Tourist Trophy: svelata la Mugen Shinden per il TT Zero, John McGuinness pilota

Tourist Trophy: svelata la Mugen Shinden per il TT Zero, John McGuinness pilota

Presentazione a Suzuka

di Redazione Corsedimoto

A tre settimane dall’annuncio dello scorso 16 febbraio, “Mugen” (無限, in giapponese “senza limiti”), brand leggendario fondato nel 1973 da Hirotoshi Honda (figlio di Soichiro), ha svelato ufficialmente la propria moto elettrica con la quale darà l’assalto all’edizione 2012 del TT Zero all’Isle of Man TT, con un programma decisamente “ambizioso”. Conosciuta in Europa come preparatore dei propulsori Honda di Formula 3 e Formula 1 (ha equipaggiato i team Tyrrell, Lotus, Ligier, Prost e Jordan con 4 vittorie all’attivo negli anni ’90), Mugen prenderà parte al TT Zero con il progetto “Shinden”, moto ad emissioni zero sviluppata in proprio negli ultimi mesi riportando il marchio “Mugen Power” al motociclismo che conta a distanza di un lustro dalla partecipazione alla 8 ore di Suzuka e al campionato giapponese Superbike (JSB1000) con Kazuki Tokudome (5° in classifica nel 2007), senza scordarsi dei trascorsi nel mondiale Motocross con una leggenda del calibro di Johnny O’Mara e nell’Endurance (8 ore di Suzuka compresa) con Joey Dunlop nei primi anni ’80. La “Shinden“, 神電 in giapponese (“Shin” significa Dio, “Den” elettricità), è stata sviluppata grazie all’adozione di una batteria al litio da 370v, sufficiente per erogare una potenza massima di 90kw (122 cavalli) ed una coppia di 220 Nm. Mugen Power, per non lasciare nulla al caso, ha trovato in Showa, Nissin e Dunlop validi partner tecnici per questa avventura, seguita con grande interesse dalla Honda. Un impegno “mascherato” da parte del colosso di Tokyo, che per il momento ha deciso di affidare a M-TEC (nuova società-madre di Mugen Power) tecnologie ed il suo pilota più rappresentativo: John McGuinness. Proprio “McPint”, 17 vittorie al Tourist Trophy, vera e propria leggenda vivente del motociclismo, sarà il pilota che porterà all’esordio all’Isola di Man la Mugen Shinden con un doppio obiettivo: conquistare la vittoria e abbattere il muro delle 100 mph di media sul giro del “Mountain Course”, sufficiente per guadagnarsi l’assegno di 10.000 sterline messo in palio dal Governo dell’IOM. La Mugen Shinden, svelata a Suzuka in occasione delle celebrazioni per il 50° anniversario dell’impianto, ha già superato senza problemi i primi test privati nelle ultime settimane avvalendosi di Hikaru Miyagi, ex-pilota attualmente impegnato nella messa a punto della moto storiche del museo Honda. Lo stesso esperto rider nipponico ha portato in pista la Mugen Shinden per un’esibizione a Suzuka, aspettando l’arrivo di John McGuinness, atteso nella Terra del Sol Levante per un primo test nelle prossime settimane. A detta di Satoshi Katsumata, responsabile del progetto e del “Team Mugen”, l’obiettivo 100mph è ampiamente alla portata della Shinden. Va ricordato che lo scorso anno Michael Rutter, ai comandi della MotoCzysz E1pc, era arrivato vicinissimo a questo primato grazie ad un giro veloce in 22’43″68 a 99.604mph, con un top speed al rilevamento di Sulby a 149.5 mph, ben 241 km/h. Primo video della Mugen Shinden in azione a Suzuka (via car.watch.impress.co.jp) L’edizione 2012 del TT Zero, la quartaa dopo l’esperimento del TTXGP 2009 (successo di Rob Barber con la AGNI Motors X01 a 87.434mph) 2010 (trionfo della MotoCzysz affidata a Mark Miller, 96.820mph) e del TT Zero 2011 (vittoria di Michael Rutter su MotoCzysz a 99.604mph) è in programma per mercoledì 6 giugno, penultima giornata di attività dell’Isle of Man TT 2012.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy