Moto2 Aragon Gara: corsa spettacolare, sempre Marquez

Moto2 Aragon Gara: corsa spettacolare, sempre Marquez

Iannone e Corsi sul podio, campionato ormai riaperto

Commenta per primo!

Una corsa spettacolare, a tratti confusionaria, ha messo in mostra tutto il talento e potenziale di Marc Marquez. Con una visione di gara, lucidità e freddezza che solo i campionissimi del motociclismo possono vantare, il Campione del Mondo 125cc in carica sfruttando i problemi incontrati da Stefan Bradl (soltanto 8° sul traguardo, risucchiato dal secondo gruppo di inseguitori nelle battute finali della contesa) si porta a -6 in classifica riaprendo definitivamente i giochi-campionato.

Una gara che segna una svolta in questa stagione con Marquez, a tutti gli effetti, incontenibile: settima vittoria in Moto2, la sesta nelle ultime 7 gare dove ha lasciato soltanto 5 dei 325 punti in palio alla concorrenza. Un ruolino di marcia sensazionale per un pilota all’esordio con le 600cc 4 tempi obbligando adesso Stefan Bradl ad attaccare nelle prossime gare in calendario, passando in poco tempo da oltre 50 a soltanto 6 punti di margine nei confronti del nuovo fenomeno del motociclismo internazionale.

Cambiando passo a sei giri dalla bandiera a scacchi involandosi verso l’ennesima fuga in solitaria, Marquez ha oscurato la grande giornata dei nostri portacolori in piena bagarre per il podio in gara e nel campionato. Andrea Iannone ha vivacizzato la corsa concludendo con la propria Suter al secondo posto davanti a Simone Corsi (FTR Ioda Racing Project) e Alex De Angelis (MotoBI del JiR Team), più staccati tutti gli altri per una gara che, a tratti, ha proposto non meno di 10 piloti potenzialmente in lizza per la vittoria, giusto prima di veder scappar via un Marquez in questo momento quasi imbattibile..

Cronaca di Gara

Prende il via la 13° prova del mondiale Moto2 2011, bello spunto di Marquez che amministra la pole, ma alla curva 3 si scatena subito la bagarre: in tre sono appaiati con Redding ed un esplosivo Bradl, in grado di portarsi in testa al successivo cambio di direzione. I primi tre sono davvero scatenati, Redding in primis che si ritrova a condurre la corsa con un bel sorpasso nella discesa delle curve 14 e 15 chiudendo il primo giro davanti a Marquez, Bradl, Simon, Aleix Espargaro, De Angelis, Iannone, Cluzel, Di Meglio e Pol Espargaro a completare la top-10 davanti ai nostri Pirro e Corsi. Archiviato un esplosivo primo giro, la seconda tornata del Motorland Aragon non propone nessun cambiamento nella top-3, non alle loro spalle dove Simon e Iannone a braccetto si portano in quarta e quinta posizione a scapito di Simon e Aleix Espargaro.

Al terzo giro Simone Corsi (8°) è il più veloce in pista, il nuovo leader di gara è invece Marc Marquez che sfrutta la scia di Redding e lo passa in fondo al lungo rettilineo, Bradl resta a contatto con questo terzetto che vanta un margine di 1″4 su Iannone quarto in classifica. Ad ogni mossa di Marquez c’è la pronta reazione di Bradl, a sua volta concreto nel sfilare Redding tenendo la scia della Suter #93 di testa. Fuori gioco nel frattempo Mattia Pasini, KO per un problema tecnico alla propria FTR Moto M211.

Si arriva ben presto al quarto giro e la situazione cambia nuovamente con Stefan Bradl che rompe gli indugi, sfila in rettilineo Marquez guadagnando il comando della contesa con ora Iannone terzo ed in piena rimonta, favorito anche dal ritmo non proprio velocissimo degli ormai ex due fuggitivi. La conferma arriva due giri più tardi con l’abruzzese che nella staccata in discesa della curva 1 passa Marquez, favorendo anche l’inserimento/ritorno di Scott Redding. E’ un momento critico per l’iridato 125cc, si è preso qualche rischio nel tentativo di resistere a queste manovre offensive degli avversari. L’immediato riscatto arriva alla tornata successiva, favorito dall’attaco di Iannone su Bradl si riporta in seconda posizione con continui capovolgimenti di fronte: il gruppo da 4 passa a 6 piloti complice il riaggancio di Corsi e De Angelis.

Contesa davvero difficile da interpretare, ad 1/3 di gara la classifica propone Iannone al comando su Marquez, Bradl, Redding, Corsi e De Angelis, a poco più di 1″ in rimonta ci sono anche Aleix Espargaro, Simon e Di Meglio. Il passo-gara è lentissimo, anche perchè lo spettacolo è strepitoso: un sorpasso ad ogni curva (e non è uno scherzo!), corsa confusionaria in puro stile Moto2 con i nostri grandi protagonisti, tanto da ritrovare Corsi e Iannone nelle prime due osizioni quando mancano 10 giri all abandiera a scacchi.

Con Wilairot, De Rosa, Cluzel, Takahashi fuori gioco per differenti sventure, si arriva a metà gara con guerra aperta soprattutto tra Marquez e Iannone: al 13° giro i due si scambiano il comando in quattro distinte occasioni, l’abruzzese esagera un pò tanto che a 7 giri dal termine arriva fuori traiettoria alla prima curva aprendo la porta anche a Simone Corsi. Marquez decide di cambiar passo, a questo punto c’è da seguire soltanto il confronto tutto in “famiglia” per la seconda piazza tra Iannone, De Angelis e Corsi, non c’è invece Bradl che perde progressivamente terreno con qualche problema di troppo alla propria KALEX.

Verso il rush finale Michele Pirro abbandona la contesa, ma comprensibilmente tutte le attenzioni sono rivolte verso l’ennesima vittoria stagionale di Marc Marquez ed il confronto per il podio che premia Andrea Iannone (2°) e Simone Corsi (3°) davanti ad Alex De Angelis, Stefan Bradl chiude ottavo alle spalle di Espargaro, Smith e Luthi. In vista della tripla extra-continentale di Motegi, Phillip Island, Sepang ed il gran finale a Valencia, il campionato è definitivamente riaperto.

Moto2 World Championship 2011
Motorland Aragon, Classifica Gara

01- Marc Marquez – Team CatalunyaCaixa Repsol – Suter MMXI – 21 giri in 40’20.575
02- Andrea Iannone – Speed Master Team – Suter MMXI – + 2.466
03- Simone Corsi – Ioda Racing Project – FTR Moto M211 – + 2.574
04- Alex De Angelis – JiR Moto2 – MotoBI – + 3.054
05- Aleix Espargaro – Pons HP 40 – Pons KALEX – + 10.831
06- Bradley Smith – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 10.870
07- Thomas Luthi – Interwetten Paddock Moto2 – Suter MMXI – + 11.005
08- Stefan Bradl – Viessmann Kiefer Racing – KALEX Moto2 – + 11.212
09- Dominique Aegerter – Technomag CIP – Suter MMXI – + 11.810
10- Mika Kallio – Marc VDS Racing Team – Suter MMXI – + 11.939
11- Anthony West – MZ Racing Team – FTR Moto M210 – + 12.108
12- Mike Di Meglio – Tech 3 Racing – Tech 3 Mistral 610 – + 12.114
13- Max Neukirchner – MZ Racing Team – FTR Moto M210 – + 12.180
14- Pol Espargaro – HP Tuenti Speed Up – Speed Up S-11 – + 12.908
15- Scott Redding – Marc VDS Racing Team – Suter MMXI – + 13.329
16- Tito Rabat – Blusens STX – FTR Moto M211 – + 13.875
17- Julian Simon – Mapfre Aspar Team – Suter MMXI – + 13.954
18- Xavier Simeon – RTL Sport Team – Tech 3 Mistral 610 – + 15.251
19- Claudio Corti – Italtrans Racing Team – Suter MMXI – + 18.470
20- Jordi Torres – Mapfre Aspar Team – Suter MMXI – + 20.128
21- Randy Krummenacher – GP Team Switzerland – KALEX Moto2 – + 38.974
22- Alex Baldolini – Pons HP 40 – Pons KALEX – + 39.072
23- Kenny Noyes – Avintia STX – FTR Moto M211 – + 39.340
24- Tomoyoshi Koyama – Technomag CIP – Suter MMXI – + 48.695
25- Ricard Cardus – QMMF Racing Team – Moriwaki MD600 – + 48.843
26- Santiago Hernandez – SAG Team – FTR Moto M211 – + 1’02.670
27- Sergio Gadea – Desguaces La Torre G22 – Moriwaki MD600 – + 1’05.633
28- Joan Olive – Aeroport de Castello – FTR Moto M211 – + 1’06.619
29- Valentin Debise – Speed Up – Speed Up S-11 – + 1’11.832
30- Robertino Pietri – Italtrans Racing Team – Suter MMXI – + 1’27.512
31- Yuki Takahashi – Gresini Racing Moto2 – Moriwaki MD600 – + 1’31.402
32- Mashel Al Naimi – QMMF Racing Team – Moriwaki MD600 – + 1’33.725
33- Elena Rosell – Mapfre Aspar Team – Suter MMXI – + 1’36.548

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy