Moto2: Scott Redding “Quest’anno punto al titolo mondiale”

Moto2: Scott Redding “Quest’anno punto al titolo mondiale”

Al quarto anno in Moto2 Redding non ha scelta

Commenta per primo!

Il più giovane vincitore di sempre di una gara nel Motomondiale (Donington Park 2008 in 125 GP a 15 anni e 169 giorni), indicato per correre in MotoGP già a partire da questa stagione tanto da provare la Ducati Desmosedici GP12 ufficiale al Mugello. Scott Redding, talentuoso pilota britannico del Marc VDS Racing Team, quest’anno affronterà la sua quarta stagione consecutiva in Moto2, la seconda in sella ad una KALEX, con un solo intanto: puntare al titolo mondiale.

L’obiettivo principale per il 2013 non può che esser lottare per il titolo mondiale“, ha ammesso Scott Redding in un’intervista autoprodotta dal Marc VDS Racing Team. “Per me si tratta del quarto anno in Moto2, sono arrivato al top della categoria anche se ho solo 20 anni. Ritengo sia il momento giusto per ambire a questo risultato, anche se ovviamente il livello della Moto2 è molto, molto alto. Penso che per tutto il 2013 lotteremo io, Pol Espargaro e Thomas Luthi per la vittoria. Ci saranno probabilmente delle sorprese, ma sono convinto che ce la giocheremo noi tre“.

A causa della sua statura nelle ultime stagioni ha sofferto un pò nel sfruttare al meglio la propria KALEX Moto2, ma con la nuova normativa in materia di peso minimo moto+pilota (215kg) si sono aperte nuove prospettiva. “Il nuovo regolamento ci aiuta sicuramente, abbiamo adesso la possibilità di arrivare al “peso” senza problemi. Stiamo anche lavorando per togliere 2 o 3 kg di peso per arrivare proprio al limite consentito dal regolamento“.

Dopo aver provato nel novembre 2012 tra Valencia ed Albacete, Scott Redding tornerà in pista il 12 febbraio prossimo proprio a Cheste dove disporrà delle ultime novità di KALEX-engineering e del Marc VDS Racing Team. “So che la nuova KALEX sarà diversa con un nuovo forcellone e forse addirittura il telaio. Lo scopriremo tuttavia soltanto ai primi test“. In conclusione il pilota britannico non poteva non parlare del test con la Ducati Desmosedici GP12 MotoGP al Mugello dell’estate scorsa. “E’ stata una bella esperienza per scoprire le caratteristiche di queste moto. I tempi sul giro non erano male, ma alla fine le nostre strade hanno preso un percorso diverso“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy