SBK non andrà a Monza, il recupero a Brno invece di Vallelunga

SBK non andrà a Monza, il recupero a Brno invece di Vallelunga

Per la SBK a Monza bisognerà aspettare il 2017. Per la sostituzione Brno sta bruciando Vallelunga, che pure è riserva. Ecco perchè.

Commenta per primo!

Sarebbe stato bellissimo, ma ne riparleremo  il prossimo anno. Monza non riuscirà modificare il tracciato in tempo per ospitare il Mondiale Superbike il 24 luglio, come da calendario. Non è detto però che il GP vacante si corra a Vallelunga, sotto contratto Dorna  come circuito di riserva, perchè la concorrenza di Brno è assai agguerrita. Ed è molto probabile che a luglio la Superbike corra in Repubblica Ceca anziché per la terza volta in Italia.

STRATEGIE– Aldilà del contratto con Vallelunga, il piatto della bilancia pende dalla parte di Brno per parecchi motivi. Una gara nell’Est Europa è assai strategica al punto di vista commerciale e chi spinge più forte in questa direzione è la Pirelli, fornitore unico (e uno dei principali sponsor) del Mondiale. Ma anche le Case costruttrici guardano con interesse a Levante, in particolare BMW tornata in forza sullo schieramento con due top team e quattro piloti. Uno di questi è Karel Abraham, ex della MotoGP ma soprattutto figlio del proprietario del circuito dell’Automotodrom Brno. Nel Motomondiale il rampollo non ha mai avuto il potenziale tecnico per puntare in alto, con la S1000 sulla pista di famiglia potrebbe pure stupire. Abraham debutterà sulla BMW del team inglese  Milwaukee  questo martedi a Jerez.

LAVORI IN CORSO – Il progetto per la modifica di Monza è pronto e anche il complicato iter autorizzato sembra abbia imboccato una corsia preferenziale. Ma è troppo tardi per ultimare in tempo utile il nuovo tratto di pista che servirà per tagliare via prima variante e Curvone, nonché allargare le vie di fuga come richiesto da Dorna e Federmoto Internazionale. Il contratto già prevedeva lo slittamento al 2017 ed è quello che succederà. Ma anche Vallelunga ha in programma una serie di lavori di adeguamento, più che altro delle infrastrutture, che mal si conciliano con la corsa contro il tempo che necessaria per far trovare tutto pronto entro fine luglio. Così la strada di Brno è spianata.

TUTTI LA VOGLIONO – Parecchi circuiti – Monza in testa – stanno investendo belle somme di denaro per entrare nel giro Superbike. E anche a Vallelunga tenteranno di resistere fino all’ultimo, perchè l’arrivo del Mondiale non è solo prestigio,  ma anche business. Imola, per esempio, ne ha fatto il fiore all’occhiello del calendario di eventi 2016 e grazie alle 48 mila presenze della scorsa edizione è stato l’unico impianto italiano a chiudere il bilancio in attivo. Il Mugello, per dire, ha perso 1,2 milioni nonostante il tutto esaurito registrato con la MotoGP. Il problema della Superbike è piuttosto di comunicazione: la Dorna non ha ancora diramato la lista di iscritti permanenti 2016, tantomeno le novità regolamentari, compreso l’aumento del limite di rumore da 107 a 115 decibel anticipato in questo blog. Quanto tempo servirà per conoscere dove si correrà il quattordicesimo round del campionato ormai alle porte?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy