Moto2 Sepang Gara: vince Rolfo, Elias Campione del Mondo

Moto2 Sepang Gara: vince Rolfo, Elias Campione del Mondo

Successo di Rolfo davanti a De Angelis, terzo Iannone

Commenta per primo!

In un podio tutto “italiano” la festa è per Toni Elias a Sepang, primo Campione del Mondo Moto2 nella storia, facendosi bastare il quarto posto complice il doppio-errore di Julian Simon, unico avversario rimasto nella corsa al titolo. Il pilota del team Gresini ex-MotoGP non ha commesso errori conquistando il titolo con tre gare, il primo nella propria carriera, il secondo per la squadra italiana che vinse proprio a Sepang nel 2001 il mondiale 250cc con Daijiro Kato.

Al di là della festa per Elias, Gresini e Moriwaki, c’è grande soddisfazione per un podio che parla italiano con Roberto Rolfo sul gradino più alto del podio, protagonista di una gara straordinaria che l’ha portato a giocarsi con Alex De Angelis la vittoria. Il torinese (nella foto Crash.net), tornato quest’anno al Motomondiale dopo quattro stagioni in Superbike, si regala la prima affermazione nella categoria, la quarta nel mondiale dove mancava al top da Jerez 2004. E’ un successo anche per il team Italtrans S.T.R. (Sprint Technology Race), compagine nata quest’anno, inspiegabilmente esclusa dall’entry list provvisoria 2011: non poteva arrivare in un momento migliore questo trionfo…

Soddisfatto Rolfo, lo è anche Alex De Angelis secondo duellando proprio con l’ex vice-campione del mondo 250cc per la vittoria, cogliendo il primo podio tra le MotoGP alla quarta gara con la MotoBI del team JiR. Buona performance anche per Andrea Iannone, terzo battendo Elias già con il pensiero-campionato, sfruttando anche il ritiro di un protagonista come Scott Redding e agli errori di Julian Simon, che per un errore ha perso l’opportunità di vincere e tenere aperti i giochi campionato.

Seguono alle spalle di Elias un ritrovato Alex Debon, Karel Abraham confermatosi ad alti livelli, Stefan Bradl, Dominique Aegerter, Jules Cluzel e Simone Corsi 10° dopo esser scattato dalla 39° posizione. Altra bella gara per Alex Baldolini, 12° con l’artigianale I.C.P. del team Caretta, con Claudio Corti in zona punti, 15°. Ritirati Raffaele De Rosa e Ferruccio Lamborghini in un weekend davvero sfortunato per entrambi.

Cronaca di Gara

Alla partenza Luthi ha il miglior spunto, prende il comando su Elias, De Angelis, Aegerter, Iannone, Redding, Rolfo e Simon addirittura in nona posizione distruggendo così la pole position conquistata nella giornata di ieri. Elias già nel corso del primo giro riesce a portarsi al comando con una coppia di Moriwaki in testa, dietro è grande bagarre con Iannone che si fa largo per la terza posizione seguito da Redding, De Angelis e Simon in recupero impensierito da un combattivo Rolfo. La gara è davvero molto combattuta, il gruppo di testa si ricompone con anche Iannone e Simon che si fanno notare, ma è Luthi che al terzo giro passa a prendere la leadership su Elias in fondo al rettilineo dei box.

Dunque Luthi in testa davanti a Elias, Iannone che passa terzo su Simon e Redding, ma ci sono anche Rolfo e De Angelis in questo plotoncino di piloti in lotta per il podio. Al quarto giro primi significativi cambiamenti lì davanti, con Iannone nuovo leader, Simon su Elias per la terza piazza tutto nel primo tornantino. Il momento decisivo della corsa arriva però alla tornata successiva: Julian Simon al tornantino “Berjaya Tioman” arriva lunghissimo, intraversa e sfiora Elias con il risultato di arrivare lunghissimo e di dover ripartire dalla settima posizione.

Elias, terzo, è virtualmente campione del mondo, lasciando così in questo momento a Iannone e Luthi il compito di fare il ritmo e di lottare per il primato. Simon le prova tutte per provare una rimonta impossibile, ma forza troppo, vola a terra alla curva 1 al sesto giro e praticamente le redidue speranze di vincere il mondiale vanno in fumo ritrovandosi 30°. La corsa perde poco dopo un altro protagonista con Thomas Luthi, in quel momento secondo, che perde l’anteriore della propria Moriwaki alla curva 6 lasciando così a Elias il ruolo di primo inseguitore di Iannone al comando.

Mentre cade Yuki Takahashi, la classifica propone Iannone in testa con breve margine su Elias e De Angelis, seguono Rolfo, Redding, Aegerter, Corsi è 15°, Baldolini 17°, Corti 18°, ultimo De Rosa per un errore nei primi giri con Lamborghini già fuori gioco. A 9 giri dalla bandiera a scacchi sono tre i piloti di madrelingua italiana nelle prime tre posizioni con Iannone, Rolfo e De Angelis seguiti da Elias, poi il nulla o quasi in questa Moto2 al Sepang International Circuit. Si ritira a sei giri dalla bandiera a scacchi Scott Redding, cade Gabor Talmacsi, si toccano Corsi ed Hernandez, prende la leadership invece Roberto Rolfo, la notizia in questo momento più importante per la Moto2. L’avversario più competitivo per il pilota torinese risulta essere Alex De Angelis, che passa Iannone in visibile difficoltà ora in bagarre con Elias.

Si arriva al penultimo giro con Rolfo e De Angelis a giocarsi la vittoria, Elias e Iannone il gradino più basso del podio: con il fiato sospeso si seguono gli ultimi kilometri con Roberto Rolfo che torna alla vittoria battendo Alex De Angelis, Andrea Iannone soffia il podio a Toni Elias primo Campione del Mondo Moto2 nella storia della categoria.

Moto2 World Championship 2010
Sepang, Classifica Gara

01- Roberto Rolfo – Italtrans S.T.R. – Suter MMX – 19 giri in 41’09.412
02- Alex De Angelis – JiR Moto2 – MotoBI – + 0.040
03- Andrea Iannone – Fimmco Speed Up – Speed Up S-10 – + 5.915
04- Toni Elias – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 6.322
05- Alex Debon – Aeroport de Castello Ajo – FTR Moto M210 – + 11.912
06- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – FTR Moto M210 – + 12.458
07- Stefan Bradl – Viessmann Kiefer Racing – Suter MMX – + 12.519
08- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMX – + 12.589
09- Jules Cluzel – Forward Racing – Suter MMX – + 15.100
10- Simone Corsi – JiR Moto2 – MotoBI – + 16.707
11- Hector Faubel – Marc VDS Racing Team – Suter MMX – + 20.179
12- Alex Baldolini – Caretta Technology Race Dept. – I.C.P. Moto2 – + 20.462
13- Yonny Hernandez – Blusens STX – BQR Moto2 – + 21.638
14- Michael Ranseder – Vector Kiefer Racing – Suter MMX – + 22.388
15- Claudio Corti – Forward Racing – Suter MMX – + 24.512
16- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Singha SAG – Bimota HB4 – + 26.366
17- Axel Pons – Tenerife 40 Pons – Pons Kalex – + 30.730
18- Kenny Noyes – Jack & Jones by Antonio Banderas – PromoHarris Moto2 – + 31.080
19- Fonsi Nieto – Holiday Gym G22 – Moriwaki MD600 – + 32.239
20- Valentin Debise – WTR San Marino Team – ADV AT02 – + 33.804
21- Julian Simon – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 39.448
22- Mohamad Zamri Baba – Petronas SIC TWMR Malaysia – Moriwaki MD600 – + 46.031
23- Joan Olive – Jack & Jones by Antonio Banderas – PromoHarris Moto2 – + 47.257
24- Anthony West – MZ Racing Team – MZ RE Honda – + 50.058
25- Kazuki Watanabe – Racing Team Germany – Suter MMX – + 50.830
26- Mike Di Meglio – Mapfre Aspar Team – Suter MMX – + 51.971
27- Robertino Pietri – Italtrans S.T.R. – Suter MMX – + 59.155
28- Hiromichi Kunikawa – Bimota M Racing – Bimota HB4 – + 1’16.759
29- Mashel Al Naimi – Blusens STX – BQR Moto2 – + 1’43.949

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy