Valentino Rossi: “La Ducati è l’opposto del mio stile di guida”

Valentino Rossi: “La Ducati è l’opposto del mio stile di guida”

Conclude quinto al Mugello dopo una bella rimonta

Commenta per primo!

Ieri un disastro, oggi un podio sfiorato, distante poco più di 1″. Valentino Rossi ha concluso quinto al Mugello dando vita ad una bella rimonta dopo una partenza da dimenticare riuscendo, tempi alla mano, a risultare tra i piloti più veloci in pista nel finale. Un quinto posto tutto sommato da non buttar via per stessa ammissione del “Dottore”.

Un risultato che ci sta bene, ma peccato perchè il podio era davvero vicino“, ha dichiarato Valentino Rossi ai microfoni di Sport Mediaset nel corso della diretta televisiva su Italia 1. “Purtroppo noi nelle prove soffriamo troppo: riesco a far sempre con buon ritmo con le dure, ma non riesco a sfruttare la morbida. Oggi inoltre sono partito malissimo, mi sono ritrovato dietro anche ad una CRT. Una volta che sono riuscito a passare i piloti davanti a me avevo ormai perso troppo tempo, praticamente già al termine del primo giro ero a 3-4 secondi dal gruppo di testa. Come passo comunque non siamo andati male: tempi alla mano potevo lottare per il podio, ieri sembrava una follia..

Se non altro la nota positiva è che, da qualche gara, ci sono stati dei progressi. “Son due gare che stiamo lavorando con un altro setting che mi consente di andar bene fino al termine della gara. Il Mugello è sempre una gara speciale, per questo ho dato il massimo e quando ho visto Hayden ho fatto di tutto per recuperare lo svantaggio e proprio alla fine ci sono riuscito.

Di certo rispetto a ieri sono andato decisamente meglio, il problema è sempre la qualifica: gli altri al sabato riescono a togliere 5-6 decimi con la morbida, io ancora con questa moto non ci riesco, faccio fatica con questa messa a punto a sfruttare l’extra grip della morbida, mi crea soltanto più fastidio del solito ad inseriore la moto in curva. Vediamo i test di domani, ci saranno delle cose nuove, speriamo di fare un altro passo avanti.”

Parlando più nello specifico di quel che sarà il suo futuro, di certo il 9 volte Campione del Mondo darà sempre il massimo per cercar di vincere questa sfida, anche se…

Il mio impegno non è in discussione: è sempre al 110 %, di certo non mi piace prender paga in qualifica dalle altre Ducati e ritrovarmi 10-11°“, afferma Valentino. “La Ducati è una moto diametralmente opposta al mio stile di guida: mi piacerebbe vincere questa sfida, o quantomeno cercar di andar meglio rispetto ad oggi, per questo ci dobbiam provare fino in fondo. Per quanto mi riguarda c’è un modo: non è facile, ma bisognerebbe trovare l’idea giusta per risolvere questi problemi. Noi rispetto alle ultime gare siamo riusciti a migliorare, ma è difficile lottare con Yamaha e Honda che fanno paura e hanno fatto un altro passo avanti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy