Moto2 Austin Gara: Maverick Vinales in trionfo

Moto2 Austin Gara: Maverick Vinales in trionfo

Seconda presenza in Moto2, seconda vittoria

Commenta per primo!

Qualche goccia di pioggia, partenza posticipata, una carambola al via, un talento (per molti già un “Fenomeno”) in trionfo al suo secondo gettone di presenza in assoluto nella classe Moto2. Da Campione del Mondo Moto3 in carica, Maverick Vinales conquista una sensazionale vittoria al Circuit of the Americas di Austin in sella alla KALEX #40 ereditata dall’iridato 2013 Pol Espargaro e schierata dal team di Sito Pons. Gestendo al meglio la situazione in una gara non facilissima, “Mack” domando sapientemente la propria Pons KALEX è transitato in solitaria sul traguardo con un gran vantaggio rispetto al vincitore di Losail e capoclassifica di campionato Tito Rabat, conquistando un’affermazione che resterà negli annali della “middle class”.

Vittoria da antologia per il giovanissimo Maverick Vinales a suggellare un palmares sin qui invidiabile: Campione CEV ed Europeo 125 GP nel 2010, vincitore alla quarta presenza nel Mondiale 125cc 2011 a Le Mans, in grado di anticipare i tempi in Moto2 proponendosi già tra i potenziali pretendenti al titolo iridato. Con il talentuoso pilota iberico in trionfo, sale sul podio in seconda posizione Tito Rabat (con 45 punti in testa alla classifica) a precedere Dominique Aegerter, buon terzo con la Suter MMX2 del Technomag carXpert vincendo il duello con Mika Kallio (KALEX Marc VDS) e con Xavier Simeon, con la Suter Gresini leader nelle prime fasi di gara, autoeliminatosi con una scivolata a due giri dal termine.

Per quanto concerne i nostri portabandiera, Simone Corsi porta la Forward KLX sviluppata su base KALEX 2013 dal Forward Racing in quinta posizione (e non distante dal podio) mentre il sammarinese Alex De Angelis, con la Suter del Tasca Racing, è ottavo. Coinvolto nella carambola al via con Sam Lowes, Nico Terol, Luis Salom, Josh Herrin e Axel Pons, Mattia Paini porta a termine la gara in dodicesima posizione, sfiora la zona punti Franco Morbidelli (17°), a sua volta incappato in una scivolata nelle prime fasi di gara. Amaro epilogo per Lorenzo Baldassarri, a terra con la top-15 alla portata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy