Rookies Cup: selezioni ad Adria, un italiano in più nel 2010

Rookies Cup: selezioni ad Adria, un italiano in più nel 2010

E’ Niccolò Antonelli

Commenta per primo!

Si sono tenute nella giornata di ieri ad Adria le selezioni della Red Bull Rookies Cup 2010: sette posti a disposizione per 39 piloti in rappresentanza di 25 nazioni. La buona notizia è che tra i piloti che correranno nella prossima stagione ci sarà anche un italiano, Niccolò Antonelli, ex-campione italiano Minimoto, figlio di Igor, con trascorsi vincenti specialmente in Italia (due volte campione nazionale).

Antonelli ha battuto la concorrenza di tanti talenti internazionali, e raggiungerà nella Rookies Cup 2010 gli altri italiani della categoria come Kevin Calia, Alejandro Pardo e Alessio Cappella, tutti riconfermati nel monomarca voluto da Dorna, KTM e Red Bull. Parlando più nello specifico delle selezioni i giovani centauri hanno avuto 15 minuti a disposizione per familiarizzare il tracciato per poi dare il massimo in due sessioni da 20 minuti ciascuna con in pista 7 piloti alla volta.

I responsabili e “giudici” Harald Bartol, Gustl Auinger, Raul Jara e Peter Clifford hanno poi espresso a fine giornata il proprio verdetto, decidendo i 7 centauri da ammettere nella Rookies Cup 2010 più 3 riserve. Tra i primi, oltre a Niccolò Antonelli, vi saranno Florian Alt (Germania), Antonio Chiari (Brasile), Deni Cudic (Austria), Brody Nowlan (Australia), Alan Techer (Francia) e Xavier Pinsach (Spagna).

Riserve il figlio d’arte Philipp Ottl dalla Germania (che correrà nell’IDM 125 con una KTM), James Flitcroft (Gran Bretagna) ed il pilota della Repubblica Ceca Tomas Vavrous.

Non sono stati scelti, purtroppo, l’altro italiano invitato alle selezioni, Giuliano Stirpe, e Avalon Biddle, ragazza proveniente dalla Nuova Zelanda che ha vinto il campionato nazionale 125 dopo una formazione fuoristradistica. L’obiettivo sarà esserci nella stagione 2011.

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy