Tourist Trophy: Michael Dunlop si ripete, vittoria in Gara 1 del TT Supersport

Tourist Trophy: Michael Dunlop si ripete, vittoria in Gara 1 del TT Supersport

Anstey e W.Dunlop sul podio

di Redazione Corsedimoto

Il 2013 sembra davvero esser il suo anno. A meno di 24 ore dalla vittoria al TT Superbike, Michael Dunlop si è ripetuto nella prima di due gare in programma nell’ambito del Tourist Trophy 2013 riservata alla classe Supersport, distanziando di oltre 10″ Bruce Anstey, di 23″ il fratello William. Al quinto centro all’Isle of Man TT (eguagliato il bottino del compianto padre Robert), il secondo consecutivo e terzo tra le sportive di media cilindrata dopo i successi del 2009 e 2012 (ma su Yamaha R6), “Micky D” sin dai primi passaggi della contesa ha dato prova del proprio valore. Non è arrivato il “record” della categoria, ma MD ha gestito al meglio il vantaggio costruito e consolidato nei quattro giri in programma, conservando un vantaggio di 10″ a scapito del “Kiwi” Bruce Anstey dopo la prima ed unica sosta al termine del secondo giro. Una vittoria da rimarcare per il 24enne figlio e nipote d’arte, in trionfo per la prima volta in sella alla Honda CBR 600RR versione 2013 preparata dal Performance Technical Racing (compagine più volte vice-Campione del Mondo Supersport con Eugene Laverty e Jules Cluzel) e schierata dal proprio MD Racing con il supporto di Hunts Motorcycles e McAdoo, deciso a riconfermarsi questo pomeriggio tra le Superstock dopo il successo conseguito su Kawasaki nel 2011. Non sarà facile per Dunlop, a maggior ragione con un Bruce Anstey che riscatta l’amaro epilogo del TT Superbike portando la Honda CBR 1000RR di Padgett’s Motorcycles vestita dei colori HM Plant in seconda posizione spezzando l’egemonia dei fratelli Dunlop sul podio. William, con un buon ultimo giro, si è assicurato il terzo posto (ed il terzo podio negli ultimi tre anni tra le Supersport) con la R6 di Milwaukee Yamaha, tenendo testa alla rimonta di John McGuinness, quarto con la Padgett’s Honda a precedere James Hillier (Quattro Plant Kawasaki) e Guy Martin, soltanto sesto con diverse difficoltà al giro di boa della contesa in sella alla GSX-R 600 di TAS Suzuki. Terzo podio al TT Supersport per William Dunlop In piena top-10 non sono mancati nemmeno Cameron Donald (7° con la Honda CBR 600RR del Wilson Craig Racing), un sempre più convincente Dean Harrison che conquista un pregevole 8° posto con la propria Yamaha R6, a seguire Dan Stewart e la Triumph Daytona 675R del Centurion Racing condotta da Daniel Cooper, da diversi anni protagonista del TT Privateers Championship. Sfortunato Gary Johnson, costretto al ritiro all’ultimo giro nei pressi di “Quarter Bridge” dopo aver condotto la esordiente MV Agusta F3 675 del team Valmoto di Jack Valentine in nona posizione: per “Gaz” possibilità di rifarsi con la splendida tre cilindri varesina mercoledì in Gara 2. Cronaca di Gara Senza ritardi alle 10:45 in punto scatta Gara 1 del TT Supersport, il primo a scender verso “Bray Hill” con il #1 ben impresso sul cupolino della propria Kawasaki Ninja ZX-6R è James Hillier, seguito a ruota da Cameron Donald (Honda Wilson Craig Racing #2), il recordman John McGuinness (Padgett’s Honda #3), Guy Martin (TAS Suzuki #4), Bruce Anstey (Padgett’s Honda #5), da seguire con interesse i fratelli Michael e William Dunlop, schieratisi rispettivamente con il numero 6 e 11, mentre non risultano tra i partenti Michael Rutter e Ben Wylie. Si va verso il primo rilevamento di “Glen Helen” e, secondo copione, è William Dunlop al comando con un risicato margine su Anstey, ma i fratelli Dunlop già a “Ballaugh” sono in prima e seconda posizione separati da una manciata di centesimi. Il sorpasso di Michael nei confronti di William arriva prima della salita verso la montagna a “Ramsey”: parziale a 138.121 mph di media, 1″4 di margine che sale a 2″9 a “Bungalow” su Anstey, 4″ a “Cronk-ny-Mona”. Va così in archivio il primo dei quattro giri previsti con Michael Dunlop già in fuga: con partenza da fermo viaggia in 17’54″329 a 126.430 mph di media, 4″1 di vantaggio nei confronti di Bruce Anstey, 6″1 a scapito di William Dunlop, gap che sale a 11″ nei confronti di Cameron Donald, 14″ su Guy Martin, Dean Harrison 6° sconta 15″ ritrovandosi in piena bagarre con John McGuinness, James Hillier, Gary Johnson con Dan Stewart a completare la top-10 scontando 32″ di svantaggio. Guy Martin soltanto sesto Inizia il secondo giro del “Mountain Course” con MD sempre più “Man on a Mission”: 6″ netti di margine su Bruce Anstey al rilevamento di “Glen Helen”, 7″7 a “Ballaugh”, 8″9 a “Ramsey”, non cambia la situazione al “Mountain” tanto che chiuderà il secondo giro con 10″ di vantaggio nei confronti di Bruce Anstey, un bel tesoretto da gestire nella prima ed unica sosta ai box in programma. Concluso il valzer dei pit-stop, Michael Dunlop resiste al comando: a “Glen Helen” vanta 10″ di margine su Anstey, 24″ nei confronti di William unlop avvicinato da Guy Martin (a 27″), McGuinness ora è 5° scontando 31″ di svantaggio a precedere Donald, Hillier, Harrison e Johnson, quest’ultimo già con 1 minuto di gap. Il terzo dei quattro giri previsti non offre grandi cambiamenti ai vertici della classifica con MD in gestione totale del vantaggio costruito, l’unico a viaggiare sui suoi tempi è John McGuinness tanto da scavalcare in classifica per il quarto posto Guy Martin (quasi a riproporre quanto accaduto ieri in Superbike) con William Dunlop 3° e non distante: ci sono più soltanto 5″ da recuperare nella quarta ed ultima tornata della contesa. “McPint” le prova tutte, ma in realtà è WD a rafforzare il proprio vantaggio assicurandosi il terzo posto alle spalle di Bruce Anstey e, soprattutto, del fratello Michael Dunlop, al quinto centro in carriera al Tourist Trophy, il terzo tra le Supersport, il secondo su due gare sin qui disputate nell’edizione 2013. La MV di Johnson, foto Steve's Photos Vittoria dunque per Michael Dunlop che chiude con 10″3 di margine su Bruce Anstey, 23″ nei confronti di William Dunlop, 30″ a scapito di John McGuinness, più staccato James Hillier che nel finale regola di 4″ Guy Martin (6°), a seguire Cameron Donald, Dean Harrison, Dan Stewart e Daniel Cooper a completare la top-10. Amaro epilogo per Gary Johnson, con la propria MV Agusta F3 costretto al ritiro nel corso dell’ultimo giro a Quarter Bridge. Isle of Man TT Races fuelled by Monster Energy 2013 Monster Energy Supersport, Classifica Gara 1 01- Michael Dunlop – MD Racing – Honda CBR 600RR – 1h12’20.162 (125.182 mph) 02- Bruce Anstey – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 600RR – 1h12’30.520 (124.884 mph) 03- William Dunlop – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – 1h12’43.602 (124.510 mph) 04- John McGuinness – HM Plant Honda by Padgett’s – Honda CBR 600RR – 1h12’50.749 (124.306 mph) 05- James Hillier – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – 1h13’13.320 (123.668 mph) 06- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – 1h13’17.846 (123.540 mph) 07- Cameron Donald – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 1h13’36.985 (123.005 mph) 08- Dean Harrison – Ian Bell Yamaha – Yamaha YZF R6 – 1h13’47.386 (122.716 mph) 09- Dan Stewart – SMT Wilcock Racing – Honda CBR 600RR – 1h14’46.332 (121.104 mph) 10- Daniel Cooper – Centurion Racing – Triumph Daytona 675 – 1h15’14.098 (120.359 mph) 11- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Suzuki GSX-R 600 – 1h15’19.911 (120.204 mph) 12- Jamie Hamilton – KMR Vauxhall Motors NI – Kawasaki ZX-6R – 1h15’34.589 (119.815 mph) 13- David Johnson – Ace Cafe T3 – Triumph Daytona 675 – 1h15’47.346 (119.479 mph) 14- Robert Wilson – Stoddart Racing Oban – Kawasaki ZX-6R – 1h15’57.104 (119.223 mph) 15- Davy Morgan – CSC Racing – Yamaha YZF R6 – 1h16’13.799 (118.788 mph) 16- Oliver Linsdell – Flitwick Motorcycles – Yamaha YZF R6 – 1h16’15.829 (118.735 mph) 17- Ian Pattinson – Weardale Racing – Honda CBR 600RR – 1h16’24.595 (118.508 mph) 18- Ian Lougher – W.A Corless/Jackson Racing – Honda CBR 600RR – 1h16’34.228 (118.260 mph) 19- Robert Barber – Econolift – Honda CBR 600RR – 1h16’37.305 (118.181 mph) 20- Jamie Coward – Barnes Racing – Yamaha YZF R6 – 1h16’37.929 (118.165 mph) 21- Shaun Anderson – Doones Stores – Suzuki GSX-R 600 – 1h16’44.898 (117.986 mph) 22- Jimmy Storrar – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – 1h16’46.550 (117.943 mph) 23- Ian Mackman – Kemtile Hygenic Flooring Solutions – Kawasaki ZX-6R – 1h16’49.128 (117.877 mph) 24- Ryan Kneen – Ryan Kneen Racing – Kawasaki ZX-6R – 1h17’09.407 (117.361 mph) 25- Simon Andrews – Ice Valley by Motorsave Trade – Honda CBR 600RR – 1h17’14.736 (117.226 mph) 26- Paul Owen – Team #98 – Yamaha YZF R6 – 1h17’33.235 (116.760 mph) 27- Phil Harvey – Timloc Building Products – Yamaha YZF R6 – 1h17’38.571 (116.626 mph) 28- David Hewson – David Hewson Ltd – Yamaha YZF R6 – 1h17’46.174 (116.436 mph) 29- Wayne Kirwan – Crossan Motorcycles – Yamaha YZF R6 – 1h17’49.283 (116.359 mph) 30- Grant Wagstaff – Ducks Cross Racing – Yamaha YZF R6 – 1h17’50.968 (116.317 mph) 31- Mark Parrett – Vixen Racing – Yamaha YZF R6 – 1h17’58.593 (116.127 mph) 32- Jim Hodson – Al Gibbon – Yamaha YZF R6 – 1h18’02.492 (116.031 mph) 33- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave Trade – Yamaha YZF R6 – 1h18’11.710 (115.803 mph) 34- James Ford – C and C Ltd – Triumph Daytona 675 – 1h18’15.737 (115.703 mph) 35- Kiaran Hankin – KH Hire – Kawasaki ZX-6R – 1h18’17.341 (115.664 mph) 36- John Ingram – John Ingram Racing – Triumph Daytona 675 – 1h18’30.086 (115.351 mph) 37- Sam Wilson – Logan Racing – Yamaha YZF R6 – 1h18’42.419 (115.050 mph) 38- Eric Wilson – Mike Smith Racing – Honda CBR 600RR – 1h19’11.819 (114.338 mph) 39- Ryan McCay – Motobreakers – Kawasaki ZX-6R – 1h19’22.194 (114.089 mph) 40- George Spence – Ayton Smiddy Ltd – Yamaha YZF R6 – 1h20’02.903 (113.122 mph) 41- David Madsen Mygdal – Mann Made Group – Yamaha YZF R6 – 1h20’36.774 (112.329 mph) 42- Tim Sayers – Woods Motorcycles of Abergele – Kawasaki ZX-6R – 1h20’54.381 (111.922 mph) 43- Nuno Caetano – Alarm Technologies – Kawasaki ZX-6R – 1h20’54.451 (111.920 mph) 44- Adrian Cox – Topgun Racing/RAF – Honda CBR 600RR – 1h20’54.757 (111.913 mph) 45- Paul Duckett – Duckett Roofing – Triumph Daytona 675 – 1h21’45.804 (110.749 mph) 46- Neal Champion – Frasers Motorcycles – Kawasaki ZX-6R – 1h22’28.020 (109.804 mph) 47- Adam Child – MCN – Kawasaki ZX-6R – 1h22’39.530 (109.549 mph) 48- Alan Bud Jackson – BDS Fuels – Honda CBR 600RR – 1h22’56.810 (109.169 mph) 49- Maria Costello – Bob Wylie Racing – Triumph Daytona 675 – 1h23’23.892 (108.578 mph)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy