Moto2 Aragon Gara: Pol Espargaro batte Marquez

Moto2 Aragon Gara: Pol Espargaro batte Marquez

Redding è terzo, Andrea Iannone sfiora il podio

Commenta per primo!

L’ha cercata, voluta e trovata questa vittoria Pol Espargaro al MotorLand Aragon di Alcaniz. In una gara combattutissima l’ex contendente al titolo mondiale 125 GP ha individuato il momento giusto per portarsi al comando della contesa e, grazie a due conclusive tornate su ottimi tempi, costruito un vantaggio di qualche decimo sufficiente per regolare all’esposizione della bandiera a scacchi Marc Marquez, costretto a recuperare un paio di posizioni nella concitata fase finale della corsa.

Per “Polyccio”, che resterà in Moto2 anche l’anno prossimo sempre con una KALEX del Pons Racing, si tratta dell’ottava affermazione in carriera nel Motomondiale, la terza in Moto2 e stagionale ponendo la parola fine ad un digiuno che durava dallo scorso mese di giugno a Silverstone. Una bella e meritata vittoria per Espargaro, un secondo posto prezioso ai fini-campionato per Marc Marquez, saldamente al comando della classifica con 48 punti di vantaggio sul proprio connazionale lasciando per strada in Aragona soltanto 5, miseri punticini.

Risultato importante per Marquez che in un podio giovanissimo viene affiancato da Scott Redding, terzo ed uscito fuori sulla distanza di gara con la KALEX del Marc VDS Racing Team nonostante una recente operazione al tunnel carpale ed il mancato accordo per disporre di una Honda MotoGP nel 2013. Ci sarà invece nella top class Andrea Iannone, quarto sfiorando il podio dopo aver condotto a più riprese la gara con la propria Speed Up, pur sempre il miglior italiano sul traguardo: il poleman Simone Corsi chiude 7° con la FTR Moto M212 di Iodaracing Project, Claudio Corti 9° su KALEX dell’Italtrans Racing Team, classificato il ticinese Colandrea e 31° Andreozzi, non il sammarinese Alex De Angelis travolto da Takaaki Nakagami al primo giro, amaro epilogo di un weekend a dir poco sfortunato.

Cronaca di Gara

Allo spegnimento Simone Corsi, per la prima volta in pole da quattro anni a questa parte, conserva la prima posizione alla staccata della prima curva davanti a Claudio Corti (partito bene dalla 4° casella), Espargaro, Iannone, Smith, Redding, Terol e Marquez soltanto nono. Gruppo compatto, contatti inevitabili: ne fa le spese alla curva 6 Alex De Angelis, a terra travolto dalla KALEX di Takaaki Nakagami scivolato. Il primo giro va in archivio con Corsi leader con Espargaro e Iannone che passano Corti, recupera terreno Marquez già settimo seppur attaccato alla scatenata della curva 1 da uno scatenato Johann Zarco. Il vice-campione del Mondo in carica prevedibilmente ci mette poco a portarsi a ridosso di un Corsi che tenta la fuga: favorito dal sorpasso di Iannone su Espargaro, Marc avvicina e supera entrambi, adesso ha già il mirino puntato nei confronti della bianco-azzurra FTR di testa. In un solo giro il pupillo di Emilio Alzamora raggiunge Corsi e lo supera in pieno rettilineo opposto dei box a gran velocità, anche se Marquez avrà il suo bel da fare nel tener testa a Espargaro, Iannone, Corti, Zarco, Rabat e Di Meglio, tutti nel gruppo di testa.

Corsi prova a rispondere a Marquez, ma in un lampo il pilota capitolino finisce per vedersi sfilare da Espargaro e Iannone. Con l’abruzzese ingaggia un bel duello, non con Pol Espargaro, al settimo giro il più veloce in pista in 1’54″743 ed ora a soli 4/10 dal connazionale. Quando sembra prospettarsi l’ennesimo duello tra i due piloti iberici Corsi, poco dopo aver passato Iannone, in 1’54″647 spicca il nuovo best time della contesa e si riporta a ridosso dei duellanti (anche per il titolo). Il Poliziotto riesce nell’intento di sfila Polyccio a 10 giri dal termine, prevedibile la risposta del pilota Pons Racing, ma adesso da due piloti in corsa per il primato c’è un gruppo di ben cinque piloti con non particolarmente distanti Zarco, Smith, Corti, Rabat e Redding.

E’ lotta vera ed aperta, dal momento favorevole a Corsi si passa alla manovra offensiva di Iannone: a 9 dal termine è 2°, due giri più tardi alla curva 3 si porta in testa a scapito di Marquez sopravanzato anche da Marquez. Il leader del mondiale risponde prontamente ad Espargaro, un giro più tardi con un chirurgico sorpasso alla staccata della prima curva è di nuovo davanti a Iannone. L’abruzzese non ci sta e con decisione attacca-e-passa Marquez, a sua volta costretto a cedere altre due posizioni a vantaggio di Espargaro ed uno scatenato Redding in rimonta insieme a Zarco, Smith con Corti “a vista”.

Si complica la situazione per Marquez e per questo si lascia subito alle spalle Redding: ora viene il difficile con Iannone 2°, ma soprattutto con Espargaro che abbozza un tentativo di fuga. Il #93 si prova nell’infinito rettilineo opposto ai box, ma in staccata Iannone è di nuovo davanti; replica un simile attacco un giro più tardi, ma alla curva 12 è sempre Andrea ad avere la meglio. Questo duello consente ad Espargaro di involarsi al comando e presentarsi all’ultimo giro con 7/10 di vantaggio su Marquez il quale è finalmente riuscito a spuntarla su Iannone. Per poco: il portacolori Speed Master con decisione prova a riprendersi il secondo posto, i due si sfiorano, se ne approfitta Redding che alla “S” in discesa delle curve 8-9 guadagna la terza posizione. Per la vittoria è ormai troppo tardi, vince Pol Espargaro, Marquez è 2°, Redding 3° con Iannone che sfiora il podio.

Moto2 World Championship 2012
MotorLand Aragón, Classifica Gara

01- Pol Espargaro – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – 21 giri in 40’25.260
02- Marc Marquez – Team CatalunyaCaixa Repsol – Suter MMXII – + 1.447
03- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 1.743
04- Andrea Iannone – Speed Master Team – Speed Up S12 – + 1.825
05- Bradley Smith – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 2.193
06- Johann Zarco – JiR Moto2 – MotoBI – + 2.999
07- Simone Corsi – CAME Iodaracing Project – FTR Moto M212 – + 4.317
08- Jordi Torres – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMXII – + 5.115
09- Claudio Corti – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 5.519
10- Anthony West – QMMF Racing Team – Speed Up S12 – + 5.631
11- Thomas Luthi – Interwetten Paddock – Suter MMXII – + 5.851
12- Tito Rabat – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – + 6.548
13- Nico Terol – MAPFRE Aspar Team Moto2 – Suter MMXII – + 7.549
14- Mike Di Meglio – Kiefer Racing – KALEX Moto2 – + 14.075
15- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMXII – + 17.322
16- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – KALEX Moto2 – + 17.390
17- Axel Pons – Pons 40 HP Tuenti – KALEX Moto2 – + 17.492
18- Julian Simon – Blusens Avintia – Suter MMXII – + 17.837
19- Alejandro Marinelarena – Targo Bank CNS Motorsport – Suter MMXII – + 30.579
20- Marcel Schrotter – Desguaces La Torre SAG – Bimota HB4 2012 – + 32.748
21- Steven Odendaal – Arguiñano Racing Team – AJR Moto2 – + 32.879
22- Gino Rea – Federal Oil Gresini Moto2 – Suter MMXII – + 33.271
23- Yuki Takahashi – NGM Mobile Forward Racing – FTR Moto M212 – + 34.311
24- Tomoyoshi Koyama – Technomag CIP – Suter MMXII – + 36.563
25- Ratthapark Wilairot – Thai Honda PTT Gresini Moto2 – Suter MMXII – + 38.261
26- Eric Granado – JiR Moto2 – MotoBI – + 56.020
27- Elena Rosell – QMMF Racing Team – Speed Up S12 – + 1’17.202
28- Jesko Raffin – GP Team Switzerland – KALEX Moto2 – + 1’17.670
29- Marco Colandrea – SAG Team – FTR Moto M211 – + 1’18.363
30- Takaaki Nakagami – Italtrans Racing Team – KALEX Moto2 – + 1’24.244
31- Alessandro Andreozzi – Speed Master Team – Speed Up S12 – + 1’25.153

Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy