Show, pubblico e contrasti tra i piloti: Cadwell Park memorabile per il BSB

Show, pubblico e contrasti tra i piloti: Cadwell Park memorabile per il BSB

Non è mancato nulla al “Party in the Park” del BSB a Cadwell Park, compreso un battibecco tra Leon Haslam e Jake Dixon, aspettando l’inizio dello Showdown…

di Alessio Piana, @alessiopiana130

Il BSB un campionato in salute? Lasciandoci alle spalle un memorabile weekend vissuto a Cadwell Park, la risposta non può che essere affermativa. Lotte senza esclusione di colpi e show in pista, pubblico delle grandi occasioni (48.600 spettatori ufficiali), persino un confronto “pepato” tra alcuni dei grandi protagonisti del British Superbike. Un weekend che può fare scuola per altre realtà nazionali ed internazionalI, con una certezza: prossimi all’inizio dello Showdown, nel BSB ci sarà da divertirsi…

48.600 SPETTATORI E SHOW IN PISTA – Cadwell Park è sempre speciale. Vuoi per il “salto” del Mountain, vuoi per i 3.508 metri che si snodano lungo le colline del Lincolnshire, sta di fatto che ogni anno il pubblico si presenta in massa al seguito del BSB. Qualche dato? Più di 30.000 spettatori nella sola giornata di domenica, 48.600 complessivi (paganti e… ufficiali) nei tre giorni. Nient’altro da aggiungere, se non che il pubblico ha certamente assistito ad un bello spettacolo. Le gare di contorno hanno allietato gli spettatori tra sabato e domenica, non da meno il BSB che ha offerto due corse entusiasmanti: sorpassi (anche in punti impossibili…), colpi di scena, verdetti espressi soltanto all’ultimo giro tanto in Gara 1, quanto in Gara 2. Proprio quello che serve per guadagnare l’apprezzamento degli appassionati o di semplici curiosi, centrando l’obiettivo voluto dal promoter MSVR da quando, nel 2008, ha rivelato da Dorna Sports la gestione del British Superbike.

Haslam e Dixon
L’oggetto del contendere tra Leon Haslam e Jake Dixon
HASLAM VS DIXON – In tutto questo non potevano certamente mancare qualche confronto “pepato” in pista e fuori. Leon Haslam, in uno stato di grazia e già sicuro dell’approdo allo Showdown, ha messo a segno una spettacolare doppietta: in Gara 1 regolando Bradley Ray (21 anni), nella seconda uno scatenato Jake Dixon (22 anni). Proprio con quest’ultimo è nata una polemica con lo stile di guida di “Pocket Rocket” oggetto del contendere, con la gamba destra (secondo consuetudine anche in MotoGP) tirata fuori in fase di staccata. Per Haslam la normalità, per Dixon quasi un “fallo di ostruzione“: nel tentativo di sorpasso alla curva Park nel corso dell’ultimo giro, JD27 ha dovuto evitare proprio la gamba dell’ex vice-Campione del Mondo finendo fuori pista.

Jake Dixon
Jake Dixon ironizza…
DIXON NON CI STA, POI SCHERZA – “Una manovra sporca: la gamba la tirano fuori in fase di staccata anche i piloti della MotoGP come Valentino Rossi, ma non così“, la versione di Jake Dixon. “Se l’avessi colpita entrambi saremmo finiti a terra. Ho dovuto mollare i freni a 170 miglia orari e finire lungo per evitarlo: non si corre così“, ha espresso a chiare lettere la rivelazione del BSB 2017, il quale poi (vedi foto) ci ha scherzato un po’ su, senza cambiare la propria tesi di pensiero. “Così è pericoloso: io sono un pilota duro, deciso, ma non scorretto” la puntualizzazione del portacolori Lee Hardy Racing Kawasaki, autore di alcuni sorpassi-capolavoro, anche a piloti (vedi ultimo giro di Gara 1 con Tommy Bridewell…) che tirano il piede fuori in staccata…

Haslam
Il post di Leon Haslam su Instagram
LA PICCATA RISPOSTA DI HASLAM – Dal canto suo Leon Haslam non le ha mandate a dire. “Questo è il mio stile di guida… e non sono l’unico“, l’osservazione del capo-classifica di campionato, insieme a Bradley Ray del gruppo di testa uno dei piloti tradizionalmente propensi a tirar fuori la gamba in fase di staccata. “Ho fatto così ad ogni giro, non solo all’ultimo, pertanto non era una manovra ostruzionistica nei confronti di Jake Dixon. Lo fanno Rossi, Marquez, quasi tutti: non vedo quale sia la scorrettezza e non mi sembra ci sia una regola che lo vieti“, rimarca l’alfiere di JG Speedfit Kawasaki prima di farlo, ironicamente, anche su Instagram. Un confronto-pepato tra i due, una rivalità che prospetta scintille in vista dei play-off di fine stagione: i due sono tuttora gli unici qualificati per lo Showdown

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Max75BA - 1 mese fa

    …inserirla nel mondiale SBK è impossibile???

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy