Moto2: a Barcellona Marquez e gli italiani sfidano Bradl

Moto2: a Barcellona Marquez e gli italiani sfidano Bradl

Quinto round stagionale in programma a Barcellona

Al Circuit de Catalunya di Barcellona il mondiale Moto2 entra nel vivo: cinque gare nell’arco di otto settimane, senza dubbio la fase cruciale della stagione 2011 per la middle class che vede in Stefan Bradl un meritevole leader nella classifica di campionato. Il pilota tedesco, 4 pole su 4 gare centrando tre podi comprensivi di due vittorie (Losail ed Estoril), conduce con ben 28 punti di vantaggio mostrando un affiatamento straordinario con la KALEX preparata dal Kiefer Racing, dando vita ad un netto ed evidente salto di qualità sul piano prestazionale rispetto alla stagione 2010. Bradl, come dimostra Le Mans, dovrà stare attento a nuovi e vecchi avversari, tornati protagonisti a seguito di qualche gara al di sotto le aspettative. Su tutti Marc Marquez, alla prima vittoria in carriera nel mondiale Moto2 sul tracciato della Sarthè ponendo fine alle sventure dei precedenti tre appuntamenti stagionali. Il campione del mondo 125cc in carica a Barcellona, inutile dirlo, è atteso ad un weekend da protagonista con la Suter del Team Catalunya Caixa Repsol (Monlau Competicion), con l’imperativo di confermarsi ad alti livelli per recuperare i 52 punti di svantaggio in classifica nei confronti di Stefan Bradl. Gap decisamente meno importante per Julian Simon, secondo in campionato e reduce da test positivi al Motorland Aragon dove ha condotto la Suter del team Aspar sotto il record della pista. “Julito” sarà uno dei tanti piloti iberici da seguire per un elenco quasi infinito comprensivo anche dei fratelli Aleix (KALEX Pons) e Pol Espargaro (Speed Up), in crescita da Estoril in avanti. Chi a Barcellona va fortissimo è invece Andrea Iannone, che vinse nel 2009 in 125cc (l’ultima vittoria italiana nella ottavo di litro) e lo scorso anno dominò prima di incappare in una penalizzazione da parte della direzione gara. Con la Suter del Speed Master Team ha provato a Brno (insieme a Gabor Talmacsi: rientro in vista?) ponendo le basi per la gara del riscatto a seguito della scivolata al primo giro di Le Mans, ritrovandosi ora a -29 in classifica dal fuggitivo Bradl. Sempre parlando dei nostri rappresentanti, Simone Corsi (FTR del Ioda Racing Project) è sesto in campionato preceduto da Thomas Luthi (costante nel rendimento con la Suter Interwetten) e da Yuki Takahashi, vincitore lo scorso anno a Barcellona con la Tech 3, ora con una Moriwaki aggiornata del Gresini Racing. La formazione faentina crede nelle possibilità di Michele Pirro, atteso ad una prestazione convincente in Catalogna al pari di Alex De Angelis unico portacolori del team JiR con la MotoBI/TSR. La pattuglia tricolore del mondiale Moto2 presenta anche Claudio Corti (per lui un positivo test al Mugello con la Suter Italtrans), Mattia Pasini (qualche segnale di ripresa a Le Mans) e Alex Baldolini (Suter Forward Racing), non più Raffaele De Rosa, appiedato dal G22 Racing Team a favore del campione spagnolo in carica Carmelo Morales. Il talentuoso pilota campano è in cerca di una moto, missione non facile in questo periodo: una soluzione potrebbe esser trovata in tempo per le prossime prove del calendario iridato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy