125cc: tre wild card per il Gran Premio di Francia a Le Mans

125cc: tre wild card per il Gran Premio di Francia a Le Mans

Due piloti francesi ed uno svizzero attesi nel weekend

Commenta per primo!

Saranno tre le wild card attese al via del Gran Premio di Francia sul circuito “Bugatti” di Le Mans nella classe 125cc. Selezionati direttamente dalla FFM, la federazione motociclistica nazionale, si sono guadagnati la “vetrina mondiale” due giovani piloti francesi.

Il primo è Kevin Szalai, già al via lo scorso anno a Le Mans: 28° in qualifica, 23° in gara. Diciottenne, Szalai vanta esperienze nel CEV e, soprattutto, ha concluso al primo posto nel campionato francese 125cc nel 2010 a pari punti con Gregory Di Carlo, anche se il minor numero di vittorie (soltanto una a Magny Cours) non gli ha consentito di conquistare il titolo nazionale. Poleman quest’anno nel primo round a Le Mans, ha concluso soltanto al 9° posto in una gara condizionata dalla pioggia con la stessa Aprilia del MVT Maxiscoot Racing con la quale si presenterà al via del GP di Francia.

Nonostante un anno in più (19 anni), sarà all’esordio l’altra wild card francese di Le Mans, Kevin Thobois, in gara con una gialla Honda RS125R del Team RMS. Soltanto alla stagione tra le 125 da Gran Premio, il giovane pilota transalpino si è qualificato proprio al fianco di Szalai nel primo round del campionato francese 2011 a Le Mans: 2° in griglia, ha concluso 5° in gara.

Ben altro curriculum per Patrick Meile, svizzero classe ’92, terza wild card per l’evento. Campione della ADAC Junior Cup 2008, è passato all’IDM 125 (campionato tedesco) concludendo 7° nella passata stagione con un 2° posto nel round conclusivo di Hockenheim come miglior risultato. Meile correrà con una Honda dell’Albatros Racing preparata da suo padre Markus, che grazie a finanziatori locali ha trovato il budget per disputare diverse gare del mondiale come wild card. Le Mans, ovviamente, in primis.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy