusciti a fare un passo avanti. Honda sta lavorando duramente e, ne sono convinto, farà di tutto per accontentarci e metterci a disposizione delle nuove parti già per Laguna Seca.

E’ andata proprio così, anche per quanto concerne Casey Stoner, che si era espresso senza mezzi termini al termine del test al Mugello. “Riguardo al motore, ci sono dei sostanziali miglioramenti: si sfrutta meglio, c’è più potenza. Per quando concerne la ciclistica, non ho trovato grandi passi avanti. Abbiamo provato cose diverse, ma non ci sono dei vantaggi rispetto alla moto attuale.

Su certi aspetti ci sono dei piccoli miglioramenti, ma niente in termini di performance o tempi sul giro, c’è soltanto qualcosa in più in termini di feeling in staccata. Non era proprio questo quello che stavamo cercando: il nostro obiettivo era trovare una soluzione al chattering, non è andata così. L’ideale sarebbe disporre del nuovo motore e dell’attuale telaio, trovo che sia la combinazione migliore.”

Richiesta esaudita anche per il Campione del Mondo in carica: motore nuovo (più “dolce” soprattutto in termini di erogazione) collocato sull’attuale telaio che offre maggiori garanzie, ma non sufficienti per debellare definitivamente il “morbo del chattering”…

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy