250cc Valencia Gara: Simoncelli sbaglia, Aoyama campione

250cc Valencia Gara: Simoncelli sbaglia, Aoyama campione

Vince Hector Barbera l’ultima gara della 250cc

Commenta per primo!

Cara classe 250, quanto ci mancherai, specie se regali delle gare con queste emozioni, con questi colpi di scena. Hiroshi Aoyama è Campione del Mondo, l’ultimo nella storia della quarto di litro, concludendo 8° sul traguardo. Hector Barbera è invece l’ultimo vincitore di una gara, nella “sua” Valencia, dove si mostrò al grande pubblico nella stagione 2004. Marco Simoncelli è invece il primo dei delusi, di chi avrà rimpianti, di chi ha inseguito un bis iridato che poteva essere e non è stato.

Una gara, già di per sè nella storia, che diventa ancor più epica per i ripetuti colpi di scena di una corsa difficile da raccontare. Si comincia all’ottavo giro, quando Aoyama arriva lunghissimo alla prima curva, percorre tutte le vie di fuga e, per un guizzo, riesce a non cadere. Rientra 11°, proprio quando Simoncelli è in prima posizione. Potenzialmente i giochi sono ancora aperti, non fosse per un clamoroso errore a 7 tornate dal termine di “Sic”, che scivola perdendo l’anteriore (suo problema per tutta la stagione) consegnando così virtualmente il #1 ad Aoyama.

La Honda riconquista così un mondiale della 250 dopo un triennio di supremazia Aprilia/Gilera, così come il Giappone: Hiroshi Aoyama, 8 anni dopo Daijiro Kato, è Campione del Mondo. Allo stesso tempo festeggia Raffaele De Rosa, terzo sul traguardo e “Rookie” della stagione 2009, battuto soltanto a Valencia da Alvaro Bautista che nell’ultima gara con il team Aspar ha corso con il casco di Jorge Martinez.

Gioia comprensibile per Hector Barbera, che mette il proprio nome come ultimo vincitore di una gara della 250cc, conquistando allo stesso tempo il secondo posto di campionato. Per Simoncelli dopo il danno, la beffa: per Aoyama un trionfo meritato ed inseguito con grande dedizione, determinazione, talento. Bravo Hiro!

Cronaca di Gara

Non parte il poleman Alex Debon in seguito alla caduta negli istanti conclusivi delle qualifiche, parte così dalla pole position Marco Simoncelli con Barbera, Wilairot e Aoyama al suo fianco in prima fila. Allo spegnimento del semaforo è Barbera a prendere la testa, seguito da Luthi, Aoyama, Wilairot e Simoncelli solo in sesta posizione scavalcato anche da Faubel e Cluzel. Frenetiche le prime fasi di gara, dove Aoyama si fa largo in seconda posizione e “Sic” che riesce a portarsi in poche curve fino al quarto posto, nonostante un contatto sfiorato ed evitato con Luthi.

Il Campione del Mondo in carica arriva a ridosso di Aoyama, e nel corso del quarto giro i due si scambiano le posizioni favorendo l’avanzata di Barbera tra la tensione collettiva del paddock dell’Autodromo di Valencia. Il momento però che potrebbe risultare decisivo arriva all’ottavo giro: Simoncelli passa Barbera che resta nel mezzo del rettilineo, in staccata Aoyama arriva lunghissimo e percorre tutte le vie di fuga tra la curva 1 e 2 rischiando di volare a terra!

Simoncelli 1°, Aoyama 11°, il campionato in questo momento va al pilota giapponese anche se non può più commetter errori, nè tantomeno perder posizioni. Lo sa benissimo Hiro che diventa “Hero”, riesce a passare Baldolini assicurandosì la decima piazza… più importante di sempre. Si mettono le cose bene per lui e per il team Scot, con De Rosa al quarto posto proprio quando Di Meglio, il suo avversario per il titolo di “Rookie of the Year”, perde l’anteriore e conclude anzitempo la corsa.

A sette giri dal termine si decide il campionato: Marco Simoncelli, in testa sbaglia all’ingresso della curva 2, scivola e abbandona le ultime speranze di conquistare il titolo iridato. Hiroshi Aoyama, ottavo, è Campione del Mondo, l’ultimo nella storia della 250cc che regala a Hector Barbera un’altra vittoria davanti a Bautista e De Rosa, pilota debuttante dell’anno. Addio 250: che emozioni che ci hai regalato anche all’ultima tua gara.

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy