Valentino Rossi al top della forma: “Dipende anche dalla vita privata”

Valentino Rossi al top della forma: “Dipende anche dalla vita privata”

Valentino Rossi ha dimostrato un’ottima condizione fisica dal primo all’ultimo GP. “Se sei forte in Qatar devi aspettarti di essere forte tutta la stagione”.

di Luigi Ciamburro
Valentino Rossi

Nonostante la caduta a quattro giri dal traguardo Valentino Rossi ha stupito tutti in Malesia, compresi i big Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso. A 39 anni il campione di Tavullia non molla la presa, pur dovendo fare i conti con i tanti problemi tecnici di una Yamaha M1 in cerca della retta via. Merito della sua ostinazione e di una preparazione fisica incessante, tra palestra e Ranch, oltre che di un manipolo di giovani campioni e promesse che costringono a tenere sempre alta la guardia.

23 Gran Premi nel Motomondiale (17 in classe regina) e nove titoli iridati non bastano a frenare il Dottore, autore di una buona stagione 2018 (con 5 podi e una vittoria sfiorata) se si considera il gap della casa di Iwata da Honda e Ducati. Potrà ritenersi soddisfatto se a Valencia riuscirà a preservare il terzo posto in classifica, qualora Maverick Vinales dovesse sorpassarlo sul finale resterebbe un po’ di amaro in bocca. Ma il talento del pesarese resta comunque fuori discussione. Come riesce a trovare il suo grande stato di forma? “Dipende molto dalla tua vita privata, incluso quanto tempo puoi dedicare per una buona e significativa formazione, quanto tempo hai bisogno di investire nelle pubbliche relazioni e viaggiare in tutto il mondo per questi scopi. Ma per quanto riguarda la condizione, non vedo alcuna differenza significativa tra l’inizio e la fine della stagione“, ha ammesso Valentino Rossi a Speedweek.com.

Il podio in Qatar ha rivelato quanto tempo abbia dedicato alla preparazione durante la pausa invernale, anche se gli alti e bassi sono inevitabili nel corso del campionato. Parte del merito va anche agli allenamenti con i suoi allievi della VR46 Riders Academy nelle cui fila adesso ci sono due campioni iridati: Morbidelli e Bagnaia. “Se sei forte in Qatar dovrai aspettarti di essere forte durante la stagione. Un altro metodo è quello di non arrivare in Qatar nella forma migliore al 100%, ma di aumentare la consistenza e la forma e quindi mantenerla più a lungo. Ma con i miei molti anni di esperienza posso dire: non puoi influenzare te stesso al 100%. Il tuo corpo a volte prende le sue decisioni“. E la mente può fare tutto il resto.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy