125cc: Pol Espargaro parla di Andrea Iannone e della “testata”

125cc: Pol Espargaro parla di Andrea Iannone e della “testata”

Lo spagnolo dice la sua su quanto accaduto a Misano

Commenta per primo!

Nel dopo gara di Misano Adriatico tutti hanno ripreso le dichiarazioni di Andrea Iannone, ma in pochi hanno dato spazio a Pol Espargaro, l’altro “protagonista” del fattaccio dell’ultima curva. Il vincitore di Indianapolis ha parlato a più riprese dell’accaduto e, più in particolare, del pilota abruzzese, prima affidandosi ad una dichiarazione riportata nel comunicato stampa del Bainet Racing (la squadra che gestisce il team ufficiale Derbi).

Stavo disputando una delle gare più belle della mia vita e l’ho conclusa a terra per colpa di un altro pilota che mi è venuto addosso“, afferma Pol Espargaro. “Andrea Iannone ha provato a passarmi dove non c’era spazio: è caduto e mi ha colpito. Sono andato verso di lui per chiedergli spiegazioni e lui mi ha dato una testata. Non si è comportato come uno sportivo“.

Ai microfoni della TVE (la televisione spagnola che trasmette il Motomondiale) ha invece spiegato il colpo sul cupolino della Aprilia di Iannone.

Dopo la caduta la mia moto era andata contro le protezioni e non c’era più la possibilità di ripartire. Ho visto cosa stava facendo Iannone, stava provando a ripartire, così sono andato da lui per chieder spiegazioni e nel provar a fermarlo ho rotto il cupolino della sua moto. Per me non era nemmeno giusto che ripartisse dopo quello che ha fatto“.

Per finire nella giornata di ieri ad “Antena 3” ci è andato giù… pesante sul pilota di Vasto, prendendo anche spunto dal podio della MotoGP…

Iannone in pista è scorretto, ma lo si sapeva da tempo. Lui non si preoccupa degli altri, vuole vincere e se non ci riesce butta a terra anche gli altri. Penso che sarebbe giusto se Valentino Rossi lasciasse a lui le orecchie dell’asino (mostrate sul podio) così imparerebbe un pò“.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy