125cc: a Estoril primo “match ball” iridato per Marquez

125cc: a Estoril primo “match ball” iridato per Marquez

Terol ed Espargaro pronti all’attacco, 6 italiani al via

Commenta per primo!

La logica conseguenza per Marc Marquez di conquistare tre vittorie consecutive, da assoluto dominatore, tra Motegi e Phillip Island è quella di presentarsi questo fine settimana a Estoril con il primo “match ball” iridato nella classe 125cc. Poche possibilità, non abbastanza per guardare con estrema fiducia e tranquillità per le conclusive due prove stagionali in Portogallo e Spagna a Valencia. Il vantaggio di 12 punti su Nico Terol e di 17 su Pol Espargaro gli consentiranno di accontentarsi di due secondi posti per succedere nell’albo d’oro a Julian Simon, con la possibilità di anticipare la festa a Estoril. L’ipotesi più credibile è di una vittoria con Espargaro 3° e Terol 4° dalla difficile realizzazione: i primi 3 hanno ormai monopolizzato il podio della ottavo di litro. Con pensieri rivolti al campionato, Marc Marquez ha già spiegato pubblicamente la propria tattica per questo weekend: attaccare, vincere tenendo alto il livello di concentrazione. Tutto è dalla sua parte, una Derbi velocissima, una squadra iper-competitiva che lo seguirà anche in Moto2 l’anno prossimo con una partecipazione maggiore di Repsol. Steso un tappeto rosso per una (meritata) carriera ai vertici, proveranno a disturbare questo ambizioso progetto Nico Terol e Pol Espargaro, obbligati a vincere al Circuito do Estoril per riaprire i giochi. Terol, che resterà in 125cc con Aspar anche l’anno prossimo, ha perso un buon treno a Phillip Island stressando gli pneumatici nella rimonta a seguito di una partenza difficile. Pol Espargaro, sicuro in Moto2 l’anno prossimo (si parla del team Speed Up o di un passaggio con lo stesso team Tuenti Racing, iscrizione IRTA permettendo), ha ritrovato smalto nelle ultime gare pur pagando dazio da un punto di vista velocistico rispetto a Marquez. Persino la dieta… forzata (nel senso letterale del termine) non ha limato questo gap soprattutto in uscita dalle curve lente, dove l’accelerazione resta una tematica determinante per la ottavo di litro. Rientra se vogliamo nel contesto-iridato Sandro Cortese, che potrebbe aiutare Marquez ad anticipare i festeggiamenti con un secondo posto in gara: di certo il talento italo-tedesco nelle qualifiche non sembra aver nulla da invidiare ai “magnifici 3”, salvo poi pagar dazio in gara con qualche errore di troppo (vedi Phillip Island). Discorso similare per Bradley Smith, protagonista di una stagione ben al di sotto delle proprie aspettative che ne ha “complicato” il salto in Moto2, mentre Efren Vazquez cerca due “solide” prestazioni tra Estoril e Valencia per candidarsi al titolo iridato 2011. In Portogallo poche, ma importanti novità nello schieramento di partenza: ritorna Jonas Folger, non correrà Alexis Masbou che ha concluso la stagione in anticipo per infortunio, Danny Kent punterà a confermare le eccezionali prestazioni con la Lambretta. Parlando degli italiani saranno ben sei al via: a Simone Grotzkyj Giorgi (Fontana Racing), Lorenzo Savadori (Matteoni Racing), Luca Marconi e Tommaso Gabrielli (Ongetta Team) si congiungeranno come wild card la coppia del Junior GP Racing Dream della FMI Alessandro Tonucci e Luigi Morciano, 4° e 7° nel Campionato Europeo settimana scorsa ad Albacete. Obiettivo far esperienza in vista dell’anno prossimo e, perchè no, guardare alla zona punti. Alessio Piana

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy