Macau Grand Prix: Ian Hutchinson in pole al rientro per 0″057 su Rutter!

Macau Grand Prix: Ian Hutchinson in pole al rientro per 0″057 su Rutter!

Qualifiche avvincenti a Macau

Commenta per primo!

Doveva esser una qualifica dal copione già scritto: Michael Rutter, con otto vittorie all’attivo effettivo “Re” di Macau, grazie alla pole position provvisoria in 2’25″975 siglata ieri (e con vantaggio!) predestinato a scattare per l’ennesima volta davanti a tutti in carriera al Circuito da Guia. Nessuno, sulla carta, sembrava poter impensierire il leggendario “The Blade”, ancor più dopo una prima mezz’ora del secondo e decisivo turno di prove cronometrate dove ha viaggiato senza troppi problemi sul 2’26″… di passo! Tutto sembrava già scritto, tutto fino ad un’impresa di un uomo che identifica al meglio il significato di essere un “road racer”, capace di vincere 5 gare su 5 in una settimana al Tourist Trophy, di superare un calvario lungo un triennio con un doppio (prolungato) stop per infortunio e non meno di 20 interventi chirurgici alla gamba sinistra infortunata (o meglio: martoriata) nel settembre 2010 a Silverstone con un ulteriore KO a seguito uno sfortunatissimo incidente nel febbraio 2012. Quest’uomo risponde al nome di Ian Hutchinson, come nel 2011 (3° dopo aver condotto per qualche giro la contesa) al rientro nelle competizioni proprio in occasione del Macau Motorcycle Grand Prix, questa volta in grado di aggiudicarsi una superlativa pole position regolando di soli 57 millesimi Michael Rutter, seppur soltanto al venerdì spodestato dal trono dell’ex colonia portoghese. Tutto si è deciso nei 5 conclusivi minuti di attività del secondo turno di prove ufficiali, come da tradizione andate in scena sul tracciato cittadino di Macau nella primissima mattinata di venerdì 15 novembre. Saldamente al comando grazie al 2’25″975 siglato ieri, Rutter si apprestava (con gomma nuova) a ritoccare questo riferimento cronometrico in sella alla Honda CBR 1000RR Fireblade #1 preparata dal SMT Racing: un primo tentativo di “time attack” abortito per il traffico dell’ora di punta (nello specifico dovuto alla Yamaha R1 #19 del belga Marc Fissette) in piena sequenza delle “Solitude Esses”, un secondo che si prospettava come quello giusto grazie al “traino” davanti a sé proprio di Hutchinson. Lasciata la corsia box, “Hutchy” con la R1 di Milwaukee Yamaha insieme a “The Blade” ha regalato un finale che resterà nella storia di Macau. Insieme sul tracciato, al primo passaggio sul traguardo il mattatore del TT 2010 aveva fermato i cronometri sul 2’28″404 con la Fireblade #1 di Rutter in scia. Al secondo è già assalto alla pole con una serie di batti-e-ribatti nella schermata dei tempi e, visivamente, sul tracciato: al T1 Rutter sotto al suo stesso best time di 4 millesimi con Hutchinson attardato di 354 millesimi; al T2, spaventosamente, entrambi sotto di 1″7, viatico per presentarsi sul traguardo dopo la “R Bend” con Hutchinson autore del crono di 2’25″568, esattamente 0″414 meglio del rivale in 2’25″982. Sfuma la pole per Michael Rutter Il portacolori Milwaukee Yamaha balza così in pole provvisoria, ma c’è ancora il tempo per un ultimo assalto alla pole: al T1 Rutter è sotto di 448 millesimi, al secondo settore lo svantaggio scende di 0″240 e, mentre Hutchinson transitava sotto la bandiera a scacchi in 2’26″197 ,il pluri-vincitore della North West 200 fermava i cronometri sul 2’25″625 mancando l’ennesima pole per l’inezia di 57 millesimi. Legittima, comprensibile, meritatissima impennata “liberatoria” di Ian Hutchinson nei pressi dell’Hotel Mandarin Oriental, al rientro dopo 18 mesi di inattività in pole position per la prima volta in carriera a Macau distanziando (si fa per dire…) di 5 centesimi Michael Rutter, nonostante tutto candidato #1 alla vittoria per la gara in programma domani alle 15:30 locali. Se il duello Hutchinson vs Rutter è stato il leit-motive della giornata, si è qualificato in terza posizione ufficialmente schierato dal team Honda TT Legends il vincitore dell’edizione 2001 John McGuinness, in grado di ritoccare il 2’27″503 siglato ieri con il crono di 2’27″447, proposito sfumato per Martin Jessopp, 4° in griglia a completare la prima fila con la propria BMW S1000RR iscritta sotto le insegne Riders Motorcycle viaggiando in 2’27″800 contro il 2’27″567 conseguito nelle Qualifiche 2. I due scontano poco meno di 2″ dalla coppia di testa, meglio rispetto all’austriaco ex-vice-Campione del Mondo Endurance ed al sesto gettone di presenza a Macau Horst Saiger, quinto con la Kawasaki Ninja ZX-10R #3 del proprio Saiger Racing, bravo a precedere nell’ordine Gary Johnson (6° con la Honda Quattro Plant Motorsports dopo i problemi tecnici vissuti ieri nelle prove libere), lo scozzese James Storrar (7° con la BMW DMR Racing) e l’americano Jeremy Toye, ottavo accusando un gap di 3″2 con la BMW HP4 del Penz13 Racing Team di Rico Penzkofer, tra le Superbike più veloci in rettilineo sfiorando i 270 orari (muro infranto dal solo Rutter in 273.1 km/h). John McGuinness terzo con Honda TT Legends Tra gli attesi protagonisti Didier Grams è nono al secondo Macau GP in sella ad una BMW S1000RR seguito da Dan Kneen (10° con la Suzuki Marks Bloom Racing) e Lee Johnston (deciso a riprovarci dopo il sfortunato esordio del 2012), mentre il “Top Rookie” delle qualifiche non poteva che esser Dean Harrison, rivelazione del Road Racing 2013, 15esimo in graduatoria con la Kawasaki Ninja ZX-10R del sodalizio RC Express Racing/MSS Performance, in vantaggio di pochi decimi rispetto ad altri due “deb” d’eccezione come Dan Cooper (BMW DMR Racing) più gli elvetici Hervé Gantner (BMW HP4 del Penz13 Racing Team) e Roman Stamm (Kawasaki Bolliger). Scatterà dalla 25esima casella in quella che sarà l’ultima gara della propria, leggendaria carriera Ian Lougher, qualche imprevisto per le EBR 1190RS schierate da Splitlath Redmond: Mark Miller è 20°, fermo per un problema tecnico (con vistosa fumata al seguito) il connazionale Brandon Cretu tanto da completare soltanto 6 giri. Fuori gioco per la caduta di ieri Ben Wylie, in Ospedale a Macau ma, a giudicare dai messaggi pubblicati dal diretto interessato, di buon umore per riprovarci l’anno prossimo. Star River Windsor Arch Macau Motorcycle Grand Prix 2013 Classifica Combinata Qualifiche 01- Ian Hutchinson – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – 2’25.568 02- Michael Rutter – SMT Racing – Honda CBR 1000RR – + 0.057 03- John McGuinness – Honda TT Legends – Honda CBR 1000RR – + 1.879 04- Martin Jessopp – Riders Motorcycles BMW – BMW S1000RR – + 1.999 05- Horst Saiger – Saiger-Racing.com – Kawasaki ZX-10R – + 2.033 06- Gary Johnson – Quattro Plant Motorsports – Honda CBR 1000RR – + 2.574 07- James Storrar – DMR Racing – BMW S1000RR – + 2.725 08- Jeremy Toye – Penz13.Com BMW Racing Team – BMW HP4 – + 3.207 09- Didier Grams – Heidger-Motorsport.de – BMW S1000RR – + 3.230 10- Dan Kneen – Marks Bloom Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 3.801 11- Lee Johnston – East Coast Racing – Honda CBR 1000RR – + 4.589 12- Stephen Thompson – T&R Motorsport – Suzuki GSX-R 1000 – + 4.592 13- David Johnson – Lloyd & Jones PR Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 5.084 14- Marc Fissette – Heidger-Motorsport.de – Yamaha YZF R1 – + 5.406 15- Dean Harrison – RC Express by MSS Performance – Kawasaki ZX-10R – + 5.512 16- Dan Cooper – DMR Racing – BMW S1000RR – + 5.702 17- Hervé Gantner – Penz13.com BMW Racing Team – BMW HP4 – + 6.729 18- Roman Stamm – Team Bolliger Switzerland – Kawasaki ZX-10R – + 7.707 19- Jamie Hamilton – VRS Racing Team – Honda CBR 1000RR – + 7.806 20- Mark Miller – Splitlath Redmond Racing – EBR 1190RS – + 8.561 21- Davy Morgan – CSC Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.571 22- Steve Heneghan – Quattro Plant Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 8.571 23- Andre Pires – SBK/Incortcar – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.851 24- Paul Shoesmith – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – + 10.436 25- Ian Lougher – ILR/Barnes Racing – Honda CBR 1000RR – + 11.047 26- Graham English – TIVA Engineering Ltd – BMW S1000RR – + 11.512 27- Sandor Bitter – Quattro Plant Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 11.524 28- Allann Jon Venter – Quattro Plant Motorsports – Kawasaki ZX-10R – + 11.753 29- Brian McCormack – TAG Racing – Honda CBR 1000RR – + 13.391 30- Ben Wylie – Ice Valley by Motorsave Trade – BMW S1000RR – + 13.468 31- Nuno Caetano – KD Team of Portugal – Kawasaki ZX-10R – + 13.673 32- Brandon Cretu – Splitlath Redmond Racing – EBR 1190RS – + 13.764 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy