MotoGP: Test Sepang 1, Jorge Lorenzo sotto il muro del 2’00”

MotoGP: Test Sepang 1, Jorge Lorenzo sotto il muro del 2’00”

Mattinata del Day 2 a Sepang con Dovizioso 2°

di Redazione Corsedimoto

Incontrando condizioni climatiche ottimali i protagonisti della MotoGP sono tornati in pista nella mattinata di giovedì 5 febbraio per la seconda giornata di Test al Sepang International Circuit. Con temperature più favorevoli, subito al ‘semaforo verde’ di inizio attività gran parte dei ‘big’ della top class hanno sferrato un primo tentativo di ‘time attack’ con responsi interessanti, già sette piloti sotto il muro del 2’01”, ma con un capoclassifica addirittura in grado di infrangere la barriera del 2’00”: Jorge Lorenzo. Per sua stessa ammissione ritrovandosi nella miglior condizione fisica da diversi anni a questa parte, il quattro volte Campione del Mondo al 19° dei 33 giri sinora effettuati ha staccato il crono di 1’59″963, a sostanziali 4/10 dal primato 2014 dei Test siglato da Marc Marquez.

Un assalto al ‘time attack’ riuscito per il maiorchino, apparentemente con un passo gara davvero invidiabile: alle 14:00 ben 12 tornate sotto il muro del 2’01”, con gli ultimi due ‘run’ da rimarcare. Un primo particolarmente competitivo (2’00″839, 2’00″497, 2’00″829, 2’00″672), un secondo con cinque tornate sul 2’01” (2’01″293, 2’01″218, 2’01″859, 2’01″510, 2’01″809) nonostante temperature più elevate. ‘Porfuera’ comanda così la graduatoria per 52/1000 rispetto ad Andrea Dovizioso, a sua volta competitivo nel ‘time attack’ con la Ducati Desmosedici GP14.3, riuscendo tuttavia ad infrangere il muro del 2’01” soltanto in un’occasione con il crono di 2’00″015 in un giro lanciato.

Alternandosi tra le varie Honda RC213V Factory Spec. a disposizione (2014 e 2015), il Campione del Mondo in carica Marc Marquez per il momento ha aspettato a concretizzare un effettivo assalto alla ‘pole’, ma con 9 tornate sul 2’00” ed il terzo crono in 2’00″146 conseguito proprio intorno alle 14:00 in due tornate (2’00″582 e 2’00″146) consecutive prima di rientrare ai box. Il Fenomeno di Cervera precede così nell’ordine il compagno di squadra Dani Pedrosa (a 0″348 dalla vetta), la seconda GP14.3 condotta da Andrea Iannone (2’00″444) e Valentino Rossi, sesto in 2’00″676 a 0″713 dal leader e team-mate Lorenzo, con 36 tornate a referto, 5 delle quali sotto il 2’01” ed incredibilmente 3 in 2’00″900, crono replicato al millesimo.

Scorrendo la graduatoria nei 10 ci sono i fratelli Pol (Yamaha Tech 3) ed Aleix Espargaro (Suzuki) più Cal Crutchlow (LCR Honda) e Stefan Bradl (leader di classe Open con la Forward Yamaha), a seguire Alvaro Bautista è 15° con la prima Aprilia a 2″1 dalla vetta seguito da Danilo Petrucci (Ducati GP14 Pramac, 17°), Michele Pirro (Ducati GP14.2 Pramac, 19°), Alex De Angelis è 23° con la ART ‘Open’, in coda al gruppo Marco Melandri con il 2’04″487 siglato al 3° dei 32 giri finora compiuti. In 25° piazza infine Jack Miller, incappato in una scivolata senza conseguenze alla curva 5 con la Honda RC213V-RS ‘Open’ del team LCR.

MotoGP™ World Championship 2015
Test Sepang 1, Classifica Day 2 (Ore 14:15)

01- Jorge Lorenzo – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – 1’59.963 (33 giri)
02- Andrea Dovizioso – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP14.3 – + 0.052 (27 giri)
03- Marc Marquez – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.183 (37 giri)
04- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.348 (28 giri)
05- Andrea Iannone – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP14.3 – + 0.481 (27 giri)
06- Valentino Rossi – Movistar Yamaha MotoGP – Yamaha YZR M1 – + 0.713 (36 giri)
07- Pol Espargaro – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.996 (36 giri)
08- Cal Crutchlow – CWM LCR Honda – Honda RC213V – + 1.095 (38 giri)
09- Aleix Espargaro – Team Suzuki MotoGP – Suzuki GSX-RR – + 1.381 (32 giri)
10- Stefan Bradl – Forward Racing Team – Forward Yamaha – + 1.521 (30 giri)
11- Bradley Smith – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 1.552 (29 giri)
12- Hector Barbera – Avintia Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 1.652 (33 giri)
13- Hiroshi Aoyama – HRC Test Team – Honda RC213V – + 1.809 (40 giri)
14- Scott Redding – Estrella Galicia 0,0 Marc VDS – Honda RC213V – + 1.881 (29 giri)
15- Alvaro Bautista – Aprilia Racing Team Gresini – Aprilia RS-GP15 – + 2.192 (37 giri)
16- Nicky Hayden – Drive M7 Aspar – Honda RC213V-RS – + 2.265 (22 giri)
17- Danilo Petrucci – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 2.362 (36 giri)
18- Maverick Vinales – Team Suzuki MotoGP – Suzuki GSX-RR – + 2.457 (34 giri)
19- Michele Pirro – Pramac Racing – Ducati Desmosedici GP14.2 – + 2.984 (16 giri)
20- Loris Baz – Forward Racing Team – Forward Yamaha – + 3.115 (24 giri)
21- Eugene Laverty – Drive M7 Aspar – Honda RC213V-RS – + 3.166 (27 giri)
22- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Test Team – Yamaha YZR M1 – + 3.386 (24 giri)
23- Alex De Angelis – Octo Iodaracing Team – ART GP14 – + 3.436 (27 giri)
24- Mike Di Meglio – Avintia Racing – Ducati Desmosedici GP14 – + 3.646 (30 giri)
25- Jack Miller – CWM LCR Honda – Honda RC213V-RS – + 3.667 (31 giri)
26- Takumi Takahashi – HRC Test Team – Honda RC213V – + 3.818 (36 giri)
27- Karel Abraham – AB Motoracing – Honda RC213V-RS – + 4.278 (26 giri)
28- Marco Melandri – Aprilia Racing Team Gresini – Aprilia RS-GP15 – + 4.524 (32 giri)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy