125cc Estoril Gara: rimonta pazzesca di Marc Marquez

125cc Estoril Gara: rimonta pazzesca di Marc Marquez

Cade, parte ultimo e va a vincere, quasi campione

Commenta per primo!

Ecco perchè tra sette giorni potrebbe diventare, al terzo anno in 125cc, al primo con una Derbi ufficiale, Campione del Mondo. Marc Marquez realizza un’impresa d’altri tempi a Estoril, realizzando non una, bensì due rimonte quasi senza precedenti. Al primo via dall’undicesima posizione in griglia si è subito portato a ridosso del leader Nico Terol, prima dell’interruzione della corsa per pioggia nel corso del settimo giro. Al giro di formazione per il restart Marquez sbaglia, cade all’ultima curva ed i meccanici dell’Ajo Motorsport sono costretti ad un miracolo, riparando la sua Derbi RSA in 9 minuti, abbastanza per consentirgli di prendere il via dall’ultima posizione in griglia.

Dalla 17° casella dello schieramento era già 5° alla prima curva, 3° al termine del primo giro, ma soprattutto primo sul traguardo, beffando all’ultimo passaggio Nico Terol che ha condotto praticamente la corsa per il 99 % della sua durata. Una “mazzata” per il mondiale, un’impresa storica per il protetto di Emilio Alzamora ad un passo dal titolo: 17 punti di vantaggio su Terol, già fuori dei giochi Pol Espargaro partito con le rain al secondo via quando l’unica scelta logica erano le slick concludendo in 10° posizione.

Fenomeno Marc Marquez per una gara dove gli italiani, per 3/5, hanno ragione di sorridere. Simone Grotzkyj Giorgi, addirittura caduto alla prima “heat”, ha concluso 12° davanti alla coppia del Junior GP Racing Dream della FMI Alessandro Tonucci e Luigi Morciano, presenti a Estoril per fare esperienza portando a casa punti preziosi in vista di un prossimo futuro a tempo pieno nel mondiale.

Cronaca di Gara

Si parte senza Koyama, fermo ai box per un problema tecnico, e allo spegnimento del semaforo Moncayo resta praticamente fermo in griglia, ottimo spunto di Smith che conserva la leadership su Terol, Marquez già terzo, Webb, Cortese e Folger. A terra alla prima curva Marconi e Iwema, giunti al contatto e visibilmente doloranti nelle vie di fuga.

Si chiude il primo giro con il terzetto di testa già a 3″6 di vantaggio dagli inseguitori dove c’è l’inferno: Espargaro è quarto, Cortese subito dietro è protagonista di un high-side imitato successivamente anche Martin, Kent, Grotzkyj Giorgi e Rossi. Nuova classifica con Terol che ha 2″ su Marquez che ha passato Smith, Espargaro insegue dalla quarta posizione davanti a Rabat, Vazquez, Krummenacher, Salom, Folger e Webb mentre… comincia a piovere!

Sempre alla prima curva sbagliano così Tito Rabat ed Efren Vazquez che si ritrovavano in 4° e 5° posizione, la direzione gara non sospende la corsa e si continua a correre con i piloti “sulle uova”. La dimostrazione arriva da Nico Terol che al quinto giro arriva lunghissimo in fondo al rettilineo dei box e si vede raggiungere da Marquez profilando un bel duello per gara e campionato.

Al settimo giro la pioggia aumenta la propria intenisità ed i commissari, finalmente, sono costretti all’esposizione della bandiera rossa: si partirà per una nuova gara con la griglia composta nell’ordine da Terol, Marquez, Smith, Espargaro, Moncayo, Salom, Krummenacher, Folger, Webb, 11° Tonucci, 12° Morciano, 15° Grotzkyj Giorgi.

Al giro di formazione in griglia un colpo dis cena che potrebbe cambiare le sorti del campionato: all’ultima curva, la “Parabolica Ayrton Senna”, Marc Marquez vola a terra. Riesce a prendere la corsia dei box, ma sarà costretto a partire dal fondo dello schieramento di partenza. Si riparte per 9 giri, Terol è in testa su Smith, Espargaro, Folger e… Marquez già 5°, incredibile!

Il leader del mondiale in un attimo passa al terzo posto con Espargaro subito dietro con le rain in visibile difficoltà perchè la pista è tornata quasi completamente asciutta. Con “Polyccio” ormai fuori dai giochi campionato, davanti Marquez ha passato Smith ed è in seconda posizione già a contatto con Terol. Dunque terzetto di testa con Terol, Marquez e Smith, segue Folger in quarta posizione con Salom, Espargaro e Krummenacher a inseguire con Grotzkyj, Tonucci e Morciano dalla 12° alla 14° piazza.

A due giri dalla bandiera a scacchi Marquez si rituffa all’attacco di Terol, riesce nel sorpasso alla staccata in fondo al rettilineo con il connazionale che risponde alla “Parabolica Interior” senza successo. Vince Marquez realizzando una corsa d’altri tempo, sul podio Terol e Smith, Espargaro 10° è ormai fuori dai giochi. A punti Grotzkyj Giorgi 12°, Tonucci 13° e Morciano 14°.

125cc World Championship 2010
Estoril, Classifica Gara

01- Marc Marquez – Red Bull Ajo Motorsport – Derbi RSA 125 – 9 giri in 16’27.878
02- Nico Terol – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 0.150
03- Bradley Smith – Bancaja Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 0.212
04- Jonas Folger – Ongetta Team – Aprilia RSA 125 – + 18.378
05- Luis Salom – Stipa Molenaar Racing GP – Aprilia RSA 125 – + 19.387
06- Alberto Moncayo – Andalucia Cajasol – Aprilia RSA 125 – + 22.505
07- Randy Krummenacher – Stipa Molenaar Racing GP – Aprilia RSA 125 – + 26.699
08- Efren Vazquez – Tuenti Racing – Derbi RSA 125 – + 26.703
09- Danny Webb – Andalucia Cajasol – Aprilia RSA 125 – + 31.503
10- Pol Espargaro – Tuenti Racing – Derbi RSA 125 – + 40.823
11- Jakub Kornfeil – Racing Team Germany – Aprilia RSW 125 – + 47.006
12- Simone Grotzkyj Giorgi – Fontana Racing – Aprilia RSA 125 – + 48.773
13- Alessandro Tonucci – Junior GP Racing Team FMI – Aprilia RSW 125 – + 54.418
14- Luigi Morciano – Junior GP Racing Team FMI – Aprilia RSW 125 – + 1’02.234
15- Zulfahmi Khairuddin – AirAsia Sepang Int. Circuit – Aprilia RSW 125 – + 1’15.433

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy