Northwest 200 Le BMW volano tra villaggi, rotonde e marciapiedi

Northwest 200 Le BMW volano tra villaggi, rotonde e marciapiedi

Giovedi 12 maggio prime sfide alla Northwest 200 folle gara stradale antipasto del TT. Nella Superbike è dominio BMW con Michael Dunlop, nipote del mitico Joey

Commenta per primo!

E’ la settimana della Northwest 200, mitica gara stradale dell’Irlanda del Nord e antipasto del Tourist Trophy in programma ad inizio giugno all’Isola di Man. Si corre sul tracciato  Triangle di 14,4 km che collega le cittadine di Portrush, Portstewart e Coleraine. A differenza del TT, la partenza è in griglia e quindi il pubblico (attesi 100 mila spettatori) assiste a numerosi corpo a corpo.

DOMINIO TEDESCO – La Bmw ha realizzato una tripletta nelle prime qualifiche della Superbike, con primo posto parziale di Michael Dunlop, all’esordio stagionale nelle gare stradali perché ha preferito dedicarsi alla Superstock Britannica. Dunlop ha dato 581 millesimi ad Alastair Seeley, il grande atteso della vigilia. Attualmente Seeley condivide con Robert Dunlop, padre di Michael e William, il primato di successi alla Nw200: 15 a testa, due in più di Joey Dunlop e Michael Rutter. Robert Dunlop ha trovato la morte nelle qualifiche della Nw200 del 2008, edizione in cui Michael ha ottenuto la sua prima di 4 vittorie.

APRILIA FUORI  – Seeley è finito lungo alla chicane di Juniper, facendo come lui stesso ha dichiarato “un po’ di motocross”. La sua moto non sembra avere la stessa velocità di quella di Dunlop che allo speed trap ha fatto segnare 327,3 km/h eguagliato da Ian Hutchinson, autore del 3° tempo a 1’’664 mentre Seeley si è fermato a 322,5 km/h. Quarto John McGuinness (Honda) con un ritardo di 3’’136. Da segnalare la caduta nella prima sessione di Ben Wilson (Aprilia) alla rotonda Mill Road che gli è costata una gamba rotta.

SUPERSPORT – Seeley (Kawasaki) ha invece fatto valere la sua legge nella Supersport, categoria in cui non soffre la piccola stazza che lo contraddistingue: addirittura 3’’880 il distacco rifilato ad Hutchinson (Yamaha) con Martin Jessopp sorprendentemente 3° con la Triumph ma a 4’’847. Wee Wizard è fenomenale nel secondo settore in cui guadagna un secondo e mezzo agli avversari. Nella lotta per il podio cercherà di inserirsi Lee Johnston (Triumph), sofferente per l’infortunio patito un mese fa alla Gold Cup in Inghilterra.

LE ALTRE SFIDE – Sono invece 7 le Bmw ai primi 7 posti nella Superstock con Rutter davanti a tutti con 970 millesimi su Seeley e 2’’291 su Hutchinson. Nulla in confronto alle 19 Kawasaki nelle prime 19 posizioni delle Supertwins: Jessopp precede di 46 millesimi Ivan Lintin e di 1’’597 Ryan Farquhar. Ottimo 6° posto del 51enne Jeremy McWilliams, vincitore 15 anni fa del GP Olanda 250 su Aprilia. McWilliams ha esordito alla Nw200 nel 2012 in Supertwins e in questa classe ha raccolto 2 vittorie nelle ultime 3 edizioni.

IL PROGRAMMA – Le prime 3 gare sono in programma questa sera a partire dalle 18.15 ora italiana: Supersport (6 giri), Supertwin (4 giri) e Superstock (6 giri). Sabato dalle 10.30 le restanti 5 gare: Supersport (6 giri), Superbike (7 giri), Supertwin (4 giri), Superstock (6 giri) e il gran finale con una seconda gara Superbike (7 giri). Tempo ed incidenti permettendo perché un anno sì ed uno no c’è un inconveniente che costringe gli organizzatori a mutilare il programma.

In questo video gli epici duelli delle passate edizioni della Northwest 200

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy