North West 200: Michael Dunlop protagonista in un’edizione ricca di colpi di scena

North West 200: Michael Dunlop protagonista in un’edizione ricca di colpi di scena

I fratelli Dunlop in trionfo

Commenta per primo!

L’85esima edizione della North West 200 va in archivio con cinque gare avvincenti andate in scena nella giornata di sabato 17 maggio caratterizzate da diversi colpi di scena. Meritevole del riconoscimento di “Man of the Meeting”, Michael Dunlop si aggiudica la vittoria nel “Main Event” (la NW200 Superbike) in sella alla BMW S1000RR ufficiale di BMW Motorrad e tra le Superstock, corsa conclusasi anzitempo al terzo giro per la spaventosa caduta di Simon Andrews. Oltre a Michael, in trionfo nel “Race Day” anche il fratello William Dunlop, vincitore proprio davanti a MD nella prima gara delle Superbike, mentre Bruce Anstey (Supersport) e Lee Johnston (SuperTwins) sono gli altri due piloti saliti sul gradino più alto del podio oggi al “Triangle”. Supersport Gara 2: vittoria di Bruce Anstey, fuori all’ultimo giro Seeley e Johnston La prima gara della North West 200 di sabato 17 maggio ha visto la vittoria di Bruce Anstey su Honda CBR 600RR del team Valvoline Racing by Padgett’s su Conor Cummins (Milwauee Yamaha), terzo Gary Johnson in sella alla Triumph Daytona 675R ufficiale del team Smiths Triumph. Il cielo si è presentato grigio alla partenza e le condizioni del tracciato si sono dimostrate da subito particolari. Sono stati fatti due giri di allineamento per poter stabilire se le condizioni del tracciato erano sufficientemente sicure. La scelta delle gomme si è rivelata da subito un vero rebus con diverse combinazioni sulla griglia di partenza. Si sono viste moto con gomme “full wet” come quelle di Keith Amor, Guy Martin e Alastair Seeley, con le intermedie John McGuinness o addirittura da asciutto come nel caso di Josh Brookes. La gara ha visto al via lo scatto di Michael Rutter su Triumph, seguito da Gary Johnson suo compagno di squadra. Gary prende la testa del gruppo a “York Corner” seguito da Rutter, Anstey Johnston, Brookes, Cummins e Seeley. Alla fine del primo giro la classifica proponeva Johnson al comando seguito da Anstey Johnston, Brookes, Cummins e Seeley. Nel corso del secondo giro il gruppo non si sgranava e le posizioni restavano invariate, ma nel frattempo aumentava la pioggia nei pressi di “University Corner” e di “Ballasally Roundabout” e anche nel resto del tracciato la pioggia aumentava lievemente. Alla fine del terzo giro Lee Johnston precedeva Seeley seguito da Johnson, Anstey e Cummins, con il duello tra i due fuggitivi che favoriva il rientro del “Kiwi” di Padgett’s Honda. L’ultimo giro è risultato decisivo per l’ordine d’arrivo: Anstey rompe gli indugi e sorpassa Johnston e Seeley a “University Corner”, ma alla chicane di “Mather’s Cross” Anstey sbagla clamorosamente la frenata mancando la variante venendo rallentato. Seeley e Johnston hanno via libera e si avvicinano a “Metropole Corner”, ma cadono entrambi andando a finire contro le barriere di protezione. Anstey vince contenendo il rientro di Conor Cummins, terzo Gary Johnson. Gli stewards hanno confermato il risultato della gara togliendo ogni dubbio su una probabile penalizzazione per Anstey per il salto della chicane. Per quanto concerne i nostri portabandiera, Stefano Bonetti finisce 18° e Dario Cecconi termina 29° a due giri di ritardo dal vincitore. Vauxhall International North West 200 2014 Classifica Milwaukee Supersport Race (Supersport Gara 2) 01- Bruce Anstey – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 600RR – 6 giri in 29’49.098 (108.014 mph) 02- Conor Cummins – Jackson Racing – Honda CBR 600RR – + 0.195 (108.002 mph) 03- Gary Johnson – Smiths Triumph – Triumph Daytona 675R – + 18.921 (106.884 mph) 04- Joshua Brookes – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – + 31.354 (106.154 mph) 05- Michael Dunlop – MD Racing – Honda CBR 600RR – + 33.582 (106.024 mph) 06- Michael Rutter – Smiths Triumph – Triumph Daytona 675R – + 40.422 (105.628 mph) 07- William Dunlop – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – + 55.974 (104.737 mph) 08- Daniel Cooper – Tsingtao WK Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – + 1’06.496 (104.143 mph) 09- Russ Mountford – Silicone Engineering Racing – Triumph Daytona 675R – a 1 giro (104.486 mph) 10- James Cowton – Cowton Racing – Honda CBR 600RR – a 1 giro (104.364 mph) 11- Dan Kneen – Cookstown BE Racing – Honda CBR 600RR – a 1 giro (104.351 mph) 12- John McGuinness – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 600RR – a 1 giro (103.271 mph) 13- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 600 – a 1 giro (103.220 mph) 14- Horst Saiger – saiger-racing.com – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (103.187 mph) 15- James Hillier – Quattro Plant/Muc-Off Kawasaki – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (102.954 mph) 16- Stefano Bonetti – Speed Motor – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (101.956 mph) 17- Ian Hutchinson – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (101.678 mph) 18- Jamie Hamilton – Wilson Craig Racing – Honda CBR 600RR – a 1 giro (101.502 mph) 19- David Haire – B & W Racing – Honda CBR 600RR – a 1 giro (100.954 mph) 20- Tom Weeden – Tom Weeden Racing – Triumph Daytona 675R – a 1 giro (100.268 mph) 21- Connor Behan – KMR/SGS International – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (100.136 mph) 22- Matthew Rees – GT S/Bikes/Moto Breakers – Kawasaki ZX-6R – a 1 giro (100.058 mph) 23- Paul Owen – Team #98 – Yamaha YZF R6 – a 1 giro (99.167 mph) 24- Gary Miller – Gary Miller Racing – Suzuki GSX-R 600 – a 1 giro (99.026 mph) 25- Paul Jordan – Moira MRC – Honda CBR 600RR – a 1 giro (98.625 mph) 26- Nigel Rea – Rea Racing – Suzuki GSX-R 600 – a 1 giro (92.619 mph) 27- Dario Cecconi – Suzuki GSX-R 600 – a 2 giri (91.887 mph) Superbike Gara 1: William Dunlop vince il duello in famiglia con Michael Piove prima della partenza della prima gara riservata alla classe Superbike e si decide di fare “Warm Up Lap” e di accorciare la distanza della contesa da 7 a 5 giri. Alistair Seelely e Lee Johnston non partono dopo il loro incidente nella gara delle Supersport: i due piloti stanno bene, ma hanno deciso di non partire per la gara delle Superbike. Nel frattempo le condizioni meteo migliorano e la pioggia è meno insistente. Dopo un ulteriore giro di allineamento la gara parte regolarmente con Michael Rutter (Bathams BMW) al comando seguito da Ian Hutchinson (Milwaukee Yamaha); il dominatore del TT 2010 passa “The Blade” a “York Corner” seguiti da William Dunlop e Guy Martin. Ian Hutchinson allunga sul gruppo mentre dietro si accende una lotta fra Rutter e le Suzuki del team TAS. Alla chicane di Mather’s Cross Guy Martin arriva lungo e deve cedere alcune posizioni. Alla fine del primo giro Ian Hutchinson conduce su William Dunlop e Conor Cummins, a seguire quarto è Gary Johnson, partito dal secondo gruppo. William Dunlop raggiunge “Hutchy” e lo passa a “Station Corner” allungando su tutto il gruppo. Sempre alla chicane di “Mather’s Cross” Conor Cummins e Ian Hutchinson si toccano mentre Conor provava il sorpasso, i due tagliano sull’erba ma non riportano nessun danno. Alla fine del secondo giro William Dunlop conduce così su Conor Cummins e su Hutchinson, mentre dalle retrovie la coppia BMW formata da Rutter e Michael Dunlop raggiunge Ian Hutchinson e lo passano alla staccata di University Corner. Al termine del terzo giro William Dunlop vanta ben 5 secondi di vantaggio su Cummins, dietro Michael Dunlop accorcia le distanze sul pilota Honda. Proprio MD raggiunge e passa il portacolori Honda Racing e si mette all’inseguimento di William, con il riaggancio registratosi nel corso dell’ultima tornata nei pressi di University Corner. Michael rompe gli indugi e prova un attacco alla “Magherabuoy Chicane”, ma non riesce. A “Metropole” avviene finalmente l’attacco, ma William ripassa il pilota BMW a “Juniper Hill” e si aggiudica così la vittoria davanti al fratello Michael con Conor Cummins terzo a completare il podio. Vauxhall International North West 200 2014 Classifica EventServ Superbike Race (Superbike Gara 1) 01- William Dunlop – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – 5 giri in 24’02.051 (111.616 mph) 02- Michael Dunlop – BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 0.520 (111.576 mph) 03- Conor Cummins – Honda Racing – Honda CBR 1000RR – + 16.137 (110.381 mph) 04- Michael Rutter – Bathams prize winning ales – BMW S1000RR – + 26.149 (109.628 mph) 05- Ian Hutchinson – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 28.048 (109.487 mph) 06- Simon Andrews – Penz13.com BMW Racing – BMW S1000RR – + 34.356 (109.019 mph) 07- Gary Johnson – Lincs Lifting Ltd – Honda CBR 1000RR – + 38.457 (108.717 mph) 08- Joshua Brookes – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 43.029 (108.382 mph) 09- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 47.390 (108.065 mph) 10- Horst Saiger – saiger-racing.com – Kawasaki ZX-10R – + 57.193 (107.358 mph) 11- Dean Harrison – RC Express Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’00.084 (107.151 mph) 12- Phillip Crowe – Handtrans Objektum Fleetwood – BMW S1000RR – + 1’04.675 (106.825 mph) 13- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’07.895 (106.597 mph) 14- Ivan Lintin – Taylor Lindsey Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’09.309 (106.497 mph) 15- Stephen Thompson – Bathams prize winning ales – BMW S1000RR – + 1’14.441 (106.137 mph) 16- Peter Hickman – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’22.075 (105.605 mph) 17- Didier Grams – Team WuG Heidger Motorsport – BMW S1000RR – + 1’29.823 (105.071 mph) 18- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’47.139 (103.897 mph) 19- Bruce Birnie – Carnegie Fuels – BMW S1000RR – + 1’48.393 (103.813 mph) 20- Ben Wylie – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’48.741 (103.790 mph) 21- Marc Fissette – Heidger-Motorsport.de – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’50.307 (103.685 mph) 22- Tom McHale – Tom McHale Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’53.204 (103.492 mph) 23- Anthony McColgan – Anthony McColgan Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’15.703 (102.016 mph) 24- Dan Kruger – Penz13.com BMW Racing – BMW S1000RR – + 2’16.017 (101.996 mph) 25- Adrian Clark – BHR Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’29.572 (101.127 mph) 26- David Madsen Mygdal – Mygdal Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’42.268 (100.327 mph) 27- Donald MacFadyen – Capital Fire & Security Alarms – BMW S1000RR – + 2’55.545 (99.503 mph) SuperTwins Gara 2: bis di Lee Johnston Lee Johnston, su Kawasaki 650 del team East Coast Construction/Pirtek, vince la seconda gara delle Supertwins di questa edizione della North West 200. Prevista sulla distanza dei 4 giri, la seconda gara delle bicilindriche 650cc 4 tempi si disputa con un tracciato che si va via via asciugando viste le condizioni meteo migliorate: non piove più, anche se il cielo resta coperto. Le condizioni del Triangle rendono la scelta delle gomme difficile e si vedono varie soluzioni fra intermedie e gomme da asciutto in griglia. Allo start Ryan Farquhar, su Kawasaki ER6 del proprio team KMR, precede Lee Johnston, Michael Dunlop, Jeremy McWilliams e Ivan Lintin. Lee Johnston passa “Flying Ryan” nel rettilineo poco prima di “Station Corner” mentre quattro moto si presentano quasi sulla stessa linea alla staccata di “University Corner” e Connor Behan, alla chicane di “Mather’s Cross”, finisce a terra senza conseguenze. Al termine del primo giro la classifica è pertanto la seguente: Johnston, Farquhar e Michael Dunlop. Il “General Lee” allunga mentre la lotta fra Dunlop e Farquhar favorisce il riavvicinarsi dei loro inseguitori, ossia James Cowton e McWilliams. Cowton nel corso del terzo passaggio tenta un attacco a Farquhar, manovra che gli riesce, ma il leggendario pilota irlanese risponde e della lotta fra i due ne approfitta McWilliams che sorpassa i due contendenti portandosi in terza posizione. Nel frattempo il tracciato si asciuga sempre più, con il risultato di registrare l’uscita di scena di Jeremy McWilliams, autore di un errore a Mather’s Cross in piena bagarre Cowton e Dunlop. Proprio quest’ultimo nelle fasi conclusivi della contesa riesce a sopravanzare Cowton alla “Juniper Chicane”, il tutto mentre Lee Johnston conquista la vittoria bissando il trionfo di giovedì. Vauxhall International North West 200 2014 Classifica Anchor Complex Supertwin Race (SuperTwins Gara 2) 01- Lee Johnston – ECC/Pirtek – Kawasaki 650 – 4 giri in 21’04.845 (101.723 mph) 02- Michael Dunlop – McAdoo Racing – Kawasaki 650 – + 2.064 (101.557 mph) 03- James Cowton – Kendo Racing – Kawasaki 650 – + 3.162 (101.469 mph) 04- Jeremy McWilliams – KMR/SGS International – Kawasaki 650 – + 6.867 (101.174 mph) 05- Ryan Farquhar – KMR/SGS International – Kawasaki 650 – + 16.045 (100.449 mph) 06- Ivan Lintin – McKinstry Racing – Kawasaki 650 – + 42.652 (98.405 mph) 07- Martin Jessopp – VRS Performance – Kawasaki 650 – + 51.562 (97.739 mph) 08- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki 650 – + 56.316 (97.387 mph) 09- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – Kawasaki 650 – + 57.123 (97.328 mph) 10- Gareth Keys – DNI 3 Racing – Kawasaki 650 – + 59.862 (97.126 mph) 11- James Hillier – Quattro Plant/Muc-Off Kawasaki – Kawasaki 650 – + 1’11.524 (96.279 mph) 12- Bruce Birnie – Carnegie Fuels – Suzuki 650 – + 1’15.346 (96.004 mph) 13- Ian Morrell – Morrell Motorcycle Repairs – Suzuki 650 – + 1’16.373 (95.931 mph) 14- Adrian Clark – BHR Racing – Kawasaki 650 – + 1’16.866 (95.895 mph) 15- Timothee Monot – Timothee Monot Racing – Kawasaki 650 – + 1’40.241 (94.253 mph) 16- Gary Miller – Gary Miller Racing – Suzuki 650 – + 2’35.438 (90.590 mph) 17- Sandy Berwick – Berm Shotblasting – Suzuki 650 – + 3’12.753 (88.271 mph) Superstock Gara 2: Michael Dunlop vince una corsa interrotta al 3° giro Michael Dunlop vince la gara delle Superstock caratterizzata dalla bandiera rossa esposta al terzo giro a causa dell’incidente di Simon Andrews avvenuto alla curva “Metropole” con la sua BMW S1000RR andata a fuoco nell’impatto Come le altre classi, anche la Superstock ha avuto a disposizione due giri di allineamento, nonostante le condizioni meteo restassero stabili con il tracciato in progressivo migloriamento. Per questa ragione qualche pilota tenta la carta delle gomme da asciutto, mentre altri concorrenti propendono per scelte più conservative montando gomme intermedie. Il via vede la BMW di Michael Rutter in testa seguita dalla moto gemella di Michael Dunlop, mentre a “York Corner” Guy Martin, ben presto costretto al ritiro, con la propria Suzuki tocca il marciapiede interno causando qualche problema ai piloti che lo seguono. Rutter e Dunlop si avvantaggiano sul gruppo composto da Alastair Seeley, William Dunlop e Martin Jessopp. Nel corso del secondo giro Dunlop tenta un attacco a Rutter, ma il veterano Michael resiste al giovane MD. Il figlio e nipote d’arte abbozzerà un primo tentativo d’attacco a “Metropole Corner”, ma con il risultato di arrivar lungo e cedere nuovamente Rutter la posizione di leader. Nel gruppo dietro Horst Saiger viene sorpassato da Jessopp il quale lo aveva superato in precedenza. Il secondo giro vede questa classifica: Rutter, Dunlop, Jessopp e Saiger mentre Seeley perde terreno. Mentre Dunlop prova a passare nuovamente Rutter per la testa della corsa, Jessopp e Saiger si toccano nel dosso che precede “York Corner”: per l’inglese e per l’austriaco fortunatamente nessun danno, il tutto mentre Anstey è costretto al ritiro. Nel corso del terzo giro alla chicane di Magherabuoy Rutter stringe troppo sul cordolo interno e ne approfitta proprio Michael Dunlop che passa al comando e, simultaneamente, Gary Johnson si porta davanti a Horst Saiger. Proprio in questo momento Simon Andrews esce di strada a “Metropole Corner”, la sua BMW S1000RR prende fuoco e viene data immediatamente bandiera rossa sospendendo la gara. Il pilota viene immediatamente trasportato in elicottero all’ospedale. Stefano Bonetti, l’unico italiano in gara, al momento dell’interruzione era in 17° posizione. Vauxhall International North West 200 2014 Classifica CP Hire Superstock Race (Superstock Gara 2) 01- Michael Dunlop – MD Racing – BMW S1000RR – 3 giri in 14’01.973 (114.460 mph) 02- Michael Rutter – Bathams prize winning ales – BMW S1000RR – + 0.904 (114.337 mph) 03- Gary Johnson – Lincs Lifting Ltd – Kawasaki ZX-10R – + 9.643 (113.164 mph) 04- Horst Saiger – saiger-racing.com – Kawasaki ZX-10R – + 10.372 (113.067 mph) 05- Alastair Seeley – Mar-Train Racing – Kawasaki ZX-10R – + 10.940 (112.992 mph) 06- Lee Johnson – ECC/Pirtek – Honda CBR 1000RR – + 11.366 (112.935 mph) 07- Dean Harrison – RC Express Racing – Kawasaki ZX-10R – + 13.986 (112.590 mph) 08- James Hillier – Quattro Plant/Muc-Off Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 18.603 (111.985 mph) 09- Stephen Thompson – Bathams prize winning ales – BMW S1000RR – + 21.064 (111.666 mph) 10- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 21.469 (111.614 mph) 11- Ivan Lintin – Taylor Lindsey Racing – Honda CBR 1000RR – + 21.850 (111.565 mph) 12- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – + 23.410 (111.363 mph) 13- Russ Mountford – Silicone Engineering Racing – Kawasaki ZX-10R – + 24.013 (111.286 mph) 14- Didier Grams – Team WuG Heidger Motorsport – BMW S1000RR – + 27.938 (110.784 mph) 15- Stefano Bonetti – Speed Motor – Kawasaki ZX-10R – + 33.525 (110.077 mph) 16- Peter Hickman – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 34.458 (109.960 mph) 17- Laurent Hoffmann – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 41.103 (109.132 mph) 18- Phillip Crowe – Handtrans Objektum Fleetwood – BMW S1000RR – + 45.655 (108.573 mph) 19- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 46.868 (108.424 mph) 20- Denver Robb – DR Racing – Kawasaki ZX-10R – + 55.734 (107.354 mph) 21- Marc Fissette – Heidger-Motorsport.de – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’00.256 (106.815 mph) 22- Dan Kruger – Penz13.com BMW Racing – BMW S1000RR – + 1’01.738 (106.640 mph) 23- Joe Faragher – Joe Faragher Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’02.650 (106.533 mph) 24- Jamie Hamilton – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’04.073 (106.365 mph) 25- Paul Owen – Team #98 – Honda CBR 1000RR – + 1’13.696 (105.248 mph) 26- Bruce Birnie – Carnegie Fuels – BMW S1000RR – + 1’21.295 (104.381 mph) 27- Anthony McColgan – Anthony McColgan Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’31.853 (103.201 mph) 28- David Madsen Mygdal – Mygdal Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’32.324 (103.149 mph) 29- Simon O’Donnell – Simon O’Donnell Racing – BMW S1000RR – + 2’30.580 (97.095 mph) NW200 Superbike: trionfo di Michael Dunlop, giro record di Joshua Brookes (2°) Dopo la vittoria tra le Superstock, Michael Dunlop si assicura anche l’ultima gara in programma riservata alla classe Superbike in sella alla S1000RR ufficialmente schierata da BMW Motorrad in partnership con Hawk Racing. Anche questa contesa si svolge sulla distanza dei 5 giri del Triangle Circuit con condizioni del manto stradale quasi perfette, piccole chiazze di bagnato solo nella parte finale del tracciato. Il via vede partire bene Alastair Seeley e la sua Kawasaki ZX-10R, ma la BMW di Michael Rutter passa in testa a York Corner. I due sono seguiti da Josh Brookes su Yamaha R1 e da Guy Martin su Suzuki GSXR 1000. Brookes passa sia Rutter che Seeley portandosi al comando, Rutter e Seeley lo seguono. Seeley a Magherabuoy Chicane sferra un arttacco a Rutter e lo passa mentre Rutter viene passato anche da Martin. Il primo giro si conclude così con un determinatissimo Joshua Brookes in testa seguito da Seeley, Martin, Michael Dunlop e Rutter. Dalle retrovie Conor Cummins si avvicina a Rutter anche se la distanza dal pilota BMW non gli permette un attacco. Seeley prova un attacco a Juniper Chicane a Brookes, ma l’australiano resiste mentre Guy Martin cede la sua posizione a Michael Dunlop: queste sono le posizioni alla fine del secondo giro, mentre è costretto alla resa Ian Hutchinson. Ben altra vita per il suo compagno di squadra in Milwaukee Yamaha Brookes, leader davanti a Seeley, Michael Dunlop seguiti a breve distanza da Guy Martin. Nei rettilinei MD fa velere le doti velocistiche della propria BMW S1000RR, ma al giro di boa della corsa è Seeley a passare in testa alla “Juniper Hill Chicane” su Brookes proprio quando Michael Dunlop fa registrare il nuovo primato del “Triangle” per le Superbike alla media di 121 mph. Nel corso del quarto giro a “Station Corner” Brookes passa Seeley presto imitato dallo stesso Dunlop. Si mettono bene le cose per il protagonista del British Superbike, ma alla chicane sbaglia clamorosamente il punto di staccata, arriva troppo veloce e esce dalla variante: ne approfitta così Dunlop che passa in testa con 3″2 su Seeley e ritocca il primato sul giro a 122.01 mph. L’ultima tornata della NW200 Superbike vede Brookes passare Seeley mentre la vittoria va a Michael Dunlop che coglie il secondo successo di giornata. Joshua Brookes strappa il record sul giro a Dunlop stabilendo il nuovo giro più veloce a 122,9 mph. Michael Dunlop ottiene poi il trofeo quale miglior pilota dell’edizione (“Man of the Meeting”), trofeo che porta il nome di suo padre Robert, tragicamente scomparso proprio sul tracciato della NW200 in un incidente durante le prove della classe 250 il 15 maggio 2008, tuttora recordman di successi con ben 15 affermazioni all’attivo. Vauxhall International North West 200 2014 Classifica Vauxhall Superbike Race (Superbike Gara 2) 01- Michael Dunlop – BMW Motorrad – BMW S1000RR – 5 giri in 22’06.288 (121.358 mph) 02- Joshua Brookes – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 3.037 (121.081 mph) 03- Alastair Seeley – Mar-Train Racing – Kawasaki ZX-10R – + 4.695 (120.930 mph) 04- Michael Rutter – Bathams prize winning ales – BMW S1000RR – + 12.309 (120.242 mph) 05- Guy Martin – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.176 (120.075 mph) 06- Conor Cummins – Honda Racing – Honda CBR 1000RR – + 14.317 (120.062 mph) 07- Martin Jessopp – Riders Motorcycles – BMW S1000RR – + 29.573 (118.711 mph) 08- Dean Harrison – RC Express Racing – Kawasaki ZX-10R – + 31.950 (118.504 mph) 09- James Hillier – Quattro Plant/Muc-Off Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 33.054 (118.407 mph) 10- Gary Johnson – Lincs Lifting Ltd – Honda CBR 1000RR – + 37.262 (118.042 mph) 11- William Dunlop – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 41.147 (117.707 mph) 12- Jamie Hamilton – Wilson Craig Racing – Honda CBR 1000RR – + 54.350 (116.581 mph) 13- Peter Hickman – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 57.653 (116.303 mph) 14- Derek Sheils – CD Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’04.487 (115.731 mph) 15- Denver Robb – DR Racing – Kawasaki ZX-10R – + 1’05.195 (115.672 mph) 16- Ivan Lintin – Taylor Lindsey Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’05.380 (115.657 mph) 17- Laurent Hoffmann – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’21.015 (114.372 mph) 18- Didier Grams – Team WuG Heidger Motorsport – BMW S1000RR – + 1’21.536 (114.330 mph) 19- Phillip Crowe – Handtrans Objektum Fleetwood – BMW S1000RR – + 1’24.060 (114.125 mph) 20- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’33.268 (113.385 mph) 21- Ben Wylie – Ice Valley by Motorsave – BMW S1000RR – + 1’36.268 (113.146 mph) 22- Joe Faragher – Joe Faragher Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’38.850 (112.941 mph) 23- Tom McHale – Tom McHale Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’40.140 (112.839 mph) 24- Dan Kruger – Penz13.com BMW Racing – BMW S1000RR – + 1’44.061 (112.529 mph) 25- Marc Fissette – Heidger-Motorsport.de – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’46.581 (112.331 mph) 26- Bruce Birnie – Carnegie Fuels – BMW S1000RR – + 1’47.851 (112.232 mph) 27- Graham English – Tiva Engineering – BMW S1000RR – + 1’51.843 (111.920 mph) 28- Adrian Clark – BHR Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’06.063 (110.824 mph) 29- Bruce Anstey – Valvoline Racing by Padgett’s – Honda CBR 1000RR – + 2’19.055 (109.842 mph) 30- Daley Mathison – Hol-Taj/Team Classic Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 2’34.884 (108.668 mph) 31- David Madsen Mygdal – Mygdal Racing – Honda CBR 1000RR – + 2’46.581 (107.817 mph) Giuseppe Corona

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy