Prime immagini di Guy Martin pilota Relentless Suzuki

Prime immagini di Guy Martin pilota Relentless Suzuki

Già posa con la Suzuki #8

Commenta per primo!

Adesso è veramente ufficiale. Guy Martin, tra i piloti più conosciuti del Road Racing, lascia Honda (ha corso per anni con i team Hydrex e Wilson Craig) per accasarsi con Relentless Suzuki by TAS, squadra ufficiale Suzuki nelle corse su strada che da anni può contare su moto particolarmente competitive con le quali hanno vinto al TT (e non solo) Cameron Donald e Bruce Anstey. L’accordo è stato ufficializzato da Relentless Suzuki by TAS e Suzuki GB, con il programma 2011 per Guy Martin che prevede la certa partecipazione a Tourist Trophy e North West 200 più qualche tappa del British Superstock 1000. I primi test inizieranno nel mese di febbraio in Spagna sui circuiti di Guadix e Almeria, abituali mete delle squadre del British Superbike. “Non può esserci qualcosa di meglio che firmare con Relentless Suzuki by TAS“, spiega Guy Martin. “Con il supporto Suzuki han vinto qualcosa come 15 TT, ma per me è stata comunque una decisione difficile da prendere. Quest’anno hai test Pirelli di inizio stagione ho seguito e… fotografato il loro metodo di lavoro, e ne sono rimasto impressionato. Sono il miglior team e non vedo l’ora di correre con loro. Farò qualche gara nel British Superstock, la loro moto ha vinto il titolo nel 2009 con Alastair Seeley… non vedo l’ora di cominciare“. Guy Martin non ha parlato del Tourist Trophy, dove è all’inseguimento di una vittoria dal suo debutto nel 2004, anche se Philip Neill, team manager Relentless Suzuki by TAS, è convinto che possa riuscirci quest’anno. “Per noi non è stato facile cambiare la formazione di piloti, ma siamo felici di aver preso Guy Martin. Ha un grande entusiasmo e questo è una buona base per iniziare. Sappiamo che è un pilota di grande talento, è stato soltanto sfortunato a non aver ancora vinto a TT e North West 200. Il nostro obiettivo sarà quello di riuscirci insieme. Con lui ho parlato lungo e abbiamo fatto un patto: l’anno prossimo non lasceremo la Suzuki ed i nostri sponsor indietro alla classifica, ne siamo convinti“. Resta da decidere ancora il nome per la seconda moto con Cameron Donald, Bruce Anstey e Michael Dunlop tra i candidati, pronti ad affiancare Guy Martin in squadra.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy