Moto3: in Texas il secondo round 2013, caccia alle KTM

Moto3: in Texas il secondo round 2013, caccia alle KTM

La entry class affronta il secondo round 2013 ad Austin

Commenta per primo!

Trascorse due settimane di sosta dall’esordio stagionale del 7 aprile scorso a Losail, i giovani talenti under-28 del mondiale Moto3 sono pronti a tornare in pista questo fine settimana scoprendo le peculiarità del Circuit of the Americas (COTA) di Austin, nuova meta del Motomondiale, teatro di un secondo round per la “entry class” ricco di spunti d’interesse ancor più di quanto proposto nel primo evento del calendario iridato in Qatar. In questa (breve) sosta del mondiale le attenzioni degli addetti ai lavori, più che sulle tematiche strettamente legate ai risultati sportivi, sono state rivolte verso le competenti sedi FIM, Dorna Sports e IRTA, preannunciando con largo anticipo le novità regolamentari che cambieranno (e di molto) il volto della formula 250cc 4 tempi. Dalla prossima stagione i costruttori impegnati (ad oggi KTM, Honda e Mahindra) nella categoria dovranno fornire i propulsori (6 per ciascun pilota rispetto agli 8 attuali) all’organizzazione che provvederà, nel corso del campionato, a ridistribuirli attraverso un sorteggio, senza distinzione alcuna tra squadre “ufficiali” e non. Un primo passo verso un cambiamento ancor più significativo previsto per il 2015 con il numero massimo dei giri/motore ridotto dai 14.000 attuali ai 13.500 giri/min. La Moto3 guarda al futuro e cerca di ritrovare la sua vera essenza, ma al contempo al Circuit of the Americas di Austin affronterà un secondo appuntamento stagionale con tante incognite (circuito nuovo per tutti, nessun riferimento sui saliscendi dell’impianto texano), ma realisticamente ben poche sui valori in campo. Sin dai primi test invernali dello scorso mese di febbraio la KTM ha mostrato di avere qualcosa in più sulla concorrenza, dominando la scena a Losail con quattro RC 250 GP ai primi quattro posti e otto propulsori M33 nella top-10. Alex Rins (42) sul podio a Losail Una supremazia tecnica frutto del lavoro (e degli investimenti) della casa di Mattighofen, decisa a ripetere un trionfale 2012 vantando nel proprio organico un pilota di talento e professionalità quale Luis Salom, vincitore a Losail al culmine di una strategia perfetta valsa la terza affermazione in carriera nella “entry class”, la prima all’esordio da nuovo portacolori del Red Bull KTM Ajo Factory Team e principale artefice dello sviluppo della rinnovata KTM RC 250 GP ufficiale. Il “Mexicano” si presenterà così in Texas da capo-classifica di campionato, deciso a battere la concorrenza interna tutta-iberica e tutta-KTM: da un Maverick Vinales (schierato dal Team LaGlisse, oggi “Team Calvo”) completamente ristabilitosi dall’infortunio rimediato negli ultimi test pre-campionato andati in scena a Jerez, alla competitiva ed agguerrita coppia del Monlau Competicion di Emilio Alzamora formata dagli ultimi due campioni del CEV Alex Rins ed Alex Marquez, rispettivamente 3° e 4° sul traguardo in Qatar ed in piena corsa per la vittoria. Un poker della “Marcha Real” che a Losail ha regolato sulla distanza uno dei pretendenti al titolo del calibro di Jonas Folger, quinto sul traguardo con la KALEX-KTM del team Aspar, staccando il secondo gruppo di inseguitori formato dagli altri due alfieri KTM-Ajo Arthur Sissis e Zulfahmi Khairuddin (in difficoltà nelle prove, meglio in gara) e dal primo pilota “non-KTM”, il convincente portoghese ex-vice-campione europeo e spagnolo 125 GP Miguel Oliveira, settimo assoluto con la esordiente Mahindra MGP3O progettata, realizzata e sviluppata da Suter Racing Technology. Romano Fenati unico italiano a punti a Losail Saranno loro gli attesi protagonisti del Red Bull Grand Prix of the Americas della Moto3, con un pizzico di speranza verso la risalita dei nostri portabandiera. Mai come quest’anno il movimento motociclistico tricolore può vantare una pattuglia così talentuosa e competitiva di sei piloti dal curriculum importante (titoli, vittorie e podi a livello nazionale ed internazionale), ma per il momento è costretta a fare di necessità virtù aspettando il pronto-riscatto della Honda. In Qatar l’unico dei nostri a rientrare in zona punti è stato Romano Fenati, 15° con la FTR Honda M313 del Team Italia, deciso a rifarsi in Texas insieme agli altri nostri giovani alfieri della Moto3: da Niccolò Antonelli (a terra al primo giro per un sorpasso deciso di Niklas Ajo) ad Alessandro Tonucci (passato al Tascaracing), passando per i nostri tre “Rookie” Francesco Bagnaia (adesso al 100 % della forma fisica dopo la frattura del radio sinistro rimediata a Jerez), Matteo Ferrari e Lorenzo Baldassarri. Le KTM volano, ma per i nostri non è certo il momento di mollare… Moto3 World Championship 2013 La Classifica di Campionato dopo il 1° round di Losail 01- Luis Salom – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – 25 02- Maverick Vinales – Team Calvo – KTM RC 250 GP – 20 03- Alex Rins – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – 16 04- Alex Marquez – Team Estrella Galicia 0,0 – KTM RC 250 GP – 13 05- Jonas Folger – MAPFRE Aspar Team Moto3 – KALEX KTM – 11 06- Zulfahmi Khairuddin – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – 10 07- Miguel Oliveira – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – 9 08- Arthur Sissis – Red Bull KTM Ajo – KTM RC 250 GP – 8 09- Niklas Ajo – Avant Tecno – KTM RC 250 GP – 7 10- Efren Vazquez – Mahindra Racing – Mahindra MGP3O – 6 11- Danny Webb – Ambrogio Racing – Suter Honda MMX3 – 5 12- Brad Binder – Ambrogio Racing – Suter Honda MMX3 – 4 13- Jasper Iwema – RW Racing GP – KALEX KTM – 3 14- Alexis Masbou – Ongetta Rivacold – FTR Honda M313 – 2 15- Romano Fenati – San Carlo Team Italia – FTR Honda M313 – 1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy