125cc: a Indianapolis riprende la lotta a tre per il campionato

125cc: a Indianapolis riprende la lotta a tre per il campionato

Classifica più corta con Marquez, Espargaro e Terol in lizza

di Redazione Corsedimoto

Tra Sachsenring e Brno è trascorso il mese di vacanze estive, ma tutto sembra esser cambiato per la classe 125cc nel gioco di forza dei tre pretendenti al titolo. In Repubblica Ceca Marc Marquez ha dovuto interrompere la sequenza di cinque vittorie consecutive complice la caduta delle prove del venerdì; d’altro canto Pol Espargaro ha imparato la lezione del Sachsenring guadagnando 20 punti utili per la classifica, giusto quando Nico Terol è tornato protagonista, sul gradino più alto del podio e, soprattutto, in forma. Il risultato è di trovare adesso i tre pretendenti al titolo in 23 punti, con Indianapolis tappa importante della stagione per rivedere le gerarchie in prospettiva campionato. Non sarà al meglio Marc Marquez, a suo dire al 70 % complice la lussazione della clavicola sinistra. A Brno, da infortunato e con una spalla malandata, ha limitato i danni concludendo in 7° posizione, costretto a difendersi anche il prossimo weekend a Indy dove Nico Terol e Pol Espargaro hanno vinto rispettivamente nel 2008 e 2009, partendo logicamente da favoriti. Non bisognerà stupirsi nel trovare una classifica più “corta” terminata la trasferta oltre-oceano, nè tantomeno nel veder proseguire la striscia di 19 successi consecutivi dei piloti spagnoli nel mondiale 125cc inaugurata ad Assen lo scorso anno. Sono pochi i piloti “stranieri” a potersi inserire nel “CEV allargato”. Chi ha le maggiori credenziali a Indianapolis sarà sicuramente Bradley Smith, poleman e protagonista a Brno prima di un’errata scelta di pneumatici che l’ha costretto ad una gara sulla difensiva. Il talento di Oxford, vicino a trovare l’accordo per la Moto2, è ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale capeggiando il gruppetto degli inseguitori composto da nomi quali Efren Vazquez (fin troppo propenso all’errore dopo un buon avvio di 2010), Randy Krummenacher (dal rendimento altalenante), più l’esperto Tomoyoshi Koyama ed il coriaceo Johann Zarco in sella alle “vecchie” Aprilia RSW che continuano a ben figurare nel mondiale. A Brno si è inoltre rivisto nelle prime posizioni Jonas Folger, quarto sul traguardo trovando finalmente un buon feeling con l’Aprilia RSA del team Ongetta, lasciandosi sulle spalle il sorprendente campione in carica della Red Bull Rookies Cup Jakub Kornfeil, quinto cercando di risalire nella classifica riservata agli esordienti dove Alberto Moncayo resta presenza fissa della top ten con il team Andalucia. Per gli italiani si prospetta la solita gara difficile, con l’imperativo per Simone Grotzkyj Giorgi, Lorenzo Savadori, Luca Marconi e Marco Ravaioli di dare una svolta al campionato in vista del successivo appuntamento di casa a Misano Adriatico. Lo scorso anno a Indianapolis Simone Corsi concluse sul podio in 3° posizione, ma sembra (ahinoi) esser trascorsa un’eternità.. Alessio Piana

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy