MotoGP: Ecco chi è Michael van der Mark, il sostituto di Valentino Rossi

MotoGP: Ecco chi è Michael van der Mark, il sostituto di Valentino Rossi

Il ritratto del 24enne olandese che il 24 settembre debutterà in MotoGP sulla Yamaha ufficiale ad Aragon

Commenta per primo!
Il ritratto di Michael van der Mark, 2017

 “Van der Mark, e chi sarebbe?” Il nome del sostituto di Valentino Rossi (salvo sorprese…)  è risultato assai indigesto al popolo del web. Ecco chi è.

VALUTAZIONE – Partiamo dal fondo: fenomeno o pilota normale? Beh, la verità sta nel mezzo. Fenomeno sicuramente no, perché altrimenti nel 2010 al debutto in Moto3 non gli avrebbero preferito dopo poche gare d’assaggio  Isaac Vinales, cugino di colui  che ad Aragon sarà suo compagno di box. E, parlando di tempi più recenti, mamma Honda non lo avrebbe liberato alla fine della Superbike 2016 per far posto a Stefan Bradl. Dettaglio interessante, perché i vertici HRC il ragazzo olandese lo conoscono benissimo. Con Honda infatti van der Mark ha vinto due volte la 8 ore di Suzuka, nel 2013-14, sempre in coppia con il britannico Leon Haslam e il giapponese Takumi Takahashi. Se fosse stato il nuovo Marc Marquez se lo sarebbero tenuto stretto…

RISULTATI – Van der Mark sbarca (anche se una tantum) in MotoGP dopo aver fatto tutta la trafila delle derivate dalla serie. Nel 2011 debuttò nell’Europeo Superstock, che allora era la entry class, centrando 4 vittorie eil terzo finale. L’anno dopo si prese il titolo, con 6 successi. Correva con la Honda Ten Kate, formazione di riferimento Honda Europa, quindi con una dotazione tecnica d’eccellenza. Nel 2013 salì in Supersport (medie cilindrate) con la stessa squadra e fù un debutto così così. La stagione successiva però fece il vuoto, festeggiando il Mondiale con sei vittorie all’attivo. Nel 2015 la Honda lo lancia in Superbike, come compagno di Sylvain Guintoli. Sale tre volte su podio (tre terzi posti), bottino che raddoppia un anno fa. La miglior prestazione a Phillip Island, dove sfiora il successo finendo secondo e terzo. E’ vero, in Superbike non ha mai vinto, ma nel 2015-16 la Honda non era certo al livello di Kawasaki e Ducati. Con Yamaha ha alzato il proprio prestigio contribuendo al successo nella 8 Ore del luglio scorso, con Alex Lowes e Katsuyuki Nagasuka. A soli 24 anni ha già vinto tre volte la gara cui i responsabili dei colossi nipponici tengono di più. Ecco perché tanta riconoscenza…

ADESSO – Sabato e domenica Michael van der Mark sarà impegnato con Yamaha ufficiale nel decimo round del Mondiale Superbike a Portimao “una delle piste che mi piacciono di più“. Al momento è settimo in classifica, con 135 punti, mentre il compagno di squadra Alex Lowes è quinto con 169. Il capolista Jonathan Rea, tanto per dire, ne ha 381. In questa stagione non è mai salito sul podio (miglior risultato: quarto posto) ma a Misano ha accarezzato per 15 giri il sogno della prima vittoria: è volato via mentre era davanti per lo scoppio della gomma posteriore.

CARATTERE – Alto, dinoccolato, occhi azzurri: non immaginatevi il nordico silenzioso e tutto d’un pezzo, Michael è un casinista di prima grandezza. Parla più o meno correttamente diverse lingue (incluso un pò d’italiano), gli piacciono le feste, gli scherzi e… guidare i camion. Suo babbo, Henk, ex pilota di discreto livello, ha messo su una ditta di trasporti. Ogni tanto Michael sale in cabina e si fa un giretto per l’Europa. Ha rinnovato con Yamaha per correre in Superbike anche nel 2018. Salvo cambiamenti di programma…

MotoGP: E se Valentino Rossi ad Aragon volesse provarci?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy