MotoGP: La strana rottura della Honda complica i piani di Marc Marquez

MotoGP: La strana rottura della Honda complica i piani di Marc Marquez

Più unico che raro: cede il quattro cilindri sulla moto campione del Mondo. E la MotoGP si riapre improvvisamente.

Commenta per primo!
La rottura della Honda di Marquez durante il GP Gran Bretagna MotoGP

Il guaio è grosso. La gran fumata che ha avvolto la Honda sul rettilineo più veloce di Silverstone, è costata a Marc Marquez una più che probabile vittoria. “Temevo che qui la Honda fosse più veloce” ha ammesso Andrea Dovizioso. I potenziali 25 punti gettati al vento riaprono la MotoGP e complicano i piani di Marc Marquez.

L’ultima volta la RC216V si era rotta nella qualifica del GP delle Americhe 2015, ad Austin. Ma quella volta la fortuna d la classe del pilota avevano tappato la falla. La moto infatti si ammutolì sul rettilineo d’arrivo, Marquez l’appoggiò al muretto dei box (dalla parte della pista…) e corse verso i box per saltare in sella al muletto con lo scatto del centometrista. Nei tre minuti che restavano stampò una pole capolavoro. Il giorno dopo vinse, anche se a fine stagione il titolo sfuggì. Nei quattro anni di top class è stata l’unica stagione andata storta.

Stavolta invece il danno è molto serio. Marquez era partito da +16 punti su Dovizioso e  avesse vinto avrebbe messo tra se e gli avversari (più o meno) un GP di distanza, dei sei che restano. Adesso saremmo qui a parlare di ipoteca sul sesto Mondiale, invece per lui è tutto da rifare. La classifica si è accorciata di nuovo: Marquez ora è secondo a 9 lunghezze di distanza da Dovizioso di nuovo in testa, e ha solo 4 punti di vantaggio su Maverick Vinales che sarà un osso durissimo fino alla fine per chiunque, anche per lui. Anche Valentino Rossi, a -26 punti dalla vetta, è tutt’altro che fuori gioco.

C’è anche un problema di natura tecnica. Perchè ogni pilota ha solo cinque motori utilizzabili nell’arco della stagione e la rottura – se si rivelerà non riparabile senza rimuovere i sigilli regolamentari – potrebbe complicare le rotazioni e costringere la HRC ad allungare l’arco di utilizzo da qui a fine stagione, magari riducendo le prestazioni per non incappare in nuovi problemi. Ricordiamo che per ogni GP si percorrono circa 500 chilometri tra prove e gara.

I cedimenti meccanici in MotoGP sono rari, ma molto pesanti. La rottura del Mugello 2016 costò a Valentino Rossi la possibiità di giocarsi fino in fondo le carte Mondiali.  Vedremo nei prossimi due mesi quali saranno le ripercussioni per il funanbolico campione del Mondo in carica.

MotoGP Silverstone La gara, cronaca e classifica completa

MotoGP Silverstone: Andrea Dovizioso “Adesso per il Mondiale ci siamo anche noi”

MotoGP a Misano, dove e come acquistare i biglietti

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy