Valentino Rossi scalda il Mugello: “Qui il podio è sempre speciale”

Valentino Rossi scalda il Mugello: “Qui il podio è sempre speciale”

Valentino Rossi firma pole e record del circuito nelle qualifiche del GP del Mugello. Per il popolo giallo sarà un week-end di adrenalina e fermento.

di Luigi Ciamburro
Valentino Rossi al Mugello

Valentino Rossi orgoglio italiano in questo rovente week-end del Mugello. Ancora una volta ha rispedito al mittente le voci di chi lo dava sulla via del tramonto e non solo agguanta la pole, ma sigla il nuovo record del suo amato circuito: 1’46″208. “Fare la pole qui al Mugello è sempre speciale, mi sono goduto il giro dopo le prove, sono dei bei momenti anche perchè era da tanto che non facevo la pole. Poi farla qua è super“. 55esima pole position in classe regina, un evento non troppo frequente, perchè il Dottore è sempre stato un ‘animale’ da gara, raramente un “uomo del sabato”.

‘Venghino siori venghino’, lo spettacolo del Mugello è ancora una volta assicurato. Sarà un sabato notte di fermento per il popolo giallo, comunque vada la gara di domani. Certe scene vergognose anti-Marquez non fanno parte della vera festa, il vero show è ben altro ed è parte del puro Dna motociclistico lontano dalle logiche del calcio. Il re del Mugello è tornato con tutto il suo carisma ed è la miglior risposta che si può dare ad un acerrimo avversario. I tecnici Yamaha sono riusciti a fare un passettino in avanti nel test in Catalunya per quanto concerne il bilanciamento, ma per dirla alla Silvano Galbusera “lui di passi ne ha fatti tre”. La M1 curva un po’ meglio pur restando irrisolti i problemi di elettronica: “Soffriamo ancora con le gomme, spero soffrano anche gli altri”.

La pole resta una sorpresa, neppure Vale ci avrebbe scommesso. La carena aerodinamica della M1 regge bene nelle curve e sul lungo rettilineo, ma la gara di domani sarà ben altra storia. A fare la differenza potrebbe essere la gisyua strategia delle gomme: “Sarà interessante perché diversi piloti su moto molto diverse hanno in gran parte lo stesso ritmo per la gara. Ma è diverso essere veloci su un giro rispetto alla distanza di gara di 23 giri. In gara, sette-otto piloti possono lottare per i primi 3 posti. Sì, se guardo il ritmo vedremo molti giri in 1:47. Penso che i primi sette della qualifica siano idonei per la vittoria. Sarà importante migliorare alcuni dettagli per domenica e poi fare la giusta scelta di gomme avanti e indietro. Vedremo. Dalla pole position hai sempre una posizione di partenza perfetta. Ma la gara è lunga“.

Beffati Lorenzo e Vinales per una scorpacciata di millesimi, Valentino Rossi si sente ringiovanito di dieci anni dopo la pole conquistata sul circuito di casa e vuole regalare un’altra gioia ai tanti tifosi che domani scalderanno l’arena del Mugello. Per lui e il suo staff sarà una notte di lavoro nel box fino a tardi per limare dettagli e studiare la mescola migliore: “La mia pole credo che sia una cosa positiva, perché magari quelli che erano un po’ indecisi se venire o meno domani verranno. Comunque mi aspetto una grande atmosfera… darò il massimo per cercare di arrivare sul podio, perché il podio del Mugello è sempre speciale“.

MotoGP Mugello: i biglietti e le offerte ancora disponibili

Motomondiale 2018: le quote scommesse di JohnnyBet

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy