MSV rileva la gestione di Donington Park per i prossimi 21 anni

MSV rileva la gestione di Donington Park per i prossimi 21 anni

MotorSport Vision, promoter (MSVR) del BSB, rileva il leasing del circuito di Donington Park per i prossimi 21 anni, sempre più monopolista in UK.

Promoter del British Superbike sotto le insegne di MSVR (acronimo di MotorSport Vision Racing), da oggi titolare anche del circuito di Donington Park. La MotorSport Vision (MSV) dell’ex pilota di Formula 1 Jonathan Palmer ha infatti rilevato da Kevin Wheatcroft, titolare dell’impianto, il “leasing” dell’impianto per i prossimi 21 anni.

MSV si occuperà del rilancio e dell’organizzazione di tutti gli eventi in programma sul tracciato britannico, diventando sempre più “monopolista” d’Oltremanica. Oltre a Donington Park, MSV già è proprietaria di Brands Hatch, Oulton Park, Snetterton e Cadwell Park, oltre che dell’Autodromo di Bedford e di una ex-base militare nel Nord-Est della Francia dove sarà realizzato prossimamente un vero e proprio quartier generale dei motori (Laon Autodrome).

Per Donington Park la garanzia di un futuro a lungo-termine grazie proprio a MSV, società in salute che, a quanto pare, a breve si assicurerà il medesimo accordo anche con Silverstone (contratto F1 incluso).

Sono entusiasta che MSV ha acquisito il business del circuito di Donington“, afferma Jonathan Palmer. “Si tratta di un tracciato dalla storia incredibile, il primo permanente del Regno Unito dove si è corso fino agli anni ’30 e, a titolo personale, conservo fantastici ricordi. Come molti impianti del Regno Unito, negli ultimi 10 anni Donington ha vissuto dei momenti difficili. Fortunatamente grazie a Kevin Wheatcroft ed alla sua squadra sono riusciti a rimediare ai danni compiuti dal precedente gestore. Con nuovi investimenti e la nostra competenza siamo convinti di poter rendere Donington Park un impianto d’eccellenza: inizia una nuova era per questo impianto“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy