North West 200: Glenn Irwin “Re” del Triangle tra le Superbike

North West 200: Glenn Irwin “Re” del Triangle tra le Superbike

Glenn Irwin monopolizza la scena con Be Wiser PBM Ducati tra le Superbike, ad Alastair Seeley Supersport e Superstock, show tra le Supertwin.

di Redazione Corsedimoto
Glenn Irwin in trionfo alla North West 200

Una magica vittoria lo scorso anno, il bis dodici mesi più tardi con talento, intelligenza e tanta, tanta manetta. Glenn Irwin è il grande (ma non l’indiscusso…) protagonista dell’edizione 2018 della North West 200, grande classica delle corse su strada al Triangle tra Portrush, Portstewart e Coleraine conquistando, in sella alla Panigale R ottimamente preparata dal team Be Wiser PBM Ducati, la vittoria nelle due gare della classe Superbike regolando Alastair Seeley, con le odierne due affermazioni tra Supersport e Superstock giunto a 24 (!) successi alla NW200. Impegnato da un triennio a questa parte a tempo pieno nel BSB con la medesima compagine di Paul Bird, il ventottenne originario di Carrickfergus ha gestito al meglio la Ducati Panigale per tutto l’arco del meeting: da una superlativa pole position giovedì ad un trionfale Race Day, proseguendo la striscia di affermazioni consecutive nelle corse su strada dopo la vittoria al Macau Grand Prix dello scorso mese di novembre.

Nella prima corsa della giornata riservata alla Superbike Irwin è scappato via nelle battute iniziali della contesa, subendo tuttavia la rimonta di Seeley. Quando sembrava ormai compiuto il riaggancio, il buon Glenn ha ripreso la sua consueta andatura centrando una vittoria replicata poche ore più tardi nella Feature Race, l’effettivo main event della North West 200. Per Glenn Irwin e per il team Be Wiser PBM Ducati di Paul Bird una giornata da ricordare, suggellata dai complimenti di Jonathan Rea, presente per un giro dimostrativo con una Kawasaki Ninja H2R viaggiando con una velocità massima, dichiarata dal diretto interessato, di 305 (!) km/h. Il tri-Campione del Mondo Superbike si è congratulato con Irwin per la splendida “doppietta”, con lo stesso ex-contendente al titolo del British Supersport che ha voluto dedicare queste vittorie al suo compagno di squadra nel BSB Shane Byrne, sfortunato protagonista giovedì di un pauroso incidente nei Test a Snetterton e tuttora in osservazione all’Ospedale di Norwich.

Con Irwin mattatore tra le Superbike, Alastair Seeley si è rifatto con gli interessi nelle altre classi a cui ha preso parte: nella Supersport doppietta con la Yamaha R6 dell’EHA Racing, nella Superstock trionfo con i colori Tyco BMW by TAS beffando Peter Hickman, spettacolare vincitore giovedì con un sorpasso da antologia alla Juniper Chicane. ‘Hicky’ in questa seconda gara della Stock ha preceduto Dean Harrison e Michael Dunlop, quest’ultimo sul podio tra le Superbike e con il pensiero già rivolto al TT in programma tra pochi giorni così come il nostro Stefano Bonetti, classificatosi diciannovesimo.

In termini di spettacolarità la Supertwin (bicilindriche 4 tempi 650cc) ha riservato la “gara del giorno” grazie ad uno strepitoso James Cowton, autore di un sorpasso emozionante nel finale a scapito di Joey Thompson, scivolato al terzo posto con la Paton e preceduto anche dal sempreverde (53 anni…) Jeremy McWilliams. Una categoria che si conferma sempre più avvincente, in barba a malumori e perplessità espresse all’istituzione di questa classe nel recente passato…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy