125cc Misano Gara: autogol Iannone ed Espargaro, vince Simon

125cc Misano Gara: autogol Iannone ed Espargaro, vince Simon

Finale pazzesco al circuito di Misano Adriatico

Commenta per primo!

Un finale peggiore a Misano Adriatico non era pensabile. Una corsa splendida, un duello a tre fantastico rovinato da un post-gara dove tutti sono colpevoli, nessuno ha ragione. Julian Simon vince, si invola verso il suo primo titolo mondiale forte della quarta affermazione stagionale, di un vantaggio abissale in campionato, di un regalo della coppia Andrea Iannone e Pol Espargaro. Protagonisti di due condotte di gare differenti (l’abruzzese sempre in testa davanti a Simon, il vincitore di Indy in grande rimonta), giunti a stretto contatto all’ultima curva: Iannone, legittimamente, ci prova, sbaglia e colpisce Espargaro. Poteva finire lì, con lecito rammarico e delusione comprensibile. Il rendiconto lo si è avuto con qualche parola di troppo da una parte, una testata dall’altra. “Son ragazzi”, ma sono anche e soprattutto sportivi. Non in questo caso, non oggi.

Misano ha così premiato Julian Simon, aiutato anche dalla fortuna, ma con la consapevolezza di essersi fatto trovare pronto al momento più opportuno. Lo spagnolo si invola in campionato anche se i contendenti al titolo hanno limitato i danni, grazie alla seconda posizione di Nicolas Terol e la terza di Bradley Smith, baciato davvero dalla dea bendata all’ultimo dopo che a metà gara si era visto praticamente fermare per un problema tecnico.

Episodio simile a Simone Corsi, settimo dopo che nei primi giri era in lotta con Simon e Iannone per la leadership, che si è visto beffare sul traguardo da Marc Marquez (ottimo quarto, risultato prezioso dopo un weekend difficile) e dalla coppia teutonica Bradl e Cortese. L’Italia è comunque soddisfatta dei piazzamenti a punti di Riccardo Moretti, campione tricolore 13° con l’Aprilia Ellegi Racing (e si merita una sella nel mondiale), mentre Zanetti è subito alle sue spalle, quattordicesimo. Fuori dai punti tutti gli altri, con Alessandro Tonucci e Lorenzo Savadori scivolati, Luigi Morciano 19°, Luca Marconi, Gabriele Ferro e Luca Vitali oltre la 24° posizione.

Cronaca di Gara

Grande avvio di Nico Terol, ma Iannone alla Variante del Parco lo passa all’esterno con dietro grande confusione: Sergio Gadea vola a terra, resta fermo in mezzo alla pista, ma fortunatamente nessuno lo colpisce. La gara procede con regolarità con subito un’eccezionale battaglia al curvone, con Terol, Iannone, Corsi, Simon, Iannone e anche Marquez (partito bene) in piena bagarre. I primi giri mostrano gli italiani grandi protagonisti, Iannone e Corsi non si risparmiano contendendosi a suon di staccate decise la testa della corsa mentre Simon resta a guardare. Ed il poleman Bradley Smith? E’ indietro, combattendo nel secondo gruppetto dove si evidenziano piloti come Bradl, Cortese, Rabat e Folger che ha sorpreso di nuovo tutti con una partenza eccezionale.

Dopo un paio di giri la gara ha già preso la propria dimensione: lotta a tre per la vetta con Iannone, Corsi e Simon, seguiti da Terol ed il secondo gruppetto dove Pol Espargaro si è inserito e risulta il più veloce in pista. Non è così per Scott Redding, costretto ancora una volta a fermarsi per un problema tecnico alla sua Aprilia (secondo consecutivo in due gare: se non è sfortuna questa..).

Tornando alla cronaca play-by-play, Corsi è fuori dai pretendenti dalla vittoria, non riuscendo a tenere il ritmo di Iannone e Simon: anzi, perde ulteriori posizioni ritrovandosi scavalcato da Terol ed il battagliero Espargaro nella lotta per l’ultimo gradino del podio. Problema? Di certo non è un buon momento per gli italiani, fatta dovuta eccezione per Iannone, tenendo conto della scivolata di Alessandro Tonucci (era in lotta con Beaubier e altri per la 21° posizione) e, poco più tardi, di Lorenzo Savadori, in risalita e vicino alla zona punti.

Noia tecnica lo è sicuramente per Bradley Smith, che al 12° giro resta quasi “piantato” in uscita dalla “Quercia” scivolando in decima posizione: addio mondiale, se non altro per i piazzamenti altrui. Julian Simon resta in piena bagarre con Andrea Iannone per la vittoria, mentre più staccati (pur con un passo migliore) troviamo Pol Espargaro e Nico Terol in corsa per la terza posizione. Qui forse si… decide la gara: “Polyccio” è velocissimo, e a quattro giri dal termine ha praticamente preso Simon e Iannone davanti a sè.

A -3 succede davvero l’inverosimile: alla Variante del Parco, poco dopo aver segnato il nuovo giro record, passa Simon; si arriva alla “Quercia” ed è la volta di Iannone. Pazzesco Espargaro, un colpo da KO che non manda al tappeto Iannone, capace di rialzarsi e contrastare il pilota ufficiale Derbi all’ultimo giro. I primi tre sono davvero attaccati l’uno all’altro, si decide tutto solo all’ultima curva: all’ingresso della “Misano” Iannone tenta un attacco impossibile su Espargaro, che chiude con il risultato che entrambi sono a terra. Vittoria regalata a Julian Simon, sul podio Terol ed un “miracolato” Smith, scene da fight club per Iannone ed Espargaro. Che brutto finale.

125cc World Championship 2009
Misano Adriatico, Classifica Gara

01- Julian Simon – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – 23 giri in 40’15.301
02- Nicolas Terol – Jack & Jones Team – Aprilia RSA 125 – + 0.573
03- Bradley Smith – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 5.474
04- Marc Marquez – Red Bull KTM Moto Sport – KTM FRR 125 – + 9.378
05- Sandro Cortese – Ajo Interwetten – Derbi RSA 125 – + 9.665
06- Stefan Bradl – Viessmann Kiefer Racing – Aprilia RSA 125 – + 11.755
07- Simone Corsi – Fontana Racing – Aprilia RSA 125 – + 23.044
08- Joan Olive – Derbi Racing Team – Derbi RSA 125 – + 26.936
09- Jonas Folger – Ongetta Team I.S.P.A. – Aprilia RS 125 – + 32.851
10- Danny Webb – Degraaf Grand Prix – Aprilia RSA 125 – + 34.439
11- Michael Ranseder – CBC Corse – Aprilia RS 125 – + 34.733
12- Efren Vazquez – Derbi Racing Team – Derbi RSA 125 – + 35.763
13- Riccardo Moretti – Ellegi Racing – Aprilia RS 125 – + 35.853
14- Lorenzo Zanetti – Ongetta Team I.S.P.A. – Aprilia RS 125 – + 39.937
15- Dominique Aegerter – Ajo Interwetten – Derbi RSA 125 – + 39.942
16- Johann Zarco – WTR San Marino Team – Aprilia RS 125 – + 40.110
17- Randy Krummenacher – Degraaf Grand Prix – Aprilia RSA 125 – + 59.051
18- Lukas Sembera – Matteoni Racing – Aprilia RS 125 – + 59.100
19- Luigi Morciano – Junior GP Racing Dream – Aprilia RS 125 – + 1’00.236
20- Takaaki Nakagami – Ongetta Team I.S.P.A. – Aprilia RS 125 – + 1’01.191
21- Luis Salom – Jack & Jones Team – Aprilia RS 125 – + 1’02.848
22- Cameron Beaubier – Red Bull KTM Moto Sport – KTM FRR 125 – + 1’11.814
23- Jasper Iwema – Racing Team Germany – Honda RS 125R – + 1’11.933
24- Luca Marconi – CBC Corse – Aprilia RS 125 – + 1’12.053
25- Gabriele Ferro – Grillini Bridgestone Team – Aprilia RS 125 – + 1’14.596
26- Jakub Jantulik – JJ Racing Team – Aprilia RS 125 – + 1’28.731
27- Luca Vitali – CBC Corse – Aprilia RS 125 – + 1’29.309
28- Jakub Kornfeil – Loncin Racing – Loncin 125 – + 1’29.916
29- Alessandro Tonucci – Junior GP Racing Dream – Aprilia RS 125 – a 1 giro

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy