125cc: poca fortuna per i piloti italiani a Phillip Island

125cc: poca fortuna per i piloti italiani a Phillip Island

Grotzkyj Giorgi l’unico a punti, Marconi chiude 19°

Commenta per primo!

Dopo i segnali di ripresa a Motegi, purtroppo per i cinque piloti italiani al via del mondiale 125cc a Phillip Island non c’è stata molta fortuna. Il migliore dei nostri è risultato, ancora una volta, Simone Grotzkyj Giorgi, 15° sul traguardo a seguito di un weekend particolarmente difficile dove è stato oltretutto protagonista di una caduta nel corso delle prove che ha spezzato un pò il “ritmo” nella definizione della giusta messa a punto per la propria Aprilia RSA.

Ha terminato 19°, seppur doppiato, invece Luca Marconi, che per tutto il fine settimana ha lamentato mancanza di trazione della propria Aprilia RSW schierata dal team Ongetta. La nota positiva è arrivata dalla crescita rispetto a Sepang, dove ha avuto problemi fisici che non gli hanno consentito di concludere la gara.

Ritirato invece Lorenzo Savadori, fermato da un guasto alla marmitta nei primissimi giri. Gli altri due piloti italiani non sono stati invece ammessi al via, portando da 5 a 3 il computo degli italiani presenti in gara.

Marco Ravaioli, doppiamente infortunato, e Tommaso Gabrielli (alla terza gara con Ongetta Team, esordiente a Phillip Island) hanno pagato le mutevoli condizioni climatiche del weekend non riuscendo a prendere i giusti riferimenti per limare i propri tempi sul giro.

Tutti e cinque i piloti li ritroveremo in pista tra 10 giorni a Estoril con la partecipazione come wild card dell’Aprilia Junior GP Racing Dream, che si ripresenterà al via con Alessandro Tonucci (vincitore dell’ultimo round del CIV al Mugello) e Luigi Morciano, quest’ultimo autore della pole position sul tracciato di Scarperia, pienamente recuperato dall’infortunio rimediato nello stesso tracciato il giugno scorso quando era in lotta per la zona punti nel mondiale. Per entrambi prima di Estoril ci sarà l’impegno nel Campionato Europeo in prova unica ad Albacete, con la speranza di riportare l’Italia sul gradino più alto del podio nella 125cc a livello internazionale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy