Tourist Trophy Supersport Gara 2: corsa fermata al 1° giro con i Dunlop in fuga

Tourist Trophy Supersport Gara 2: corsa fermata al 1° giro con i Dunlop in fuga

Si recupera domani alle 12:15

Commenta per primo!

“Una corsa che non doveva nemmeno iniziare”. Questa l’opinione di Guy Martin condivisa dalla maggioranza (ma non all’unanimità) dei piloti, schierati al via della seconda gara del TT 2011 riservata alla classe Supersport. La pioggia (leggera) aveva bagnato il “Mountain Circuit” nella primissima mattinata, convincendo i commissari a posticipare il via alle 12:40 al seguito della tradizionale “Parata” di alcune “star” del motociclismo internazionale (Mick Doohan, Nicky Hayden, Cal Crutchlow, Joshua Brookes, ma anche e soprattutto Ian Hutchinson con la R1 Superbike). A pochi minuti dal via un nuovo scroscio di pioggia ha reso insidioso il primo tratto del “Mountain”, settore dove i fratelli Michael e William Dunlop viaggiavano come se fosse asciutto con un margine di oltre 30″ sui più diretti inseguitori. Una prestazione superlativa che resterà nella memoria degli appassionati, ma non nelle classifiche: al passaggio di “Ballaugh” nel corso del secondo giro la direzione gara ha deciso di esporre la bandiera rossa, posticipando la contesa a domani (appuntamento alle 12:15 locali) con l’odierno programma di attività (Sidecar, TT Zero) fortemente a rischio. Prima dell’interruzione la corsa stava volgendo a favore di Michael Dunlop, leader al secondo rilevamento con 10″ di margine sul fratello William, a 38″ l’ottimo Dan Kneen che aveva sorpassato in classifica piloti del calibro di Cameron Donald, Bruce Anstey Guy Martin e John McGuinness con Keith Amor (caduto a “Union Mills” senza conseguenza) e Gary Johnson (problemi tecnici) fuori gioco. L’appuntamento è così rimandato a domani alle 12:15 locali per la seconda gara della Supersport, ancora da definire il programma odierno con i Sidecar ed il TT Zero originariamente in programma per le 13:45 e 16:00, sperando nella clemenza della pioggia. Cronaca di Gara A seguito della pioggia della primissima mattinata, il programma viene ripetutamente posticipato. Alla fine la direzione gara propende per il via alle 12:40, subito dopo la “Parade Lap” che ha visto protagonisti (tra gli altri) Ian Hutchinson con la Yamaha R1 Superbike, Mick Doohan, Nicky Hayden e Cal Crutchlow. Purtroppo per i piloti, alle 12:00 ricomincia a piovere, invitando loro a dar vita ad un meeting in corsia box coinvolgendo nomi del calibro di McGuinness, i fratelli Dunlop, Anstey, Martin, Donald (passato al #4 per questa corsa, ritirato invece il #16 in memoria di Derek Brien). Alla fine si decide di correre e proprio Nicky Hayden dà il via alla seconda gara del TT Superbike sventolando la bandiera verde con John McGuinness primo a partire grazie al #1 ben in mostra sul cupolino della propria Padgett’s Honda. Seguono a ruota Keith Amor (#2, KBMG Honda), Guy Martin (#3, Relentless Suzuki), Cameron Donald (#4, Wilson Craig Racing Honda) ed il vincitore della gara di lunedì Bruce Anstey (#5, Padgett’s Honda): non prende il via Adrian Archibald. Al primo rilevamento di “Glen Helen” è tuttavia Michael Dunlop a spiccare il miglior parziale in 125.954 mph (non male in condizioni di scarsa aderenza), proponendo un bel confronto con Gary Johnson (staccato di 2 soli centesimi), con il fratello William (+ 0″08), a 4 secondi Anstey, Donald e Martin mentre John McGuinness è addirittura 13° pagando 9″ con Stefano Bonetti 22° (+ 18″62). Distacco che per McPint sale a 17″ a “Ballaugh” proprio quando si trovano in testa, nell’ordine, i fratelli Michael e William Dunlop, separati da 1″34. La lotta in famiglia prosegue anche a Ramsey (+ 1″36 a vantaggio di Michael), Bungalow (William riduce il gap a 6 decimi), Cronk ny Mona (Michael ora a + 1″88) e si chiude così il primo dei quattro giri previsti con i due Dunlop a comandare la classifica separati da 1″9, segue a 9″52 Donald, a 18″4 Martin, Kneen a 23″, Anstey è settimo pagando 28″ contro i 31 accusati da Amor, i 36 di Cummins ed i 38 di McGuinness. Stefano Bonetti? Chiude il primo giro in 26° posizione a 114.871 mph. Giunti alla seconda tornata del “Mountain Circuit”, iniziano i primi colpi di scena: Keith Amor cade a Union Mills fortunatamente senza conseguenze, fuori gioco anche Gary Johnson per un problema tecnico alla propria Honda CBR 600RR dell’East Coast Racing. La pioggia, seppur leggera, bagna “Glen Helen”, ma i Dunlop proseguono la loro battaglia staccando di 30″ (!!!) Dan Kneen attualmente terzo in classifica, con Michael che si porta a + 10″ su William al passaggio di “Ballaugh”. Nel frattempo arriva la comunicazione: bandiera rossa, diluvia tanto che Mark Parrett è scivolato a “Laurel Bank” rimediando una frattura ad una caviglia. La gara viene così fermata con Michael Dunlop al passaggio di “Ballaugh” in testa con 10″69 di vantaggio sul fratello William, Dan Kneen 3° con 38″83 di svantaggio, Cameron Donald 4° davanti ad un ottimo Conor Cummins, seguono Bruce Anstey, Guy Martin, John McGuinness e Ian Lougher l’ultimo dei piloti a passare al rilevamento del cronometro. Isle of Man TT fuelled by Monster Energy Monster Energy Supersport, Classifica Gara 2 al termine del 1° giro 01- Michael Dunlop – Street Sweep – Yamaha YZF R6 – 18’15.42 (123.996 mph) 02- William Dunlop – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 18’17.32 (123.781 mph) 03- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 18’24.95 (122.927 mph) 04- Guy Martin – Relentless Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – 18’33.83 (121.947 mph) 05- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Yamaha YZF R6 – 18’39.00 (121.383 mph) 06- Bruce Anstey – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’43.59 (120.887 mph) 07- Keith Amor – KBMG Racing – Honda CBR 600RR – 18’46.84 (120.539 mph) 08- Conor Cummins – McAdoo Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-6R – 18’51.83 (120.007 mph) 09- John McGuinness – Padgetts Motorcycles – Honda CBR 600RR – 18’54.26 (119.750 mph) 10- Ian Lougher – Blackhorse Kawasaki Motors UK – Kawasaki ZX-6R – 18’58.85 (119.267 mph) 11- Gary Johnson – East Coast Racing – Honda CBR 600RR – 19’04.48 (118.681 mph) 12- Russ Mountford – Northpoint Racing – Yamaha YZF R6 – 19’07.31 (118.338 mph) 13- James Hillier – Bournemouth Kawasaki Racing – Kawasaki ZX-6R – 19’08.50 (118.265 mph) 14- Mark Buckley – Energy Armor Racing – Kawasaki ZX-6R – 19’14.74 (117.627 mph) 15- Luis Carreira – CD Racing – Yamaha YZF R6 – 19’17.18 (117.379 mph) 16- Roger Maher – Slick Performance – Yamaha YZF R6 – 19’18.55 (117.240 mph) 17- Ian Mackman – Kemtile Racing – Triumph Daytona 675 – 19’24.00 (116.691 mph) 18- Simon Fulton – Fulton Racing – Yamaha YZF R6 – 19’28.67 (116.224 mph) 19- Mark Parrett – Vixen Racing – Yamaha YZF R6 – 19’29.61 (116.131 mph) 20- Ivan Lintin – Ivan Lintin Racing – Suzuki GSX-R 600 – 19’32.00 (115.894 mph) 21- Jim Hodson – Al Gibbon Pete Beale – Yamaha YZF R6 – 19’33.57 (115.740 mph) 22- Ian Pattinson – Merlin Sidecars – Yamaha YZF R6 – 19’36.20 (115.418 mph) 23- Robert Barber – PRB Racing – Suzuki GSX-R 600 – 19’37.96 (115.308 mph) 24- Ben Wylie – Ben Wylie Racing – Yamaha YZF R6 – 19’37.99 (115.305 mph) 25- Gary Carswell – Carswell Racing – Kawasaki ZX-6R – 19’42.27 (114.888 mph) 26- Stefano Bonetti – Speed Motor – Honda CBR 600RR – 19’42.44 (114.871 mph) 27- Daniel Cooper – Centurian Racing – Triumph Daytona 675 – 19’42.56 (114.860 mph) 28- Michael Russell – Top Gun Racing – Honda CBR 600RR – 19’44.82 (114.640 mph) 29- Dean Harrison – Bell Yamaha – Yamaha YZF R6 – 19’46.17 (114.510 mph) 30- Paul Owen – Paul Owen Racing – Yamaha YZF R6 – 19’47.63 (114.369 mph) 31- Paul Shoesmith – Ice Valley Racing – Yamaha YZF R6 – 19’49.67 (114.173 mph) 32- Mark Miller – TC Racing – Honda CBR 600RR – 19’56.39 (113.531 mph) 33- Bill Callister – Kaka Racing – Yamaha YZF R6 – 19’57.14 (113.461 mph) 34- John Burrows – John Burrows Racing – Yamaha YZF R6 – 19’59.88 (113.201 mph) 35- Brandon Cretu – HEL Performance – Yamaha YZF R6 – 20’01.63 (113.036 mph) 36- Robert Wilson – Stoddart Racing – Kawasaki ZX-6R – 20’01.83 (113.018 mph) 37- Daniel Hegarty – Crosslane Garage – Kawasaki ZX-6R – 20’04.43 (112.773 mph) 38- David Madsen Mygdal – Quayside Tyre – Yamaha YZF R6 – 20’12.19 (112.052 mph) 39- Scott Wilson – Diamond H Servlite – Yamaha YZF R6 – 20’13.15 (111.963 mph) 40- Roy Richardson – Barnes Racing – Yamaha YZF R6 – 20’24.60 (110.916 mph)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy