Honda Crosstourer

Honda Crosstourer

Da un concept nasce il Crosstourer con motore V4

Commenta per primo!

Honda amplia la sua gamma di modelli all’avanguardia con motore V4 introducendo il nuovo Crosstourer, in precedenza lanciato come concept ad Eicma 2010. Il Crosstourer assicura tutto il divertimento e le emozioni di una vera tourer sportiva, con la comoda posizione di guida eretta e la manovrabilità di una vera moto Adventure, rafforzata dalla proverbiale affidabilità del V4 Honda ed enfatizzata dalla possibilità di scegliere la versione con cambio sequenziale a doppia frizione dotato di nuove funzionalità. Il team di sviluppo guidato da Yosuke Hasegawa (Large Project Leader) mirava a creare una moto che trasmettesse al pilota tutto il senso della sfida e dell’avventura. Nel corso della creazione e dello sviluppo le frasi più ricorrenti rispetto alle sensazioni che avrebbe dovuto provare il pilota erano: “Posso farlo. Posso raggiungere un posto così.” Che si tratti di un lungo viaggio su strade e autostrade, oppure un’avventura fra le montagne verso una destinazione remota, il team di sviluppo del Crosstourer aveva come obiettivo la creazione di una moto adatta ad ogni scopo, una perfetta compagna di viaggio, che sapesse offrire allo stesso tempo un design unico e di alta classe, unito a tecnologie all’avanguardia. Il Crosstourer combina le caratteristiche delle tourer sportive, con il suo potente motore V4 di derivazione VFR1200F, con le caratteristiche delle moto off-road come le sospensioni a lunga escursione e la posizione di guida eretta, che assicurano grande manovrabilità e padronanza della moto in ogni situazione. Questa fusione rende il Crosstourer unico e assolutamente versatile, capace di affrontare i terreni più accidentati mantenendo una superba qualità di guida e offrendo un preciso controllo ad ogni andatura, anche grazie alla posizione di guida eretta che assicura comfort e perfetta visibilità. Il motore del Crosstourer, un poderoso V4 dalla coppia eccezionale e dall’elasticità esemplare, equipaggia anche la versione con cambio sequenziale a doppia frizione (Dual Clutch Transmission), una scelta assolutamente in sintonia con lo spirito pionieristico del Crosstourer, che mette così a disposizione del pilota tutta l’efficacia della gestione robotizzata del cambio in modalità automatica, e tutta la libertà della funzionalità manuale con i pratici comandi al manubrio, senza tralasciare la possibilità di passare dall’una all’altra modalità in ogni momento. Equipaggiato di serie con il controllo di trazione (Traction Control System) il Crosstourer è inoltre sicuro su ogni fondo, in particolare quelli a bassa aderenza, per evitare pattinamenti e sfruttare sempre il massimo grip che lo pneumatico può realmente gestire. Immancabile poi il sistema di frenata combinata con antibloccaggio C-ABS Honda, che esalta il controllo del Crosstourer su ogni tipo di superficie e in ogni condizione climatica. Ecco perché il Crosstourer impone nuovi standard nel segmento delle moto “adventure”: un eccezionale combinazione fra le prestazioni del motore V4, le più avanzate tecnologie per massimizzare sicurezza e piacere di guida (C-ABS, controllo di trazione e cambio a doppia frizione) e una ciclistica sopraffina con telaio in alluminio per la massima stabilità e una perfetta maneggevolezza sia nella guida a solo che con passeggero, anche a pieno carico, su tutti i percorsi e su qualsiasi distanza. L’avventura può finalmente iniziare. Caratteristiche Motore: il propulsore V4 da 1.237 cm3, montato per la prima volta su una Adventure Sports Tourer, è stato ottimizzato per una guida ancora più efficace ai bassi e medi regimi, con un’erogazione sempre fluida che rende confortevole qualsiasi viaggio, dal più impegnativo dei raid ai trasferimenti quotidiani. Cambio: la versione dotata dell’avanzato cambio a doppia frizione Honda, ulteriormente sviluppato per questa moto, assicura cambi marcia ancora più fluidi e dolci, esaltando l’eccellente versatilità del Crosstourer. Grazie alle due frizioni coassiali gestite elettronicamente, si può scegliere tra due modalità Automatiche, una per andature turistiche e urbane (Drive), una per la condotta sportiva (Sport), e una modalità Manuale, che permette di sfruttare il range di utilizzo del motore a proprio piacimento cambiando marcia tramite le ergonomiche palette al manubrio. Ciclistica: il telaio a doppio trave in alluminio pressofuso del Crosstourer, scelto per il suo eccellente bilanciamento fra peso e rigidità, è associato a raffinate sospensioni a lunga escursione capaci di filtrare qualsiasi asperità, per un’esperienza di guida coinvolgente e confortevole, anche sui tracciati più impervi e accidentati. Elettronica: il controllo di trazione Honda TCS, Traction Control System, e il sistema di frenata combinata con antibloccaggio Honda C-ABS, garantiscono accelerazioni e decelerazioni sicure su qualsiasi percorso, anche in condizioni climatiche proibitive, lasciando così al pilota solo il piacere della guida. Dettagli del modello Styling: lo stile del Crosstourer trasmette grande robustezza e sportiva eleganza. I temi ricorrenti del design, come i tagli decisi delle forme, accentuano la linea da vera ‘adventure-bike’, mentre le dimensioni compatte della sezione frontale trasmettono leggerezza e agilità. Il gruppo ottico anteriore, dal profilo sfuggente e deciso, prevede l’anabbagliante al di sopra dell’abbagliante, in un layout combinato con il protettivo parabrezza che favorisce la centralizzazione della massa e ottimizza il profilo aerodinamico. I fianchi delle sovrastrutture seguono l’andamento ‘double-layer’, che massimizza la stabilità e assicura un perfetto afflusso d’aria al radiatore. La coda poi, è perfettamente funzionale, grazie all’ampia e comoda sella e al portapacchi integrato con le maniglie del passeggero, sul quale è possibile fissare direttamente le borse opzionali. Bellissimi poi i minimalisti ma ben visibili indicatori di direzione a led, installati per la prima volta su una moto Honda di grande cilindrata. Protezione aerodinamica: il Crosstourer è dotato di eleganti e robusti paramani in stile off-road che proteggono le mani da urti e intemperie. Il parabrezza, progettato avvalendosi della tecnica CFD (Computational Fluid Dynamics Analysis) è regolabile in altezza e offre adeguata protezione dal vento a qualsiasi velocità, lasciando tuttavia al pilota la percezione di un moderato flusso d’aria, come è giusto che sia alla guida di una moto. Strumentazione digitale multifunzione: l’avanzato quadro strumenti multifunzione completamente digitale e regolabile nel livello di illuminazione, si caratterizza per l’eleganza della linea e la facilità di lettura. Posizionato appena sotto la linea della visuale anteriore del pilota, in modo che non debba distogliere lo sguardo dalla strada, il display è dominato da un ampio e chiaro tachimetro digitale, ai cui lati sono presenti gli indicatori del livello carburante e della temperatura del motore. Nella parte superiore del display si trova il contagiri a barre. Gli altri parametri di guida forniti sono il contachilometri totale e con doppio parziale, il carburante residuo, il consumo istantaneo e medio, l’autonomia residua, l’indicatore della marcia inserita, l’orologio e, sulla versione con cambio sequenziale a doppia frizione, la modalità automatica del cambio impostata. Posizione di guida: componente fondamentale dell’appeal del Crosstourer è la posizione di guida eretta tipica dei modelli off-road. Perfetta per muoversi con agilità sulle trafficate strade cittadine, come per affrontare impegnativi percorsi fuoristrada o le strade ricche di curve, offre sempre e in ogni caso un grande senso di sicurezza. L’ergonomia attentamente studiata offre sia al pilota che al passeggero un elevato comfort e grande libertà nei movimenti. Il supporto al peso del pilota, ben distribuito fra le pedane, la sella e il manubrio, rende la guida confortevole anche nelle percorrenze più lunghe. La visibilità sulla strada e i veicoli circostanti è inoltre ottima e grazie all’ampio raggio di sterzo, alla perfetta distribuzione dei pesi e al largo manubrio, anche a bassa velocità il controllo è sempre sicuro ed efficace. Motore Il Crosstourer è una moto progettata per trasmettere al pilota la sensazione che non ci sia nulla di impossibile: nessun viaggio è troppo lungo o troppo impegnativo, nessuna strada o superficie è proibitiva. Un contributo decisivo a questa percezione di grande sicurezza arriva dal motore V4 Honda da 1.237 cc, configurato in declinazione ‘Adventure Sports Touring’ per offrire grande potenza e coppia inarrestabile in modo controllabile e reattivo. La configurazione V4 Honda è compatta sia in senso longitudinale che trasversale, riduce la sezione frontale ed è determinante per la centralizzazione del baricentro e la massimizzazione della maneggevolezza. Il motore si distingue per la bancata posteriore con i cilindri ravvicinati, in modo da massimizzare la snellezza della zona mediana della moto, in funzione del comfort e della gestibilità, soprattutto a bassa velocità. Parallelamente, le testate sfruttano la tecnologia Unicam Honda, derivata dalle vincenti monocilindriche CRF della gamma motocross. Questo sistema di distribuzione impiega una configurazione monoalbero a camme in testa che riduce le dimensioni e il peso della testa del cilindro, ottimizzando la forma della camera di combustione a vantaggio delle prestazioni. Il motore V4 del Crosstourer ha un angolo di 76° fra le due bancate e l’albero a gomiti con fasatura dei perni di 28° per eliminare le vibrazioni e fornire una favolosa erogazione di coppia e potenza. Con questa configurazione non è necessario un contralbero antivibrazioni, che avrebbe assorbito potenza, mentre è garantita un’erogazione fluida e una spinta eccezionale a qualsiasi regime. Un motore infaticabile, dolce nell’uso quotidiano e grintoso quando serve, capace di percorrere migliaia di chilometri tutti d’un fiato lasciando al pilota solo un immenso piacere di guida. Derivato dal motore installato sulla ‘road-sport’ VFR1200F, il propulsore del Crosstourer è stato messo a punto per enfatizzare le doti di coppia e potenza ai bassi e medi regimi, continuando ad offrire un’entusiasmante erogazione sportiva alle andature più sostenute. Per ottenere questo inconfondibile carattere è stato rielaborato il profilo degli alberi a camme, la fasatura delle valvole e le mappature dell’alimentazione. Il risultato è una eccezionale elasticità di marcia fin dai regimi più bassi per una fluidità di guida senza paragoni. I leggendari motori V4 Honda si sono sempre distinti per la fasatura irregolare degli scoppi, che regala una grinta sconosciuta a qualsiasi altro motore a 4 cilindri. Il Crosstourer rispetta in pieno questa tradizione e offre al pilota una sensazione di intima connessione con il motore, garantendogli grandi emozioni e piena sicurezza nello sfruttarne le prestazioni con la massima soddisfazione. Ride by Wire Un ulteriore contributo alle superbe sensazioni di guida offerte dal motore del Crosstourer è l’avanzata tecnologia del comando del gas ‘Ride-by-Wire’, che si interfaccia con la centralina e, leggendo un gran numero di parametri motoristici, fornisce prestazioni ottimizzate a qualsiasi regime e su qualsiasi percorso. Cambio sequenziale a doppia frizione con nuove funzionalità La filosofia Honda improntata all’introduzione di nuove tecnologie per rendere più divertente e più comoda la vita delle persone, ha prodotto fra le altre cose il cambio sequenziale a doppia frizione (Dual Clutch Transmission) dotato di tre modalità di funzionamento, una manuale (con palette al manubrio) e due automatiche gestite elettronicamente. Il piacere di guida offerto è perfino superiore a quello del tradizionale cambio manuale. Il sistema sfrutta due frizioni coassiali: una per l’avviamento e la 1^, 3^ e 5^ marcia, l’altra per la 2^, 4^ e 6^ marcia. Preselezionando la marcia successiva tramite la frizione non in uso, il sistema è in grado di innestare elettronicamente e in modo istantaneo le marce garantendo un cambio di rapporto sempre rapido, fluido e senza interruzione dell’erogazione. Queste qualità rendono la guida piacevolissima in ogni situazione, e particolarmente confortevole quando si viaggia con il passeggero a bordo o a pieno carico. Le tre modalità del cambio Dual Clutch Transmission offrono tutta la flessibilità necessaria per assecondare i diversi stili di guida e per affrontare ogni situazione. La modalità Manuale (MT) permette di cambiare marcia agendo sulle apposite palette al manubrio, lasciando al pilota la scelta sul momento più opportuno per cambiare marcia, proprio come avverrebbe su una moto con tradizionale cambio manuale. La modalità automatica (AT) è disponibile in due funzionalità. Drive (D) è ideale per le andature turistiche, per i percorsi cittadini o le percorrenze autostradali, e offre inoltre grande efficienza nell’uso del carburante, grazie anche al nuovo software di gestione in grado di riconoscere le condizioni di guida e impostare due differenti mappature del cambio marcia: in condizioni di guida normali riduce al minimo le cambiate favorendo la fluidità dell’andatura, mentre con un carico della moto più elevato i cambi marcia sono più pronti per garantire maggiore accelerazione e un più incisivo freno motore. In modalità Sport (S) il motore sale maggiormente di giri prima di cambiare, assicurando in questo modo accelerazioni brucianti, e in fase di rallentamento scala marcia con anticipo per un feeling tipico dell’andatura più sportiva. Infine, sia in modalità D che S, è sempre possibile un immediato intervento manuale se ritenuto necessario dal pilota: è sufficiente agire sulle palette al manubrio della modalità MT. In questo caso si riscontra l’altra novità introdotta su questa versione aggiornata del cambio a doppia frizione: il ritorno alla modalità automatica al momento opportuno, per lasciare al pilota la libertà di affrontare una particolare situazione di guida nella marcia che preferisce offrendogli al tempo stesso la comodità del ripristino automatico della modalità D o S con cui stava avanzando. Controllo di trazione (TCS, Traction Control System) Tra le dotazioni di serie il Crosstourer prevede il controllo di trazione. Il sistema monitora la velocità di rotazione della ruota posteriore e quando rileva eventuali fluttuazioni anomale, indizio di un imminente slittamento con possibile perdita di controllo, riduce temporaneamente l’erogazione di potenza del motore mantenendo la moto stabile sulla traiettoria. Il sistema è disinseribile a scelta del pilota tramite l’apposito tasto sulla sinistra del cupolino. Ciclistica Il telaio del Crosstourer è una struttura perimetrale in alluminio pressofuso a sezione alveolare. La tecnica di costruzione permette di ottenere un controllo molto preciso sul bilanciamento tra peso e rigidità di ogni parte del telaio. Il risultato è una maneggevolezza superba con un rassicurante senso di stabilità, quale che sia la superficie stradale. Ruote Sviluppate appositamente per questo modello, le ruote a raggi tangenziali del Crosstourer sono state progettate per assorbire gli urti generati dalle strade più accidentate e dai percorsi fuoristrada. Grazie all’accoppiamento con le sospensioni a lunga escursione e agli pneumatici nelle misure 110/80-R19 all’anteriore e 150/70-R17 al posteriore, maneggevolezza e trazione sono eccellenti in qualsiasi contesto di guida. Sospensioni Le ottime qualità di guida del Crosstourer sono determinate anche dalle solide e ben controllate sospensioni a lunga escursione. La rigida forcella telescopica rovesciata con steli da 43 mm di diametro garantisce un perfetto controllo e una precisa azione sterzante su qualsiasi tipo di curva e anche durante le frenate più brusche, mentre il monoammortizzatore con architettura progressiva Pro-Link combina grande trazione con un’eccellente assorbimento anche a pieno carico. Regolabili nel precarico molla e nel freno idraulico in estensione, sia la forcella che l’ammortizzatore permettono al pilota di impostare un assetto personalizzato in base al proprio stile di guida e alle condizioni di utilizzo. Trasmissione a cardano senza manutenzione Destinata alle lunghissime percorrenze e ai raid più impegnativi sulle strade e sugli sterrati di tutto il mondo, una moto come il Crosstourer non poteva che adottare una affidabile e silenziosa trasmissione finale a cardano, che offre anche il vantaggio di non richiedere manutenzione, nemmeno dopo gli usi più gravosi. Freni Il potente impianto frenante del Crosstourer con dischi di grosso diametro e pinze anteriori a 3 pistoncini prevede come equipaggiamento di serie il C-ABS Honda. Si tratta di un sistema avanzato di frenata che combina l’azione sul pedale del freno posteriore all’attivazione di parte dell’impianto anteriore, per rendere stabile e sicura la frenata a qualsiasi andatura. Unito all’antibloccaggio, che rileva il pattinamento delle ruote e riduce la pressione idraulica per evitarne i pericolosi bloccaggi, l’impianto frenante del Crosstourer è quanto di più sicuro si possa desiderare su una ‘Adventure Sports Tourer’ di fascia premium. Colori – Digital Silver Metallic – Pearl Sunbeam White – Pearl Cosmic Black – Candy Prominence Red

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy