Perchè Melandri-MV Agusta conviene a tutti

Perchè Melandri-MV Agusta conviene a tutti

7 commenti

Un mercenario, un ex campione senza più voglia. Quante ne abbiamo sentite sul conto di Marco Melandri. Invece lui vuole tornare a tutti i costi, gli basta perfino la moto meno competitiva.  Nei giorni scorsi è andato a Jerez per capire se c'è del buono nella MV Agusta ed è tornato a casa con un sorriso largo così. “E' molto meglio di quanto sperassi, la Superbike 2016 sarà durissima e forse la F4 non basterà per vincere. Ma ci potremmo divertire. Molto…

Melandri coi tecnici MV Agusta durante il test a Jerez

BINOMIO DA SOGNO – Melandri proverà di nuovo? E soprattutto: tornarà al Mondiale SBK con il marchio europeo più vincente della storia delle moto? Ancora non si sa, ma è molto probabile che succeda. “Ne parlerò nei prossimi giorni con il presidente Giovanni Castiglioni, non c'erano piani prestabiliti perchè forse perfino in azienda credevano che sarei andato a Jerez tanto per fare, invece è stato un test serio. Era tanto tempo che non provavo sensazioni così belle. ” Si capisce parlandoci che dentro Marco è scattato qualcosa. I piloti sono gente strana, trovano motivazioni e voglia di riscatto nei dettagli. Più della F4 a Melandri è piaciuta la passione e il calore che ha respirato nelle due giornate di Jerez. “Venivo da una situazione terrificante (Aprilia MotoGP, ndr),  davo indicazioni ma nessuno mi seguiva. In MV ho trovato ragazzi seri, preparati, che sanno il fatto loro. Siamo partiti da sottozero perchè hanno appena cambiato parte del team (con l'arrivo di Forward, ex MotoGP, ndr), l'elettronica e molti altri particolari. In pochi giri siamo riusciti a girare discretamente,  i tempi a novembre non valgono, sono le sensazioni che contano. E sono  positive.”

In SBK Melandri ha disputato 102 vincendone 19, con 49 podi

BASE DI PARTENZA – Melandri ha lasciato la Spagna con 1'42”1. Contano poco i riferimenti del titolare Leon Camier nel GP di settembre scorso, perchè in inverno Jerez è assai più veloce, almeno un secondo. Ben più indicativo è 1'42”039 che il britannico ha realizzato, con la stessa moto, il giorno dopo che Marco era partito. Significa che in un appena cinquanta giri Melandri è già a livello di Camier che ha guidato la F4 per tutta la scorsa stagione. Senza dimenticare che l'ex iridato della 250 era fermo da cinque mesi, cioè dal burrascoso divorzio con l'Aprilia a metà stagione MotoGP. Non c'è dubbio che Melandri sia un pilota di altra caratura rispetto al buon Leon.  Con un pilota così MV Agusta potrebbe ambire a qualcosa di più del quinto posto che è stato il miglior piazzamento stagionale di Camier. “Ci vorrebbe qualche cavallo in più ma l'erogazione è veramente ottima, mi è piaciuta la ciclistica soprattutto l'avantreno”. Parole dolci.

Melandri-MV: si può fare

PROSPETTIVA – Melandri-MV Agusta si presenta assai bene dal punto di vista mediatico e nei giorni scorsi le notizie sul test del ravennate sono state  le più cliccate sui canali Gazzetta. Più del ritorno in pista di Davide Giugliano, meglio dell'attesissimo esordio Yamaha. Mettersi insieme converrebbe ad entrambi: Melandri è un top rider che con la moto giusta potrebbe puntare al titolo ma accettando di correre con la Superbike meno ambita farebbe vedere due palle così. Portarla a ridosso del podio sarebbe un'impresa da favola. Anche MV Agusta ha molto da guadagnare: con tutto il rispetto di Camier, tornerebbe ad avere un pilota di massima visibilità. E se per il 2017 fosse pronta la nuova Superbike  la Rossa varesina potrebbe entrare in una nuova dimensione. Non più solo fascino, storia e design, ma un'avversaria tembilissima per tutti.

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Pagina ufficiale Facebook:   https://www.facebook.com/insidesuperbike

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. AlfonsoGaluba - 1 anno fa

    Salve Sig. Gozzi, conosce bene la mia stima nei suoi confronti, ma condivido con chi dice che tutta questa pubblicità per Melandri da parte sua sia esagerata. Melandri merità ciò che ha seminato in tanti anni di pessima carriera. Il binomio MV-Melandri la vedo male fin dalla partenza. Melandri ha litigato con tutte le case motociclistiche ed ha apertamente dimostrato di non essere un pilota che lotta di fronte alle difficoltà. Per me non merita il WSBK e non merita di correre neanche per il Team Toth (mi passi la battuta provocatoria)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Ciao, capisco che non ti stia simpatico :-) Nessun pilota e’ perfetto, quando le cose non vanno si lamentano tutti, non solo Melandri. Le cifre parlano, Melandri in Wsbk con la moto giusta si gioca il Mondiale (come ha sempre fatto con Yamaha, Bmw e Aprilia) e anche con la cenerentola MV potrebbe far girare le scatole a tanti. Se salira’ sulla moto piu’ anziana e meno ambita, ripartendo da zero, tappera’ la bocca a tutti. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. trompe68 - 1 anno fa

    Salve, sono da sempre tifoso di Marco e sono convinto che quanto a velocità non abbia niente da invidiare ai migliori piloti della motogp, quindi non mi stupisce che in pochi giri abbia fatto gli stessi tempi di Camier….è normale……ha solo bisogno di tranquillità e di un buon inizio….Forza Marco!!!
    Saluti, Davide.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. arturio71 - 1 anno fa

    Salve Gozzi, lei è davvero un patriota, sta facendo più lei per Marco che Vergani …non lo meriterebbe ma diamogliela quest’ultima chance. Però se dopo un pò cominciasse a lamentarsi -anche solo del clima troppo umido- un bel calcione sul sedere sarebbe doveroso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Ciao, non è patriottismo, è vedere le cose come sono: Melandri è un pilota vincente che in SBK meriterebbe una moto/team per giocarsi il Mondiale. Lo dicono i dati: in 102 gare è salito sul podio 49 volte (quasi 50%) con 19 vittorie (quasi 20%). Nel 2014 in Aprilia non ha vinto il titolo ma ha vinto sei gare, che non sono poche. Senza contare che in MotoGP è arrivato secondo con la Honda satellite dietro Rossi ufficialissimo HRC. Solo che in SBK parecchia gente ha le fette di salame sugli occhi. Perfino la Dorna: il test Melandri-MV è stato di gran lunga l’evento più importante della settimana ma sul sito ufficiale l’hanno quasi ignorato…Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. giovesveglio - 1 anno fa

    Scusi Gozzi ma lei ha una percentuale sull’ingaggio di Melandri? lo sta pompando talmente che il dubbio viene: lo lasci correre tranquillo senza pressioni esterne, se ha ancora voglia di darci del gas questo verrà fuori naturalmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Ciao, e’ Melandri che ha una percentuale sui proventi del blog :-)))

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy