Tourist Trophy Superstock Gara: splendida vittoria di Michael Dunlop

Tourist Trophy Superstock Gara: splendida vittoria di Michael Dunlop

Batte McGuinness e Martin, 17° Bonetti

Commenta per primo!

Un Dunlop torna a vincere al Tourist Trophy. A due anni dallo storico ed emozionante primo trionfo in Gara 2 tra le Supersport, Michael Dunlop conquista la vittoria nella classe Superstock, ultima corsa di una luttuosa giornata all’Isola di Man per la tragica scomparsa di Derek Brien. Figlio di Robert, nipote di Joey, Michael non ha incontrato avversari rilevando il comando delle operazioni al secondo giro ai danni di Guy Martin (3° sul traguardo); da quel momento la Kawasaki #9 ha mostrato un’ascesa inarrestabile verso la vittoria, arrivando sino a 20″ di margine su John McGuinness (suo più diretto inseguitore) in prossimità dell’unica sosta ai box preventivata. Vince dunque Michael Dunlop riscattando la sfortuna incontrata nel primo pomeriggio tra le Supersport, costretto due volte al ritiro quando era in testa alla corsa, proponendosi anche tra i seri candidati alla vittoria per le restanti gare in programma tra Supersport (in agenda per mercoledì) e Senior TT quando disporrà della Kawasaki Ninja ZX-10R ufficiale preparata dal Paul Bird Motorsport, emanazione diretta di Akashi del Mondiale Superbike. Lontanissimi da Dunlop hanno concluso sul podio John McGuinness, 2° su Padgett’s Honda pagando 18″ di svantaggio, e Guy Martin, terzo dopo aver comandato nel corso del primo giro con la GSX-R 1000 di Relentless Suzuki by TAS. La gara non ha riservato grandi colpi di scena se non per gli eccellenti ritiri di Bruce Anstey, fuori gioco al primo giro dopo il successo di stamane tra le Supersport, e di Gary Johnson, davvero sfortunato in questa edizione del TT dove ha finora raccolto ben poco nonostante eccellenti prestazioni sul piano cronometrico. Alle spalle del terzetto di testa si segnala Keith Amor, 4° con la propria Honda, seguito dalla coppia del Wilson Craig Racing William Dunlop e Cameron Donald, Dan Kneen e Michael Rutter ottavo con la Ducati 1098R abitualmente impiegata nel British Superbike. Sempre dal BSB si è presentato con grandi ambizioni Simon Andrews, confermandosi alla sua prima gara in assoluto al TT conclusa in 11° posizione vincendo la classifica dei newcomers con la BMW S1000RR del team Ice Valley. Per il nostro Stefano Bonetti una prestazione da evidenziare, 17° assoluto, ritrovandosi addirittura 10° al primo rilevamento di “Glen Helen”. Cronaca di Gara In tarda serata alle 18:30 locali prende il via l’unica gara in agenda per la classe Superstock all’Isle of Man TT. Tutti i piloti schierati rispettando i numeri di gara: McGuinness (#1), Amor (#2), Martin (#3), Anstey (#5), Donald (#6), Archibald (#8), Michael Dunlop (#9), Cummins (#10), Johnson (#11). Al primo rilevamento di “Glen Helen” McGuinness è già in testa con 130.062 mph, pochi decimi di margine su Martin ed i fratelli Dunlop, ma ad impressionare è il nostro Stefano Bonetti che nonostante un numero alto (il 30) è già decimo assoluto con la propria Kawasaki ZX-10R con un parziale di 4’36″12 a 126.467 mph, pagando soltanto 7″6 dal leader. “Bonny” perderà una posizione ai successi passaggi tra “Ballaugh” e “Ramsey”, in compenso è Michael Dunlop a passare in testa viaggiando a 140 mph di media (e con una top speed di 299 km/h a Sulby, niente male per una Stock..) davanti a Guy Martin con John McGuinness ora scivolato in terza posizione con 2 secondi da recuperare. Martin sembra determinatissimo a cogliere la sua prima vittoria al TT, guadagna su Dunlop tanto da pagare soli 3 centesimi a “Cronk ny Mona” e passa in testa al termine del primo passaggio con 1″6 di vantaggio, terzo è McGuinness a 3″4, seguono Johnson (+ 6″5), William Dunlop (+ 9″1), Amor (+ 10″7), perde terreno Donald (+ 20″4) con Stefano Bonetti che si ritrova in 15° posizione con un primo riferimento in 18’26″48 a 122.757 mph. Già al termine del primo giro i colpi di scena non mancano: si ritirano rientrando in corsia box Daniel Stewart e, soprattutto, Bruce Anstey, vincitore della Supersport, costretto alla resa così come accaduto (seppur con differenti tempistiche) sabato scorso tra le Superbike. Senza uno degli attesi protagonisti la gara non manca di riservar emozioni: inizia il secondo giro e Michael Dunlop già a “Glen Helen” si riappropria del comando con anche un buon vantaggio (3″) su Guy Martin. Il distacco sale a 6 secondi a “Ballaugh”, sono 9″ a “Ramsey”, 11″ a “Bungalow”, 12 a “Cronk ny Mona”: insomma, è davvero scatenato. Il figlio dell’indimenticato Robert Dunlop chiude così il secondo giro con una media vicina alle 130 mph (129.709 per la precisione) lasciando a 13 secondi Guy Martin, a 15 McGuinness, a 23 Amor il tutto mentre i piloti rientrano ai box per l’unica sosta prevista. Non c’è nella lista Gary Johnson, fermo a “Creg ny Baa” quando navigava a ridosso del podio. Quanto a Stefano Bonetti al secondo giro è 16° assoluto, interessante la prestazione di Simon Andrews, esordiente al TT dopo esperienze nel BSB, Macau GP e NW200, 13° in classifica con la BMW Ice Valley. Archiviato il valzer dei pit-stop, i piloti riprendono la via del “Mountain Course” con Dunlop che rafforza la propria leadership ai danni di Guy Martin, ora impensierito nel raffronto cronometrico da John McGuinness. Il sorpasso del 16 volte vincitore di una gara al TT arriva a “Ramsey” con ben 1″7 su Martin, ma 18″9 dall’imprendibile Kawasaki #9 di Michael Dunlop. McPint addirittura guadagna 1 secondo quando si passa a “Bungalow”, dietro stando ai rilevamenti del sistema di cronometraggio Martin e Amor sono a stretto contatto, ma non parlando dei tempi sul giro con il pilota Relentless Suzuki in vantaggio di 10″. Si chiude anche il terzo dei quattro giri previsti, Michael Dunlop consolida la leadership: 17″7 su McGuinness, 21″3 su Martin, a 31″4 Amor, a seguire William Dunlop, Donald, Kneen, Rutter, Archibald e Hillier a completare la top-10 con Simon Andrews 11° e primo dei “newcomers”, sedicesimo Stefano Bonetti con un giro a 116.417 mph. Giunti all’ultimo passaggio, non ci sono cambiamenti con Michael Dunlop che conquista la seconda vittoria personale al TT, McGuinness e Martin completano il podio. Gli altri in classifica: Keith Amor è 4° davanti a William Dunlop, Donald, Kneen, Rutter (su Ducati), Archibald, Hillier con Simon Andrews 11° alla sua prima gara al TT vincendo la classifica dei “Newcomers”. Per Stefano Bonetti arriva un nuovo piazzamento nella top-20, 17° assoluto aspettando di dare l’assalto alla seconda gara Supersport e al Senior TT. Isle of Man TT fuelled by Monster Energy Royal London 360 Superstock, Classifica Gara 01- Michael Dunlop – Street Sweep – Kawasaki ZX-10R – 1h11’13.69 (127.129 mph) 02- John McGuinness – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 1000RR – 1h11’32.32 (126.578 mph) 03- Guy Martin – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 1h11’36.59 (126.452 mph) 04- Keith Amor – KBMG Racing – Honda CBR 1000RR – 1h11’44.79 (126.211 mph) 05- William Dunlop – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – 1h12’16.10 (125.300 mph) 06- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – 1h12’16.58 (125.286 mph) 07- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h12’27.28 (124.977 mph) 08- Michael Rutter – Riders Motorcycles – Ducati 1098R – 1h13’04.52 (123.916 mph) 09- Adrian Archibald – AMA Racing Team – BMW S1000RR – 1h13’13.00 (123.677 mph) 10- James Hillier – Bournemouth Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h13’30.54 (123.185 mph) 11- Simon Andrews – Ice Valley BMW Motorrad – BMW S1000RR – 1h14’06.50 (122.189 mph) 12- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h14’14.60 (121.966 mph) 13- Luis Carreira – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – 01h14’16.06 (121.927 mph) 14- Ian Lougher – Blackhorse Kawasaki Motors UK – Kawasaki ZX-10R – 1h14’32.76 (121.471 mph) 15- Ian Mackman – Kemtile Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1h14’38.93 (121.304 mph) 16- Steve Mercer – WA Corless Jackson Racing – BMW S1000RR – 1h14’52.50 (120.938 mph) 17- Stefano Bonetti – Speed Motor – Kawasaki ZX-10R – 1h14’57.05 (120.815 mph) 18- Robert Barber – Shipley Racing – Honda CBR 1000RR – 1h14’58.91 (120.765 mph) 19- Ian Pattinson – Ian Pattinson Racing – BMW S1000RR – 1h15’07.61 (120.532 mph) 20- Mark Parrett – C & C Ltd Vines – BMW S1000RR – 1h15’13.51 (120.375 mph) 21- Paul Shoesmith – Ice Valley BMW Motorrad – BMW S1000RR – 1h15’23.43 (120.111 mph) 22- Davy Morgan – Davy Morgan Racing – BMW S1000RR – 1h15’24.14 (120.092 mph) 23- John Burrows – Burrows Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h15’29.44 (119.951 mph) 24- Russ Mountford – Northpoint Racing – Honda CBR 1000RR – 1h15’42.34 (119.611 mph) 25- Michael Russell – Top Gun Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h16’06.73 (118.972 mph) 26- Gary Carswell – Carswell Racing – Honda CBR 1000RR – 1h16’20.83 (118.606 mph) 27- Dean Harrison – P.R.S. Racing – Yamaha YZF R1 – 1h16’21.14 (118.598 mph) 28- Jules Croft – Nowell Motorsports – Honda CBR 1000RR – 1h16’32.85 (118.295 mph) 29- Piotr Betlej- Betlej Racing – Honda CBR 1000RR – 1h16’54.70 (117.735 mph) 30- George Spence – Ayton Smiddy Ltd – Aprilia RSV4 – 1h17’27.49 (116.904 mph) 31- David Hewson – Ch’Ien Acupuncture Clinic – Kawasaki ZX-10R – 1h17’33.75 (116.747 mph) 32- Steve Heneghan – Quattro Plant Motorsport – BMW S1000RR – 1h17’39.84 (116.595 mph) 33- Scott Wilson – Diamond H Servlite – BMW S1000RR – 1h17’40.02 (116.590 mph) 34- Alan Connor – Connor Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1h18’13.49 (115.759 mph) 35- Daniel Cooper – Centurian Racing – Honda CBR 1000RR – 1h18’19.83 (115.602 mph) 36- Rico Penzkofer – Penz13 BMW Racing Team – BMW S1000RR – 1h18’38.17 (115.153 mph) 37- Paul Duckett – West London Superbikes – Suzuki GSX-R 1000 – 1h19’11.52 (114.345 mph) 38- Adrian Clark – BHR Racing – Honda CBR 1000RR – 1h19’20.26 (114.135 mph) 39- Alan Bud Jackson – Mike Smith BDS Fuels – Yamaha YZF R1 – 1h19’46.21 (113.516 mph) 40- David Madsen-Mygdal – Quayside Tyre – Yamaha YZF R1 – 1h19’49.97 (113.427 mph) 41- Yoshinari Matsushita – Matsushita Racing – BMW S1000RR – 1h20’25.57 (112.590 mph) 42- James Ford – James Ford Racing – Kawasaki ZX-10R – 1h20’27.95 (112.535 mph) 43- Toni Rechberger – MSC Rottenegg – Suzuki GSX-R 1000 – 1h23’03.98 (109.012 mph)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy