125cc: la sorpresa del Mugello, Johann Zarco

125cc: la sorpresa del Mugello, Johann Zarco

Il pilota transalpino stupisce con l’Aprilia del WTR Team

Fa specie parlare di Johann Zarco quale sorpresa del Motomondiale classe 125 dopo che, nella stagione 2008, è rimasto a piedi. Non per risultati mancati, tutt’altro: il giovane pilota transalpino proveniva dall’affermazione della Red Bull Rookies Cup prima edizione, dove ha vinto battendosi con piloti che, come lui, hanno raggiunto poi lo scenario iridato. Senza un budget ed una moto competitiva, il pilota di Cannes ha dovuto aspettare il momento giusto arrivato questa stagione grazie al WTR Team di Castellucci, con il quale è giunto all’accordo per correre con una Aprilia RS. Con grande determinazione e professionalità, Zarco è maturato gara dopo gara, raccogliendo punti preziosi a Losail e Jerez prima di quella che si può definire “esplosione agonistica” del Mugello, dove è partito dalla settima posizione in griglia chiudendo addirittura sesto, battendosi con piloti più esperti in sella a delle modo ufficiali.

Sono emozionatissimo, è stata una gara combattuta fino all’ ultimo istante!“, ha dichiarato Johann Zarco. “Sono riuscito a fare quello che mi ero promesso nelle qualifiche, una buona partenza con il gruppo più veloce. Ho dovuto faticare tanto e dare molto gas lungo il rettilineo per poter stare dietro la scia dei primi piloti. Il momento in cui ho sentito una vera adrenalina è stato a pochi secondi dalla fine quando dei due piloti che avevo davanti, uno è caduto, l’altro è entrato un po’ largo e io non ho perso occasione per superarli. Sono riuscito ad arrivare sesto in un circuito davvero difficile e il mio proposito è quello di continuare a stare anche nelle prossime gare tra i primi dieci“.

Questo risultato ha premiato gli sforzi anche del WTR Team, che con la Aprilia vestita con la livrea di San Marino ha ben figurato anche in 250 con Alex Baldolini, undicesimo sul traguardo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy