Aprilia Caponord 1200

Aprilia Caponord 1200

Svelata all’EICMA di Milano la Caponord 1200

Commenta per primo!

Dopo aver sconvolto il mondo delle naked sportive con l’incredibile Tuono V4 R e aver realizzato la migliore superbike del nuovo millennio, la velocissima RSV4, Aprilia punta a lasciare un segno indelebile anche nel segmento delle enduro stradali, raggiungendo l’obiettivo ambizioso quanto esclusivo di ottenere un perfetto punto di equilibrio tra sport e comfort. Nasce Caponord 1200, la moto perfetta per ogni occasione. Maneggevole e agile in città, grazie ad una ciclistica evoluta e leggera, veloce e divertente nell’extraurbano, grazie alla sua sofisticata gestione elettronica e alle prestazioni del generosissimo motore bicilindrico, comodissima per pilota e passeggero nel turismo, per merito di una ergonomia particolarmente curata e per l’ottima protezione dall’aria, grazie allo studio delle forme realizzato in galleria del vento. Caponord non è un nome nuovo per Aprilia: la prima ETV 1000 Caponord, presentata nel 2001, rappresentò un’interpretazione evoluta del concetto di enduro stradale, vantando elementi distintivi unici come il telaio a doppio trave in alluminio e il motore bicilindrico di 998 cc da 98 CV, entrambi di derivazione marcatamente sportiva. Sono passati oltre dieci anni e nel frattempo la tecnologia motociclistica di Aprilia ha fatto passi da gigante: alla proverbiale capacità di costruire ciclistiche eccezionali, si è aggiunta la competenza assoluta sull’elettronica applicata, grazie all’esperienza acquisita nelle corse ai massimi livelli, che costituiscono da sempre per Aprilia il centro massimo della ricerca e sviluppo di soluzioni che vengono poi impiegate sui modelli di serie. Prova ne sono le caratteristiche di potenza e soprattutto di coppia del motore 1200 V2, completamente rivisto per offrire il massimo in termini di erogazione e piacere di guida. Sono cambiati anche le necessità e i desiderata dei motociclisti, mai così attratti dalla moto globale, ovvero la moto capace di regalare grandi soddisfazioni in qualsiasi condizione d’utilizzo. Caponord 1200 vuole costituire proprio il punto d’incontro tra le nuove esigenze dei motociclisti e le capacità tecnologiche di Aprilia. La personalità tipica del design italiano coniugata a un corpo snello: sono queste le prime caratteristiche di una lunga serie che contraddistinguono Caponord 1200. Forma e funzione trovano un punto di contatto. La sportività traspare chiaramente dai tratti stilistici: lo “sguardo” distintivo di Aprilia caratterizza anche Caponord 1200. Le numerose sessioni in galleria del vento hanno disegnato le forme del cupolino e del parabrezza regolabile in altezza, per assicurare la migliore penetrazione aerodinamica, con una particolare attenzione all’indispensabile protezione dall’aria del pilota e del passeggero. Per garantire il massimo comfort nell’uso turistico intervengono i paramani e i particolari profili delle fiancate laterali, disegnati per essere poco invasivi ma offrire ampia protezione. Lo stesso concetto caratterizza la ciclistica di Caponord 1200: la nuova Aprilia dispone di un telaio formato da tubi in acciaio e piastre in alluminio stampato, una vera e propria scultura moderna degna di essere lasciata a vista. La struttura mista garantisce la giusta rigidità e le essenziali caratteristiche di stabilità e precisione pretese da ogni Aprilia, permettendo a Caponord 1200 di elevarsi laddove la concorrenza si ferma, ovvero nella guida sportiva. Il perfetto bilanciamento tra sport e turismo è un’alchimia che solo chi possiede un profondo know-how come Aprilia riesce a creare. La posizione di guida eretta e decontratta è frutto di specifici studi ergonomici, alla ricerca di una postura dominante, tuttavia non affaticante durante le lunghe trasferte; la sella, impreziosita da pregevoli cuciture rosse dal sapore corsaiolo, ha un cuscino particolarmente accogliente ed è posta a soli 840 mm da terra, permettendo ai piloti di ogni statura di avere sempre il massimo controllo del veicolo da fermo. Anche la sistemazione del passeggero è stata oggetto di particolari attenzioni: la porzione di sella, ampia e piatta, è separata da quella del pilota e ha una forma che impedisce di scivolare in avanti, garantendo ottimo comfort in ogni situazione di guida, mentre le maniglie d’appiglio consentono una salda e comoda presa. La tecnologia “rotazionale” ha permesso di realizzare un serbatoio in nylon con spessori ridotti e grande libertà di forme, avvantaggiando la leggerezza. In questo modo gli ingombri laterali sono ridotti al minimo e favoriscono la perfetta collocazione delle gambe del pilota a bordo. La capacità di 24 litri garantisce percorrenze di oltre 300 km con un pieno di carburante. Il design di Caponord 1200 è stato pensato fin da subito considerando le motovaligie come parte integrante del veicolo: questo, assieme alla scelta di adottare il layout dell’impianto di scarico con silenziatore basso, ha permesso di contenere notevolmente gli ingombri. Le motovaligie da 29 litri, una volta installate, rimangono particolarmente aderenti al profilo del codone (l’ingombro totale si ferma a soli 908 mm) e non creano alcun disturbo al passeggero, facilitando la salita a bordo e il comfort di marcia. Aprilia ha pensato anche ai puristi dello sport: il silenziatore è regolabile in altezza, nel caso in cui le motovaligie non sia montate, donando un look ancora più sportivo e aggressivo. Il set di motovaligie in tinta con la carrozzeria, previsto nel ricchissimo catalogo di accessori originali di Caponord 1200, non necessita di ulteriori staffe ed attacchi aggiuntivi, lasciando così inalterata la pulizia della linea della motocicletta, quando non installato. La Ciclistica Caponord 1200 nasce sulla base tecnica della sportiva ed efficace Dorsoduro 1200, la fun-bike di riferimento del settore; tuttavia, visto l’impiego diverso cui si prestano le due motociclette, la ciclistica della nuova Aprilia è stata ampiamente modificata. Il layout del telaio prevede sempre una struttura mista, formata da un traliccio di tubi in acciaio ad alta resistenza collegato a una coppia di piastre in alluminio pressofuso. Tale esclusiva e collaudata configurazione, consente di avere un perfetto bilanciamento dei pesi, ottimali valori di rigidità torsionale e longitudinale. Il telaio è stato profondamente rivisto, alla ricerca di nuovi riferimenti per il segmento in termini di maneggevolezza, senza trascurare elevati standard di stabilità alle alte velocità che il poderoso bicilindrico è in grado di raggiungere. Il nuovo telaietto posteriore assicura estrema solidità nel caso si viaggi a pieno carico, mentre il posizionamento laterale dell’ammortizzatore, che collega il telaio al forcellone in alluminio, è utile per concedere il giusto spazio ai collettori di scarico, lasciando l’unità distante dalle fonti di calore, in posizione favorevole ad eventuali regolazioni. Caponord 1200 prevede un ammortizzatore regolabile manualmente nel precarico molla e nell’idraulica in estensione e una forcella USD completamente regolabile (estensione, compressione e precarico della molla) con steli di 43 mm, impreziosita da piedini fusi in conchiglia. Le leggerissime ruote in alluminio, entrambe di 17 pollici, derivano da quelle che equipaggiano la sportivissima RSV4 e contribuiscono a ridurre al minimo i momenti giroscopici delle masse non sospese, a tutto vantaggio della maneggevolezza. I cerchi calzano pneumatici nati e sviluppati appositamente per questa tipologia di moto; grazie anche alla generosa sezione di quello posteriore (190/55), sono in grado di assecondare il pilota nelle pieghe più estreme, così come assicurare la massima aderenza su fondi viscidi. La particolare scolpitura del battistrada offre la possibilità ulteriore di affrontare senza rischi i percorsi di fuoristrada leggero, alla ricerca di un tipo di turismo avventuroso. L’impianto frenante Brembo, prevede, all’avantreno, una coppia di dischi flottanti in acciaio di 320 mm e pinze monoblocco a 4 pistoncini e attacco radiale. Al retrotreno è presente un disco di 240 mm e una pinza flottante a singolo pistoncino. Un evoluto ABS disinseribile a due canali completa la dotazione di serie. Il motore Caponord 1200 condivide la stessa eccezionale base motoristica di Dorsoduro 1200. Il bicilindrico di Aprilia vanta una tecnologia costruttiva molto avanzata e un attento studio della fluodinamica interna, volta a migliorare la combustione, diminuire gli attriti, massimizzando le prestazioni. Il motore è stato oggetto di importanti rivisitazioni, sia di software sia di hardware, al fine di ottenere un’erogazione più progressiva fin dai bassi regimi (a vantaggio del comfort) ed esaltare il piacere di guida grazie a valori di coppia ancora più elevati (a vantaggio del divertimento), migliorando al contempo i consumi di carburante. Le caratteristiche generali del motore di Caponord 1200: – Bicilindrico a V di 90°; – Prestazioni: potenza max 128 CV a 8.500 giri/min; coppia max 11,8 kgm a 6.500 giri/min; – Tecnologia Ride by Wire con tripla mappatura (Sport, Touring, Rain); – Rapporto alesaggio/corsa fortemente superquadro che ne sottolinea il temperamento sportivo e aumenta la corposità dell’erogazione fin dai bassi regimi; – Cilindri disallineati per un minor ingombro trasversale; – Distribuzione doppio albero a camme in testa comandata da un sistema misto catena/ingranaggi e quattro valvole per cilindro; – Accensione a doppia candela (twin spark) per un’erogazione fluida ma piena; – Alimentazione a iniezione elettronica di tipo speed density con due corpi farfallati e iniettori a micronebulizzazione; – Pipette con bobine integrate di tipo Stick-coil; – Catalizzatore a tre vie e doppia sonda Lambda; – Frizione con comando idraulico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy