125cc Sepang Gara: ottava vittoria di Marquez, nuovo leader

125cc Sepang Gara: ottava vittoria di Marquez, nuovo leader

Trionfa a Sepang davanti a Espargaro e Terol

Commenta per primo!

Solita tattica, medesimo risultato. Marc Marquez conquista l’ottava vittoria su 14 gare riportandosi in testa alla classifica di campionato a seguito di una gara dalle strategie in continua evoluzione. Al via il pilota della Derbi Ajo Motorsport non è riuscito a conservare la pole, vedendosi scavalcato da Terol ed Espargaro: con loro ha dato vita ad un tentativo di fuga, salvo “addormentare” il ritmo consentendo al terzetto composto dai rispettivi compagni di squadra (Cortese, Smith e Vazquez) di ricongiungersi nel corso del sesto giro di gara. Dopo un’iniziale tattica di studio Marquez, a -7 dalla bandiera a scacchi, decide di rompere gli indugi replicando la fuga di Motegi involandosi verso una vittoria importantissima ai fini campionato.

Ora il nuovo fenomeno del motociclismo iberico (a proposito, per la Spagna 24° vittoria consecutiva nella classe 125cc…) comanda in classifica generale a tre prove dal termine con soltanto 3 punticini di margine su Nico Terol, 12 su Pol Espargaro che ha guadagnato poco o nulla in una gara comunque apprezzabile dove ha conseguito il 2° posto lasciandosi alle spalle l’opaca prova di Motegi.

Sarà dunque un bel confronto a tre per il titolo mondiale, con due piloti già certi (o quasi) del proprio futuro in Moto2 (Marquez ed Espargaro), con tre piloti di diversa formazione agonistica ed in rappresentanza dei top team di Ajo, Tuenti e Aspar. Questo confronto ha coinvolto anche i propri compagno di squadra, con Efren Vazquez quarto vincitore della bagarre con Bradley Smith e Sandro Cortese in volata, guadagnando così una posizione insperata dopo il brutto volo al via di Motegi.

A seguire sul traguardo Tito Rabat in solitaria, ottavo Tomoyoshi Koyama che ha avuto ragione della coppia del team Molenaar composta da Randy Krummenacher e Luis Salom con un’altra Aprilia RSW, la #14 del WTR San Marino Team di Johann Zarco, in undicesima posizione. Soltanto 19 i piloti sul traguardo, due dei quali italiani nelle ultime due posizioni: Marco Ravaioli con il piede sinistro dolorante (frattura del quarto metatarso rimediata in Giappone) è 18° con la Lambretta, 19° invece Tommaso Gabrielli. Fuori gioco nelle battute iniziali Simone Grotzkyj Giorgi (un altro brutto volo in questo weekend, ma senza conseguenze), Lorenzo Savadori e Luca Marconi a completare il bilancio dei nostri a Sepang.

Cronaca di Gara

Alla partenza Marquez conserva la pole, tenendosi alle spalle Terol, Smith, Vazquez, Espargaro e Koyama con il classico gruppo molto compatto. Terol alla staccata della “Langkwai” riesce a passare in testa, con Marquez in bagarre con Espargaro e Smith rischiando il contatto in diverse occasioni al terzo settore: di questo se ne avvantaggia proprio il leader del mondiale che guadagna in un giro ben 1″ su Espargaro con Marquez ora quarto scavalcato pure da Smith. Naturalmente il pilota dell’Ajo Motorsport non ci sta, ed in un giro si riporta in seconda posizione, spicca il miglior tempo ed è a 1″1 dal fuggitivo Terol. La gara prende così la propria dimensione, con Marquez che in poco tempo raggiunge Terol, Espargaro resta lì a ruota, dietro è confronto a tre per il quarto posto tra Smith, Cortese, Vazquez con Rabat poco più staccato.

Al quarto giro Marquez rompe gli indugi, al tornantino attacca Terol portandosi al comando con Espargaro subito dietro profilando un bel terzetto in bagarre per la vittoria. La conferma arriva due giri più tardi quando inaspettatamente è Espargaro a condurre la gara, con Marquez che si è portato in terza posizione e sembra poter controllare le azioni dei suoi diretti rivali di corsa e campionato. Il ritmo dei primi tre cala inevitabilmente, consentendo all’altro terzetto composto da Smith, Vazquez e Cortese di riaggancarsi proponendo una seconda fase di gara: il risultato è che Terol prende coscienza del “danno” commesso e riprova ad andare in fuga seguito da Marquez. Giusto a metà gara è però proprio il poleman a passare in testa con l’intento di replicare la condotta di Motegi: proposito impossibile, perchè i cinque inseguitori sembrano tenere il suo passo.

Mentre la regia internazionale propone il brutto volo di Simone Grotzkyj Giorgi caduto nelle fasi iniziali della corsa, pure Danny Webb vola a terra restando fermo nelle vie di fuga, trasportato precauzionalmente in barella fuori dalla zona di pericolo. E’ una corsa ad eliminazione, basti pensare che restano 19 i piloti in pista con soltanto Ravaioli e Gabrielli tra i nostri portacolori.

A sei giri dalla bandiera a scacchi definitivamente Marc Marquez, con una sequenza di tempi record, allunga sulla coppia composta da Espargaro e Terol in bagarre per la seconda posizione con la top-3 ormai definita: Marquez vince davanti a “Polyccio” ed è nuovamente in testa alla classifica con 3 punti su Nico Terol, 12 su Espargaro. Bradley Smith, in bagarre con Vazquez e Cortese, è ormai fuori dai giochi.

125cc World Championship 2010
Sepang, Classifica Gara

01- Marc Marquez – Red Bull Ajo Motorsport – Derbi RSA 125 – 18 giri in 40’29.035
02- Pol Espargaro – Tuenti Racing – Derbi RSA 125 – + 2.341
03- Nico Terol – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 3.656
04- Efren Vazquez – Tuenti Racing – Derbi RSA 125 – + 6.780
05- Bradley Smith – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 7.133
06- Sandro Cortese – Avant Mitsubishi Ajo – Derbi RSA 125 – + 7.297
07- Tito Rabat – Blusens STX – Aprilia RSA 125 – + 26.648
08- Tomoyoshi Koyama – Racing Team Germany – Aprilia RSW 125 – + 29.339
09- Luis Salom – Stipa Molenaar Racing GP – Aprilia RSA 125 – + 29.341
10- Randy Krummenacher – Stipa Molenaar Racing GP – Aprilia RSA 125 – + 29.365
11- Johann Zarco – WTR San Marino Team – Aprilia RSW 125 – + 36.329
12- Alberto Moncayo – Andalucia Cajasol – Aprilia RSA 125 – + 37.545
13- Adrian Martin – Aeroport de Castello Ajo – Aprilia RSA 125 – + 51.262
14- Marcel Schrotter – Interwetten Honda 125 – Honda RS125R – + 54.634
15- Jakub Kornfeil – Racing Team Germany – Aprilia RSW 125 – + 54.635
16- Zulfahmi Khairuddin – AirAsia Sepang Int. Circuit – Aprilia RSW 125 – + 58.581
17- Louis Rossi – CBC Corse – Aprilia RSW 125 – + 1’15.218
18- Marco Ravaioli – Lambretta Reparto Corse – Lambretta 125 GP10 – + 1’15.595
19- Tommaso Gabrielli – Ongetta Team – Aprilia RSW 125 – + 2’00.178

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy