Aragon, l'Aprilia vola a 323,4 km/h!

Aragon, l'Aprilia vola a 323,4 km/h!

Commenta per primo!

E' sempre l'Aprilia la Superbike più veloce. Il rettilineo da 1210 metri di Aragon, il più lungo in calendario dopo l'uscita di Monza, ha già emesso il suo verdetto: durante la prima sessione Marco Melandri è transitato a 323,4 km/h, un soffio meglio dell'altra RSV4 affidata al francese Sylvain Guintoli. La Kawasaki del campione del Mondo Tom Sykes  ha incassato 3 km/h, le altre sono a distanza siderale. Nelle due gare di domenica Marco (e anche lo scomodo compagno…) scatteranno con l'asso nella manica. Non è comunque il primato di velocità: a Monza, dove il rettilineo è 100 metri più corto ma la velocità d'uscita dalla Parabolica è ben più alta,  nel 2013 Aprilia e Kawasasaki hanno sfiorato i 340 km/h.

DATI TECNICI – La rampa di lancio è una “S” da cui si esce in seconda, da lì i piloti snocciolano tutte le marce fino alla sesta restando per ben 12”5 a tutto gas. Il tempo di impiego della sesta varia a seconda dei rapporti e del vento, c'è comunque slancio sufficiente per arrivare alla rilevazione al massimo della velocità raggiungibile dalle maxi derivate dalla serie. Aprilia e Kawasaki hanno motorizzazioni diverse: la RSV4 è un quattro cilindri a V, la giapponese ha il quattro in linea. La cilindrata, per regolamento, è 1000 cc. L'Aprilia ha conservato il primato nonostante alcune nuove limitazioni introdotte quest'anno: airbox (cioè la cassetta filtro aria) di serie, quindi meno sofisticata dell'unità impiegata in precedenza, e limite di otto motori per coprire l'intera stagione di 14 round di due gare ciascuna. Le Superbike di oggi hanno 230-240 cavalli, poco meno delle MotoGP, che sono prototipi a tutti gli effetti.

FANTINO – Melandri è avvantaggiato anche dal fisico: è alto 166 centimetri e pesa appena 57 chili, dieci in meno di Guintoli. Per non parlare dell'altro francese Loris Baz, seconda guida Kawasaki, che misura 192 centimetri d'altezza per 83 chili: eppure ha la quarta velocità assoluta, 318,6. L'altezza incide sul CX, ovvero il coefficiente di penetrazione aerodinamica: Marco sparisce completamente dietro il cupolino e la carenatura, per i più alti è impossibile. I tecnici lavorano in galleria del vento per affinare le linee dei componenti modificabili per regolamento (cupolino, scarico, ect.) ma non possono accorciare i piloti…

DUCATI SI DIFENDE – Davies e Giugliano temevano di pagare dazio in rettilineo invece la Panigale ha limitato il divario in 9 km/h, contro i 21 di anno scorso su questo stesso tracciato. La Ducati ha il motore bicilindrico, può sfruttare una maggiore cubatura rispetto ai quattro (1200 cc contro 1000) ma ha maggiori limitazioni di preparazione: i pistoni, per esempio, devono essere gli stessi venduti al pubblico. La Ducati è stata poco più lenta della Suzuki di Laverty transitato a 315,8: in Australia l'irlandese si è difeso, acciuffando gara1, ma là la punta massima nel (breve) rettilineo è molto influenzata dalla velocità d'uscita dal rapidissimo (e impegnativo…) curvone finale. Qui sarà più ben più dura battere Aprilia.

EVO – La nuova categoria low cost con motore ed elettronica di serie, ovviamente paga pegno: la Ducati di Niccolò Canepa guida il plotone dell'altro Mondiale con 303,4 km/h, un pelo meglio di Bmw e decisamente più rapido delle Kawasaki. Ha stupito la debuttante Bimota BB3 che con un solo test alle spalle si è già spinta sopra ai 300 Km/h ed è vicinissima alla concorrenza: la moto è nuova ma il motore è il collaudato quattro cilindri Bmw. Nel 2015 la configurazione Evo diventerà obbligatoria per tutti.

SBK vs MOTOGP – Ad Aragon corre anche la MotoGP e il confronto è d'obbligo. Nella prima sessione del GP di Spagna dello scorso settembre il più veloce era stato Dani Pedrosa con la Honda con 333,8 km/h. Melandri, con la prestazione di oggi, avrebbe avuto la 12° migliore velocità della top class. Interessante: la RSV4 Superbike è andata più forte della ART che ha stesso motore Aprilia ma con minori vincoli regolamentari. Nella circostanza  Aleix Espargaro,  dominatore della sottoclasse CRT, era transitato a 316,1 km/h. Da notare che la MotoGP ad Aragon utilizza un tracciato diverso, l'ultima curva è anticipata e molto più veloce del rampino che percorrono  le Superbike. La speed trap però è piazzata nell'identico punto per le due categorie.

Ecco tutte le velocità massime registrate durante la FP1 (venerdi mattina): 1.Melandri (Aprilia) 323,4 km/h; 2.Guintoli (Aprilia) 322,4; 3.Sykes (Kawasaki) 320,5; 4.Baz (Kawasaki) 318,6; 5.Rea (Honda) 318,6; 6.Elias (Aprilia) 315,8; 7.Laverty (Suzuki) 315,8; 8.Toth (Bmw) 314; 9.Lowes (Suzuki) 314; 10.Davies (Ducati) 314; 11.Giugliano (Ducati) 313; 12.Haslam (Honda) 312,1; 13.Canepa (Ducati Evo) 303,4; 14.Camier (Bmw Evo) 303,4; 15.Iddon (Bimota Evo) 302,5; 16.Corti (MV Agusta) 302,5; 17.Salom (Kawasaki Evo) 300,8; 18.Badovini (Bimota Evo) 300; 19.Scassa (Kawasaki Evo) 298,3; 20.Guarnoni (Kawasaki Evo) 297,5; 21.Sebastyen (Bmw Evo) 298,5; 22.Andreozzi (Kawasaki) 296,7; 23.Fabrizio (Kawasaki Evo 295,9; 24.Foret (Kawasaki Evo) 294,3; 25.Morais (Kawasaki Evo) 294,3; 26.May (EBR) 287,2; 27.Yates (EBR) 282,2.

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Facebook: https://www.facebook.com/paolo.gozzi.54

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy