Il piccolo autogol di VR46

Il piccolo autogol di VR46

Commenta per primo!

Non ho ancora capito perchè i top rider sono così attenti nel pesare le parole quando rilasciano interviste e invece si buttano a vita persa dentro twitter cinguettando allegramente le prime cose che passano loro per la mente.

Scrivono con tono confidenziale, come se stessero inviando un sms agli amici del bar. Il problema è che su Twitter non passa parola che non venga pesata e utilizzata dagli stessi giornalisti guardati con sospetto e diffidenza durante le interviste normali.

Prendete il più grande di tutti, VR46. Non solo in pista, ma anche per l’abilità e la sagacia con la quale ha sempre gestito il rapporto coi media. Riuscendo a costruire un personaggio da 14 milioni € all’anno e un’icòna che che ha superato di slancio i confini degli autodromi.

Domenica, pochi minuti dopo la fine della gara più emozionante degli ultimi ..mesi (perchè chi segue da sempre il Mondiale alternativo sa che finali così sono abbastanza frequenti) ha spalato miele a piene mani. “Che razza di gara la SBK! Che bagarre, bravi tutti. Peccato per le BMW all’ultima curva.”

E per la Ducati che alla prima prima curva ha perso in un colpo solo Checa, Giuliano e Smrz non è stato un peccato? La triplice caduta ha dato un duro colpo alla classifica del compagno di marca che nel 2011 ha reso meno amaro il bilancio sportivo dell’azienda. “Che razza di gara di merda” avrebbe potuto twittare Carlos, senza esagerare neanche un po’.

Vedete che scherzi ti combina Twitter? VR46 ha semplicemente scritto quello che tutti noi abbiamo pensato un attimo dopo la fine del motoscontro di Donington. Senza essere piloti di punta di Ducati Corse però…

E voi cosa ne pensate?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy