Moto2 Misano Gara: Pol Espargaro torna alla vittoria

Moto2 Misano Gara: Pol Espargaro torna alla vittoria

In rimonta batte nel finale Nakagami con Rabat sul podio

Commenta per primo!

Misano per Pol Espargaro rappresentava una sorta di “ultima chiamata” per tenere aperti i giochi-campionato. Autore della pole, il portacolori Pons Racing già con contratto (biennale) in tasca con Yamaha per la MotoGP 2014-2015 si è ripetuto in gara pur dovendo sudare le proverbiali sette camicie per battere uno scatenato Takaaki Nakagami. Il pilota giapponese, letteralmente in fuga per 2/3 della distanza di gara, si è fatto raggiungere a tre tornate dal termine da “Polyccio”, a dispetto delle ultime apparizioni stagionali in grado di gestire gli pneumatici per tutto l’arco della contesa. Ripreso l’ormai ex-fuggitivo alfiere dell’Italtrans Racing Team, Espargaro ha sferrato l’attacco decisivo al penultimo giro, viatico per spezzare una sequenza di quattro gare a digiuno di successi rilanciando le proprie aspirazioni-iridate. Alla quarta affermazione stagionale dopo Losail, Barcellona e Assen, l’ottava in carriera tra le Moto2 e tredicesima nel Motomondiale, il 22enne di Granollers in un sol colpo ha ridotto da 38 a 23 punti lo svantaggio in campionato da Scott Redding, soltanto sesto sul traguardo, battuto nella corsa al quarto posto da Thomas Luthi oltre che da Dominique Aegerter. Sul podio, a fianco del vincitore Espargaro, figurano un Takaaki Nakagami, nuovamente “beffato” senza riuscire a sfatare il tabù-vittoria, più Tito Rabat, terzo con la seconda Pons KALEX. Giornata da dimenticare invece per i nostri portacolori: Mattia Pasini non è andato oltre la dodicesima piazza, Alex De Angelis (15°) ha rimediato un punticino, fuori Simone Corsi. All’esordio in Moto2 il capoclassifica dell’Europeo Superstock 600 Franco Morbidelli, con la Suter MMX2 del team Gresini occasionalmente ereditata dall’indonesiano Doni Tata Pradita, ha invece tagliato il traguardo in 21esima posizione.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento del semaforo il poleman Espargaro conquista l’hole-shot alla staccata della “Variante del Parco” su Rabat, Nakagami, Redding, Luthi, Aegerter, alle loro spalle fortunatamente non si registrano cadute e/o contatti. La corsa prosegue senza problemi con Takaaki Nakagami che al “Carro” si trova nelle condizioni di concretizzare il sorpasso su Tito Rabat per la seconda posizione, iniziando la rincorsa ad un “Polyccio” che abbozza un primo tentativo di fuga. Un proposito utopistico per il portacolori Pons Racing, al terzo giro infatti il giapponese dell’Italtrans Racing Team è il più veloce in pista e si rifà sotto alla KALEX #40. Per il sorpasso bisognerà attendere pochi istanti: alla “Quercia” con decisione si porta davanti, fa lo stesso Aegerter per il quarto posto su Redding mentre gli iberici Alejandro Marinelarena e Alberto Moncayo sono costretti alla resa.

Definite le primissime posizione, si scatena la bagarre per l’ottava posizione con il nostro Mattia Pasini protagonista: il riminese attacca Kallio al “Carro”, ne approfitta anche Simeon, ma impatta con il pilota finlandese il quale resta in piedi per miracolo. Sul ritmo-gara dell’1’38” basso Nakagami riesce a costruire un discreto margine di 1″ su Espargaro ora pressato dal compagno di squadra Rabat, dietro a loro ci sono anche in fila indiana Redding, Aegerter, Luthi e Zarco in piena corsa per il podio. Questa bagarre premia proprio Takaaki, letteralmente in fuga ad 1/3 della distanza di gara con 2″ di margine rispetto agli inseguitori. Nakagami è oggettivamente imprendibile con il risultato di “tramortire” una contesa vivacizzata esclusivamente dal confronto che vale la quarta posizione: le Suter di Zarco e Aegerter riescono a sfilare Redding, niente da fare invece per Sandro Cortese ed il nostro Simone Corsi costretti a salutare la compagnia.

Senza ulteriori stravolgimenti di classifica si arriva al “rush finale” della contesa con Pol Espargaro che, a suon di 38″, si ripresenta a ridosso della KALEX #30 a 3 giri dal termine. Nakagami perde irrimediabilmente terreno, il sorpasso non si fa attendere: penultimo giro, staccata della prima curva, Polyccio è davanti. Così Espargaro costruisce una vittoria preziosissima ai fini-campionato, sul podio olte ad un Nakagami nuovamente beffato conclude Rabat, a seguire Luthi è quarto mentre per la quinta piazza Aegerter riesce a prevalere su Redding e Zarco con il nostro Pasini 12°, De Angelis 15°, Morbidelli 21°.

Moto2 World Championship 2013
Misano World Circuit Marco Simoncelli, Classifica Gara

01- Pol Espargaro – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – 26 giri in 42’47.098
02- Takaaki Nakagami – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 0.621
03- Tito Rabat – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 1.815
04- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 Racing – Suter MMX2 – + 12.919
05- Dominique Aegerter – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 14.925
06- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 15.123
07- Johann Zarco – CAME Iodaracing Project – Suter MMX2 – + 15.259
08- Xavier Simeon – Maptaq SAG Zelos Team – KALEX Moto2 – + 20.369
09- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 20.615
10- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 24.635
11- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – + 28.649
12- Mattia Pasini – NGM Mobile Racing – Speed Up SF13 – + 29.173
13- Julian Simon – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 29.418
14- Marcel Schrotter – Maptaq SAG Zelos Team – KALEX Moto2 – + 29.458
15- Alex De Angelis – NGM Mobile Forward Racing – Speed Up SF13 – + 37.718
16- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMX2 – + 39.314
17- Randy Krummenacher – Technomag carXpert – Suter MMX2 – + 42.796
18- Axel Pons – Tuenti HP 40 – KALEX Moto2 – + 42.938
19- Danny Kent – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 48.222
20- Louis Rossi – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 51.304
21- Franco Morbidelli – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMX2 – + 51.561
22- Gino Rea – Gino Rea Montaze Broz Racing – FTR Moto M212 – + 1’00.821
23- Steven Odendaal – Argiñano & Gines Racing – Speed Up SF13 – + 1’13.014
24- Azlan Shah Kamaruzaman – IDEMITSU Honda Team Asia – Moriwaki MD600 – + 1’13.968
25- Ezequiel Iturrioz – Blusens Avintia – KALEX Moto2 – + 1’36.626
26- Rafid Topan Sucipto – QMMF Racing Team – Speed Up SF13 – a 1 giro
27- Thitipong Warokorn – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMX2 – a 1 giro

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy