125cc Aragon Gara: Nico Terol vince da assoluto dominatore

125cc Aragon Gara: Nico Terol vince da assoluto dominatore

Vola in classifica, titolo costruttori per la Aprilia

Commenta per primo!

Con una velocissima Aprilia RSA preparata dalla squadra più ambita dai giovani talenti della classe 125cc, Nico Terol si può concedere gare come queste, ammazzando sul nascere le ambizioni/speranze degli avversari. Al Motorland Aragon, ancora una volta da assoluto dominatore, il vice-campione del mondo in carica conquista l’ottava affermazione stagionale (13° in carriera nella classe 125cc, sesto nella classifica di tutti i tempi) avvicinando la conquista del personale primo titolo iridato. Ci sarà da aspettare ancora un pò per il pilota spagnolo già con un contratto Moto2 in tasca, non per la Aprilia che con quattro gare d’anticipo centra la vittoria nella classifica costruttori, il 10° titolo marche nella propria storia congedandosi nel miglior modo possibile dal Motomondiale dopo una lunga (e vittoriosa) militanza tra 125 e 250cc.

Per una gara “ammazzata” dalla superiorità velocistica di Nico Terol, per trovare un pò di spettacolo si è dovuto assistere con grande interesse al confronto per la seconda posizione tra Johann Zarco ed Hector Faubel anche con inevitabili ripercussioni in campionato. Il pilota francese, con una Derbi RSA preparata dall’Ajo Motorsport visibilmente più lenta rispetto alle Aprilia-Aspar, si è difeso egregiamente tanto da costringere il rivale all’errore proprio all’ultimo giro, perdendo l’anteriore all’ultimo curvone consegnando il terzo gradino del podio a Maverick Vinales, laureatosi “Rookie of the Year” 2011 con quattro round d’anticipo.

Con Faubel KO, Zarco in seconda posizione ha limitato i danni ritrovandosi da -31 a -36 in campionato, ormai l’unico potenzialmente in grado di insidiare Terol nella corsa all’ultimo titolo mondiale della ottavo di litro. Fuori da questo contesto e dal podio ha invece concluso Luis Salom, strepitoso quarto nonostante una mano destra infortunata e recentemente operata (assente a Indianapolis, costretto al ritiro a Misano) vincendo l’agguerrita bagarre per la “medaglia di legno” in un folto gruppo di inseguitori composto nell’ordine da Efren Vazquez, Sandro Cortese, Danny Kent e Alberto Moncayo.

Se Marcel Schrotter porta la Mahindra a ridosso della top 10, ci sono buone notizie anche sul fronte tricolore con i due fantini del Team Italia della nostra Federmoto in zona punti: Luigi Morciano è 12° dando seguito agli ultimi positivi risultati (a punti da quattro gare), Alessandro Tonucci conclude 14° guadagnando i primi due punticini di questa stagione. Ci è mancato poco anche per Manuel Tatasciore, 17° da sostituto di Simone Grotzkyj Giorgi al Phonica Racing, mentre Francesco Mauriello è uscito di scena nel corso dell’ottavo giro.

Cronaca di Gara

Temperature basse rispetto alle precedenti due giornate di attività al Motorland Aragon, un forte vento e, a sorpresa, Hector Faubel in pole position 4 anni e 62 gare dopo l’ultima partenza al palo di Valencia 2007. Alle 11:01 in punto scatta la 13° prova del mondiale 125cc, ottimo spunto di Terol che guadagna subito il comando davanti a Faubel, Cortese, Vinales, Zarco, Moncayo, Vazquez, Kent e Salom, nessuna caduta alla prima curva, parte soltanto dalla corsia box Joan Perello presumibilmente per un problema tecnico. Con il gruppo molto compatto si arriva ben presto nella variante in discesa delle curve 7 e 8, Zarco si porta in terza posizione davanti a Cortese tirandosi dietro anche Vinales: l’obiettivo è di non far scappare le missilistiche Aprilia-Aspar di testa.

Per il momento la missione sembra davvero complicata, Terol e Faubel chiudono il primo giro già con 1″5 sul terzetto composto nell’ordine da Vinales, Zarco e Cortese, in più il buon Terol prova subito ad allungare spiccando un significativo 2’00″746, l’unico sotto il 2’01”. Con Jasper Iwema primo pilota ad uscire di scena, al terzo giro i valori in campo sembrano già delinearsi: Terol abbozza la fuga in solitaria, Faubel cerca di tenere il ritmo vedendosi insidiato da Vinales e Zarco, bel confronto per la quinta posizione con protagonisti Cortese, Vazquez, Moncayo, Salom, Kent e Rossi sorprendente con l’Aprilia RSW preparata da Matteoni.

Giunti al quinto giro Maverick Vinales scende sotto il 2’00” ed è il pilota più veloce in pista, insieme a Faubel e Zarco si porta ora a soli 8 decimi da Terol non in grado di dar vita ad una fuga. Se la gara si prospetta più combattuta del previsto, non c’è spazio invece per Harry Stafford, Taylor Mackenzie e Kevin Hanus volati a terra, discorso diverso per Alexis Masbou rientrato in corsia box per un problema tecnico riscontrato alla propria KTM. Purtroppo al sesto giro è escluso dalla bagarre per la quinta posizione anche Louis Rossi, protagonista di uno spettacolare ruzzolone nel veloce curvone 16 che conduce ai piloti verso il rettilineo dei box. Ad 1/3 di gara i piloti in gara sono più soltanto 25 tra cadute (Niklas Ajo) e problemi tecnici (Miguel Oliveira, viaggiava in 10° posizione), fortunamente ci sono tutti gli italiani anche ben piazzati: Luigi Morciano è 14°, Manuel Tatasciore 18° precede Alessandro Tonucci e Francesco Mauriello, 21°.

Se i primi giri lasciavano presupporre ad un bel confronto per il primato, Nico Terol cambia-passo e vola con un margine di oltre 2″ su Hector Faubel e Johann Zarco in bagarre per la seconda posizione, perde terreno Maverick Vinales che si mantiene in quarta piazza con un eneorme vantaggio a scapito del folto gruppetto di inseguitori composto da Kent, Vazquez, Cortese, Salom e Moncayo. Negli ultimi giri si scatena la lotta per la quarta posizione tra Zarco e Faubel con un epilogo a sorpresa: proprio all’ultima curva sbaglia il valenciano, porte aperte così a Zarco 2° alle spalle di un imprendibile Terol, sul podio sale anche Maverick Vinales. A seguire Luis Salom vince la bagarre per il quarto posto, da segnalare Luigi Morciano e Alessandro Tonucci in zona punti rispettivamente in 12° e 14° posizione.

125cc World Championship 2011
Motorland Aragon, Classifica Gara

01- Nico Terol – Bankia Aspar Team – Aprilia RSA 125 – 20 giri in 40’26.726
02- Johann Zarco – Avant AirAsia Ajo – Derbi RSA 125 – + 6.771
03- Maverick Vinales – Blusens by Paris Hilton Racing – Aprilia RSA 125 – + 18.929
04- Luis Salom – RW Racing GP – Aprilia RSA 125 – + 27.469
05- Efren Vazquez – Avant AirAsia Ajo – Derbi RSA 125 – + 27.472
06- Sandro Cortese – IntAct Racing Team Germany – Aprilia RSA 125 – + 27.740
07- Danny Kent – Red Bull Ajo MotorSport – Aprilia RSA 125 – + 27.750
08- Alberto Moncayo – Andalucia Banca Civica – Aprilia RSA 125 – + 27.778
09- Adrian Martin – Bankia Aspar Team – Aprilia RSA 125 – + 43.009
10- Jonas Folger – Red Bull Ajo MotorSport – Aprilia RSW 125 – + 49.090
11- Marcel Schrotter – Mahindra Racing – Mahindra GP 125 – + 53.876
12- Luigi Morciano – Team Italia FMI – Aprilia RSW 125 – + 56.395
13- Jakub Kornfeil – Ongetta Centro Seta – Aprilia RSA 125 – + 57.513
14- Alessandro Tonucci – Team Italia FMI – Aprilia RSW 125 – + 1’07.215
15- Danny Webb – Mahindra Racing – Mahindra GP 125 – + 1’14.906
16- Sturla Fagerhaug – WTR Ten10 Racing – Aprilia RSW 125 – + 1’31.266
17- Manuel Tatasciore – Phonica Racing – Aprilia RSA 125 – + 1’36.871
18- Giulian Pedone – Phonica Racing – Aprilia RSW 125 – + 1’40.668
19- Damien Raemy – Caretta Technology – KTM RC 125 – + 1’58.898
20- Pedro Rodriguez – Turismo de Aragon Team DVJ – Aprilia RSA 125 – a 1 giro
21- Zulfahmi Khairuddin – AirAsia SIC Ajo – Derbi RSW 125 – a 2 giri

Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy