SBK, basta coi vecchi draghi è l'ora dei giovani leoni

SBK, basta coi vecchi draghi è l'ora dei giovani leoni

11 commenti
Lorenzo Savadori, 22 anni, leader Aprilia nella Coppa del Mondo Stock.

Passerà alla storia come la stagione del riciclo. Jonathan Rea domina e può vincere il Mondiale prima della sosta estiva? Un dettaglio. Nella Superbike 2015 non si è parlato d'altro che di vecchi cavalli di ritorno. Prima la sorpresa Troy Bayliss, 46 anni, a riposo da sette, poi il rientro di Max Biaggi, 44 anni, ai box da tre stagioni. Adesso tiene banco il futuro di Marco Melandri a caccia di una sistemazione (ad alto ingaggio, se possibile…) per il 2016. Ha solo 32 anni ma con 18 campionati alle spalle è un veterano pure lui. E i giovani emergenti? Dicono che non ce ne sono,  ma non è vero. Guardate qui sotto quanti nomi spuntano.  Basterebbe avere fiducia…

Con l'Aprliia RSV4 Stock Savadori ha vinto quattro gare su sei

ANDATE IN PENSIONE! – Rivedere in azione Bayliss e Biaggi è stato un emozionante tuffo nel passato e l'omaggio a due fuoriclasse eterni. Max correrà anche in Malesia con il podio nel mirino, forse perfino la vittoria. Ma le operazioni nostalgia alla lunga stancano e servirà  linfa giovane. Largo ai nomi nuovi, campioncini da scoprire e da lanciare. Le candidature più scontate sono quelle degli attuali protagonisti della coppa del Mondo Superstock, che  dovrebbe essere il trampolino verso la top class. Lorenzo Savadori, 22 anni, sta veleggiando verso il titolo con l'Aprilia e nell'ultimo round di Misano, dominato, ha girato in gara in 1'37”125, neanche due secondi più lento degli ufficiali SBK: Torres 1'35”303, Haslam 1'35”312 e Biaggi 1'35”346. La Stock è una moto strettamente di serie, con l'elettronica e le gomme stradali. Sarebbe interessante vedere di cosa è capace il cesenate con la RSV4 RF “full factory”: regalategli una wild card nel gran finale Qatar, il 18 ottobre.  Il secondo classificato, Raffaele De Rosa (28 anni),  con la Ducati Panigale 1199R di Althea Racing ha girato in 1'36”832, vicinissimo ai riferimenti di Niccolò Canepa, 1'36”352, finito 12° in SBK. E' pronto al salto anche Roberto Tamburini, riminese 24enne, pilota  BMW:  1'37”284 contro 1'35”845 di Ayrton Badovini con la stessa S1000RR in configurazione SBK. Abbiamo fatto il parallelo tra la gara Superstock e gara2 SBK, con temperature quasi identiche. Considerate che solo le gomme pesano 8-9 decimi…

Patrick PJ Jacobsen, statunitense, 21 anni

 USA E GERMANIA– Il terzetto italiano è già pronto ma la Dorna ha nel piatto anche due talenti di nazionalità molto appetibili per ingraziarsi appassionati, tv e promoter: Usa e Germania. Dagli States arriva Patrick Jacobsen, 21 anni, una scoperta di Eraldo Ferracci, l'ex gestore della Ducati Usa che negli anni '90 ha lanciato stelle come Doug Polen e Troy Corser, due Mondiali a testa. PJ corre in Supersport con la Honda, è terzo in classifica ed è ancora in gioco per il titolo contro Kawasaki e MV Agusta. Pur giovanissimo ha già notevole esperienza ed pronto per una SBK di punta. Così come il coetaneo Markus Reiterberger, pupillo BMW che ha già vinto il titolo nazionale IDM nel 2013 e quest'anno farà il bis. Promuovere Markus al Mondiale è una priorità per il gigante di Monaco e l'occasione ideale per la filiale italiana che al momento schiera una sola moto per Badovini.

Pol Espargaro, 24 anni, corre in MotoGP con Tech3 satellite Yamaha

ARRIVI DELLA MOTOGP? – Il problema più grande che la Dorna deve risolvere è di approccio “culturale”. Nessuno degli astri nascenti del motomondiale vede nella SBK un'occasione per la carriera, spesso anche perchè i loro manager conoscono poco o niente l'altro campionato. Che invece dovrà diventare il passaggio ideale verso  MotoGP. Com'era facilmente prevedibile un talento di primissima grandezza come Jack Miller, 20 anni, si sta perdendo nell'improbo adattamento dalla Moto3 (60 cavalli) alla MotoGP (260). Portarlo in SBK per la Honda sarebbe la soluzione ideale per recuperarlo, permettendogli  di fare esperienza con una “big bike” in un contesto più abbordabile.  Un'altra pedina pregiatissima potrebbe essere Pol Espargaro, che al momento in Yamaha ha la strada sbarrata da Lorenzo e Rossi ufficiali anche nel 2016. Policyo debutterà sulla YZF-R1 alla 8 ore e potrebbe diventare la “punta” ideale per il grande ritorno  di Yamaha nel Mondiale. Una stagione da protagonista in SBK lo candiderebbe ad un posto da ufficiale in MotoGP 2017. Molto meglio che vivacchiare da pilota satellite correndo per le briciole.

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Facebook: https://www.facebook.com/paolo.gozzi.54

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gamma - 2 anni fa

    ma da dove viene questo ?????????????in sbk ci stan bene i bolliti della 500 o della gp salvo rarissime eccezioni un pilota sbk poteva giocarsela con i grandi della classe regina .a gozzi…………..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. AlfonsoGaluba - 2 anni fa

    Non volevo mettere in dubbio la sua competenza Sig. Gozzi. Io ero suo lettore quando nei primi anni 90 Motosprint era la sola rivista che dava spazio al mondiale Superbike, ricordo benissimo i suoi articoli. Però il discorso, passiamo i piloti che annaspano in MotoGP in WBK a me non piace per niente. Sarò un nostalgico ma non mi piace per nulla. CMQ, Fogarty ha avuto poche possibilità im 500, Cagiva solo wild card, con Rosset corse solo perchè si infortuno Chili (se non sbaglio)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 2 anni fa

      Non sbaglia affatto. Saluti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. AlfonsoGaluba - 2 anni fa

    Storicamente sig Gozzi, il pilota da WSBK è sempre stato pilota da WSBK. Non sono daccordo con lei che tutti i piloti WSBK sono stati attratti dal motomondiale. Merkel ha sempre rifiutato di passare in 500, e parliamo di uno che ha battuto Schwantz e Rainey in AMA Superbike. Fogarty ha sempre rifiutato pure lui la classe 500. Corser ha definito il passaggio in 500 l’errore più grande della sua carriera. Haga non avrebbe mai lasciato la WSBK (lui non è mai stato attirato dalla 500, anzi la odiava) solo che Yamaha prima e Aprilia dopo, i ritirarono dal WSBK e lo ”costrinsero” al passaggio in MotoGP. Poi abbiamo i casi si Rea e Sykes, che a più riprese hanno detto di non volere il passaggio in MotoGP. Secondo me il suo discorso, sig Gozzi, non fila per nulla. Il pilota WSBK è pilota WSBK. Capisco che la Dorna punta a far capire che tutto è uguale, ma chi conosce la storia del motociclismo sà bene che non è così

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 2 anni fa

      Salve, beh avendo raccontato e vissuto tutte le gare dalla prima all’ultima, mi permetta di dire che presumo di sapere di cosa sto parlando :-) Per la semplice ragione che da sempre gli ingaggi dei top rider 500-MotoGP sono ben più alti di quelli della SBK, è chiaro che i piloti (parliamo di professionisti, non di amatori che decidono per simpatia) siano sempre stati attratti. Haga “costretto”? Con i soldi guadagnati nelle stagioni che lei cita, con Yamaha in 500 e Aprilia Cube MotoGP, Nori si è comprato un palazzo nel centro di Nagoya. Merkel non avrebbe potuto mai approdare in 500. Arrivò nel Mondiale per disperazione, perchè era entrato in rotta di collisione con la Honda e si riciclò correndo cun team satellite (Rumi) che non aveva alcun contatto con HRC, ma solo con Honda Italia. Fuguriamoci se sarebbe potuto andare in 500… Fogarty ha rifiutato la 500? No, ha corso con Cagiva e Honda Rosset, quindi le sue occasioni le ha avute pure lui. E se gli avessero offerto una NSR ufficiale presumo che ci sarebbe rimasto. Rea è venuto via dalla Honda proprio perchè voleva posto in MotoGP e non c’era. Saluti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pikat09 - 2 anni fa

    Dorna dovrebbe fare 2 cose: trasformare l’attualmente oscena Moto2 in una categoria prototipi a tutti gli effetti, con motori 500 bicilindrici (o gli attuali MotoGP smezzati o gli attuali Moto3 raddoppiati, a seconda di come preferiscono i costruttori), e non monomotore, tra l’altro quasi di serie. Ma quando imparano i piloti a gestire una MotoGP! Anzi, dalla Moto3 alla Moto2 regrediscono, perché hanno molti meno parametri su cui lavorare! L’altra cosa è creare un percorso di crescita alternativo al passaggio Moto2-MotoGP, che se può’ andar bene per un Marquez o compagnia cantante, per altri buoni piloti può’ essere un po’ traumatico, e quindi un percorso Moto2-SBK-MotoGP potrebbe rappresentare la giusta scalatura per una carriera in crescita continua e graduale, fenomeni a parte!
    Ma ripeto, la chiave è trasformare la Moto2, perché così com’è è veramente inutile, anni buttati via!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 2 anni fa

      Salve, sono daccordissimo su tutto. Le dirò di più: al Mugello sono andato a vedere le gare in mezzo al pubblico della Casanova e ho notato cose interessanti. Intanto durante la gara Moto2 la collina si è quasi svuotata, erano tutti in fila ai punti di ristoro. Il ragazzo accanto a me a due giri dalla fine è uscito dal torpore e ha urlato: “Questa Moto2 la potrebbero pure togliere, non ci piace.” La saggezza un pò burbera del loggione… Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. alfa_it - 2 anni fa

    Ciao Paolo,
    non mi trovi in linea con il tuo pensiero. Non si discute altro che non ci sono personaggi in SBK e poi dovremmo considerare il campionato come un trampolino di lancio.
    E’ vero che ci sono tanti giovani pronti ad entrare nel regno delle derivate di serie, a patto che possano dire la loro.
    In primis, dovrebbero riguardare i regolamenti (la GP è l’apoteosi dell’indecenza, la SBK dovrebbe riavvicinarsi di tanto alla serie e avere motori liberi).
    A parer mio, i personaggi escono e si creano quando c’è tanta SANA competizione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 2 anni fa

      Salve, è sempre stato “trampolino di lancio”, ci sono stati sette-otto campioni del Mondo SBK che dopo aver vinto il titolo sono subito passati in 500-MotoGP. Sulla sana competizione sono daccordo, infatti è proprio questo il punto: l’obbiettivo è portare dentro 4-5 piloti davvero competitivi, a quel punto la sfida diventa più difficile e si innescano processi positivi. “Portare dentro” significa che Dorna creai le condizioni “politiche” e le Case investano. Un Pol Espargarò con la nuova Yamaha R1 farebbe alzare il livello in maniera considerevole, tanto per dire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. AlfonsoGaluba - 2 anni fa

    Sul fatto che sia assolutamente meglio correre da protagonita in WBSK, invece che da anonimo in MotoGP sono d’accordo con lei. Con il fatto che il WSBK debba servire da trampolino per la MotoGP, su questo non sono favorevole. Chi corre in WSBK deve farlo consapevole che corre un campionato ricco di tradizione e storia. Non è una Moto3 e Moto2. Chi viene in WBK lo faccia con rispetto, altrimenti può facilmente restare nel motomondiale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 2 anni fa

      Salve, capisco il senso del commento e ovviamente sono daccordo. Però è un pò nella natura dell SBK fare da trampolino verso la MotoGP, succedeva anche al tempo della concorrenza tra gestori. I precedenti sono tantissimi: Russell, Haga, Corser, Toseland, Bayliss, Edwards, Gobert, Kocinski, Crutchlow, Spies…Praticamente non c’è stato talento che non sia stato catturato dalla top class. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy